Clicca qui per scaricare

Il ruolo della scuola come agenzia educante
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Annalisa Frigenti 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 85-105 Dimensione file:  236 KB
DOI:  10.3280/WE2017-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’obiettivo di questo lavoro è quello di proporre una riflessione del ruolo della scuola come agenzia educante. Sconfiggere e/o prevenire la povertà educativa è una delle mission dell’istituzione scolastica, anche in base al fatto che la famiglia è sempre meno attrezzata a rispondere da sola ai bisogni educativi dei giovani. È la scuola che spesso è chiamata a supportare i genitori nel sostenere il loro ruolo. Il contributo focalizza l’attenzione sul rapporto che gli alunni hanno con i propri nonni e sul tipo di relazione. Il passaggio generazionale, la trasmissione di valori e della memoria storico-culturale della famiglia passa, infatti, in particolar modo attraverso la relazione nonni/nipoti.


Keywords: Comunità educante, povertà educativa, generazione, nonni e nipoti, istituzione scolastica

  1. Astra Ricerche (2005). Gli Italiani, gli anziani e l’invecchiamento; sintesi dell’indagine demoscopica realizzata da Astra Ricerche, per conto della SIGG, la società italiana di geriatria e gerontologia.
  2. Atkinson R. (2002). L’intervista narrativa. Raccontare la storia di sé nella ricerca formativa, organizzativa e sociale. Milano: Cortina.
  3. Atlante Treccani (2018). La misteriosa capacità rigenerativa dell’axolotl.
  4. Bauman Z. (2011). Modernità liquida. Bari: Laterza.
  5. Brochmeier J. (1997). Il significato di sviluppo nella narrazione autobiografica. In: Smorti A., a cura di, Il sé come testo. Costruzione delle storie e sviluppo della persona. Firenze: Giunti.
  6. Commissione Europea/EACEA/Eurydice (2012). Sviluppo delle competenze chiave a scuola in Europa: sfide ed opportunità delle politiche educative. Rapporto Eurydice. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione Europea.
  7. Crepet P. Il buonismo educativo dei genitori ha trasformato I figli in piccoli Buddha – Editoriale del 20\02\2018. Disponibile al sito: www.Docenti.it. Video intervento alla trasmissione Tagadà -- Disponibile al sito: http://www.la7.it/tagada/video/crepet-non-abbiamo-pi%25C3%25B9-dei-figli-ma-dei-piccoli-budda-decidono-tutto-loro-16-02-2018-234249.
  8. De Beni R. (2009). Psicologia dell’invecchiamento. Bologna: il Mulino.
  9. Demetrio D. (1996). Raccontarsi, l’autobiografia come cura di sé. Milano: Cortina.
  10. Demetrio D. (1999). L’educatore auto(bio)grafo. Il metodo delle storie di vita nelle relazioni d’aiuto. Milano: Unicopli.
  11. Erikson E.H. and Erikson J.M. (1999). I cicli della vita. Continuità e mutamenti. Roma: Armando Editore.
  12. Geertz C. (1973). The interpretation of cultures: selectedessays. New York: Basic Books.
  13. Gelli B.R. (2002). Comunità: dalla metafora al concetto. In: Gelli B.R., a cura di, Comunità, rete, arcipelago. Metafore del vivere sociale. Roma: Carocci, pp. 21-36.
  14. Ghisleni M. (1998). Teoria sociale e modernità. Saggio sulla storia della sociologia. Roma: Carocci.
  15. Giaccardi C. e Magatti M. (2001). La globalizzazione non è un destino. Mutamenti strutturali ed esperienze soggettive nell’età contemporanea. Roma-Bari: Laterza.
  16. Gianturco G. (2005). La ricerca sul campo. In: Macioti M., a cura di, Introduzione alla sociologia. Milano: McGraw Hill, pp. 271-296.
  17. Giddens A. (1990). The Consequences of Modernity. Cambridge: Polity Press.
  18. Giddens A. (2000a). Cogliere l’occasione. Le sfide di un mondo che cambia. Roma: Carocci. (Tit. orig.: The Third Way and its Critics).
  19. Giddens A. (2000b). Il mondo che cambia. Come la globalizzazione ridisegna la nostra vita. Bologna: il Mulino. (Tit. orig.: Runaway World. How Globalization is Reshaping Our Lives, 1999).
  20. Goleman D. (2015). Emotional Intelligence. BUR (Biblioteca Universale Rizzoli).
  21. Mortari L. (2005). Narrative Inquiry e fenomenologia. Encyclopaideia, 17: 11-22.
  22. Mortimore P. (2002). Gli effetti positivi della scolarizzazione. In: Rutter M., a cura di, I disturbi psicosociali dei giovani: sfide per la prevenzione. Roma: Armando editore, pp. 394-432.
  23. Olagnero M. (2005). Vite nel tempo. Roma: Carocci.
  24. Pinto Minerva F. (1974). Educazione e senescenza. Introduzione al problema della formazione della terza età. Roma: Bulzoni.
  25. Potestio A. (2011). Il lavoro e l’educazione in Rousseau. Bergamo: Scuola Internazionale di Dottorato in “Formazione della Persona e Mercato del Lavoro”, Università di Bergamo.
  26. Prilleltensky I. and Nelson G. (2002). Doing Psychology Critically: Making a Difference in Diverse Settings. Palgrave Macmillan.
  27. Robins L.N. (2002). Tendenze socioculturali che influenzano la prevalenza dei problemi adolescenziali. In: Rutter M., a cura di, I disturbi psicosociali dei giovani: sfide per la prevenzione. Roma: Armando editore, pp. 443-458.
  28. Rutter M., a cura di (2002). I disturbi psicosociali dei giovani: sfide per la prevenzione. Roma: Armando editore.
  29. Semeraro R. (2011). L’analisi qualitativa dei dati di ricerca in educazione. Giornale Italiano della Ricerca Educativa, 4 (7): 97-106.
  30. Strano G. (2017). Educare alla rete: il ruolo della scuola nella prevenzione e il contrasto delle nuove forme di bullismo. Dirigere la scuola, 3.
  31. Trentini M. (2000). Oltre l’intervista, il colloquio nei contesti sociali. Torino: ISEDI.
  32. Trinchero R. (2004). I metodi della ricerca educativa. Roma-Bari: Laterza.
  33. Unesco (1997b). Dichiarazione finale della V Conferenza Internazionale sull’educazione degli adulti. Parigi: Unesco.

Annalisa Frigenti, in "WELFARE E ERGONOMIA" 2/2017, pp. 85-105, DOI:10.3280/WE2017-002005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche