"Riflessi d'anima nello spirito del fiume". Frammenti di un discorso etico tra l'Io e il Sé in una situazione di coercizione della libertà
Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI 
Autori/Curatori: Simona Massa Ope 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 49 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 67-87 Dimensione file:  0 KB
DOI:  doi.org/10.3280/jun1-2019oa7909
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo è l’elaborazione, dal punto di vista della psicologia analitica, di un’esperienza di espressività corporea condotta dall’Autrice all’interno di una situazione di coercizione della libertà. Il gesto è la parola più antica. Parola intesa non come Logos ma come Mythos: parola simbolica. Il gruppo, tramite il linguaggio del corpo, ha manifestato il mito, la narrazione simbolica, che lo abitava nel qui e ora dell’incontro. È emersa la funzione riparativa dell’inconscio transpersonale rispetto all’assetto della coscienza del gruppo. Il fiume, come immagine archetipica dello spirito, ha rispecchiato valore e purezza originaria a una coscienza identificata con ombre di colpa, vergogna e indegnità.


Keywords: ri-animare; attività immaginativa; mythos/parola simbolica; espressività corporea; dialogo etico tra l’Io e il Sé; simbolismo acquatico



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Simona Massa Ope, in "STUDI JUNGHIANI" 49/2019, pp. 67-87, DOI:doi.org/10.3280/jun1-2019oa7909

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche