«No he de permitir en mi corte». Controversias ceremoniales en torno a la entrada madrileña de Richard Fanshawe (1664)

Titolo Rivista: CHEIRON
Autori/Curatori: Cristina Bravo Lozano
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 27 P. 37-63 Dimensione file: 242 KB
DOI: 10.3280/CHE2018-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel mese di giugno 1664, la prima udienza dell’ambasciatore inglese Sir Richard Fanshawe con Filippo IV inserì novità nell’accompagnamento diplomatico praticato nella corte di Madrid per tali funzioni. Alle difficoltà nella richiesta d’alloggio successe un complesso regolamento dell’etichetta palatina che doveva essere seguita nel suo ingresso ufficiale. L’oggetto di questo saggio è presentare la singolarità di questo case study per capire il trattamento riservato ai rappresentanti europei dopo l’incidente ispanofrancese del 1661 e i dibattiti per articolare le norme cerimoniali spagnole secondo le quali, senza disonore della loro dignità e privilegi, si baserebbero i successivi ricevimenti reali.

Cristina Bravo Lozano, «No he de permitir en mi corte». Controversias ceremoniales en torno a la entrada madrileña de Richard Fanshawe (1664) in "CHEIRON" 1/2018, pp 37-63, DOI: 10.3280/CHE2018-001003