Clicca qui per scaricare

Rischio cardiovascolare: diversità tra uomini e donne
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Roberto Volpe 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 135-142 Dimensione file:  243 KB
DOI:  10.3280/WE2018-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Se l’incidenza di eventi vascolari nelle donne, almeno fino ai settantacinque anni, è inferiore rispetto agli uomini, il tasso di mortalità è maggiore: in altre parole, quando le donne vengo-no colpite da infarto acuto, esse presentano una maggiore mortalità rispetto agli uomini. e recidive di infarto sono, poi, più frequenti nelle donne. Pertanto, prevenzione e terapia car-diovascolare vanno migliorate anche (e soprattutto) nelle donne.


Keywords: Medicina di genere; rischio cardiovascolare; mortalità; prevenzione.

  1. Crilly M.A., Bundred P.E., Leckey L.C. and Johnstone F.C. (2008). Gender bias in the clinical management of women with angina: another look at the Yentl syndrome. Journal of Womens’ Health, 17: 331-342.
  2. Enriquez J.R., Pratap P., Zbilut J.P, Calvin J.E. and Volgman A.S. (2008). Women tolerate drug therapy for coronary artery disease as well as men do, but are treated less frequently with aspirin, beta-blockers, or statins. Gender Medicine, 5: 53-61.
  3. European Guidelines on Cardiovascular Disease Prevention in Clinical Practice. The Fifth Joint Task Force of the European Society of Cardiology and Other Societies on Cardiovascular Disease Prevention in Clinical Practice (2012). European Journal of Preventive Cardiology, 19: 585-667., 10.1177/2047487312450228DOI: 10.1177/2047487312450228
  4. Giampaoli S., Vannuzzo D. e Gruppo di Ricerca del Progetto osservatorio Epidemiologico/Health Examination Survey (2014). La salute cardiovascolare degli italiani. Terzo Atlante italiano delle Malattie Cardiovascolari. Giornale Italiano di Cardiologia, 15(4 Suppl 1): 7S-31S.
  5. Healy B. (1991). The Yentl Syndrome. New England Journal of Medicine, 325: 274-276.
  6. ISTAT (2014). Anno 2012. Le principali cause di morte in Italia. -- Testo disponibile al sito: www.istat.it/it/files/2014/Principali_cause_morte-2012.
  7. Modena M.G., Volpe M. e Bellotto F. et al. (2010). Prevenzione dell’infarto del miocardio nella donna. Documento del Gruppo di Lavoro SIPREC. -- Testo disponibile al sito: https://docplayer.it/50229115-Prevenzione-dell-infarto-del-miocardio-nella-donna.html.
  8. Volpe R., Sotis G., Gavita R., Urbinati S., Valle S. and Modena M.G. (2012). Healthy diet to prevent cardiovascular diseases and osteoporosis. The experience of the “Pro.Sa.” project. High Blood Pressure & Cardiovascular Prevention, 19(2): 65-71.
  9. Wilkins E., Wilson L., Wickramasinghe K., Bhatnagar P., Leal J., Luengo-Fernandez R., Burns R., Rayner M. and Townsend N. (2017). European Cardiovascular Disease Statistics. Brussels: European Heart Network.

Roberto Volpe, in "WELFARE E ERGONOMIA" 1/2018, pp. 135-142, DOI:10.3280/WE2018-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche