Clicca qui per scaricare

La formazione dello psicoterapeuta come avventura trasformativa
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Anna Fabbrini 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 57-71 Dimensione file:  227 KB
DOI:  10.3280/GEST2019-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo riprende e amplifica la relazione presentata dall’autrice al Convegno Internazio-nale "L’estetica della relazione di cura", che si è tenuto a Milano nel novembre 2018, organiz-zato dall’Istituto di Gestalt HCC Italy. La riflessione si concentra su un aspetto particolare del-la formazione del terapeuta e precisamente sull’importanza della psicoterapia personale effet-tuata in concomitanza del percorso formativo. Considerata a tutti gli effetti come parte integran-te della formazione, essa diventa la condizione per fare propri, incorporare i saperi appresi at-traverso lo studio teorico e anche per affinare una propria creatività nell’esercizio della pratica di cura dei pazienti. Il percorso del conoscere se stessi e conoscere il proprio mondo relazionale interno è da considerarsi fondativo per chi cura: i saperi teorici appresi dovranno costantemente fare i conti con la capacità di presenza, col modo di essere forma nella relazione per risuonare alla parola e al corpo dell’altro. Il testo analizza alcuni saperi esperienziali necessari a colui che cura, per potersi sintonizza-re della relazione terapeutica: il sapere del contatto e della differenza, il sapere della propria sto-ria e il sapere del proprio corpo. Vengono portate inoltre alcune riflessioni sulla cura del set-ting come dispositivo di tutela da parte dello psicoterapeuta nei confronti del carico emotivo derivante dal contatto con la sofferenza dei pazienti.


Keywords: Dialogo interno, contatto, confini, differenza, corpo, spontaneità.

  1. Borgna E. (2009). Noi siamo un colloquio: gli orizzonti della conoscenza e della cura in psichiatria. Milano: Feltrinelli.
  2. Camus A. (2013). L’estate e altri saggi solari. Milano: Bompiani (ed. or.: Noces:Suivi de l’Été. Paris: Gallimard, 1950).
  3. Chatwin B. (1988). Le vie dei canti. Milano: Adelphi (ed. or.: The Songlines. London UK: Jonathan Cape, 1987).
  4. Cousté A. (1974). Il Tarocco ovvero: la macchina per immaginare. Milano: Bompiani (ed. or.: El Tarot o la Maquina de Imaginar. Barcelona: Barral Editores, 1972).
  5. Dostoevskij F.M. (1994). I fratelli Karamazov. Milano: Mondadori (ed. or.: Brat'ja Karamazovy. Russkij vedtnick, 1879-1880).
  6. Evtusenko E.A. (1986). Poesie d’amore. Roma: Newton Compton.
  7. Fabbrini A. (1991). La presenza come dimensione psico-fisica in Psicoterapia della Gestalt. In: Zerbetto R., a cura di, Per una scienza dell’esperienza, Atti del I Convegno Internazionale di Psicoterapia della Gestalt. Siena: Centro Studi Psicosomatica.
  8. Fabbrini A. (1996). Le radici corporee dell’esperienza emotiva. Per una lettura gestaltica degli stati limite. In: Barone L., Maffei C., a cura di, Emozione e conoscenza nei disturbi di personalità. Milano: Franco Angeli.
  9. Hillman J. (2004). Il potere. Come usarlo con intelligenza. Milano: BUR (ed. or.: Kinds of Power. A Guide to Its Intelligent Uses. London, UK: Penguin Random House, 1995).
  10. Hillman J. (2009). Il Codice dell’anima. Milano: Adelphi (ed. or.: The Soul’s Code. In Search of Character and Calling. New York: Ballantine Books, 1996).
  11. Laing R.D. (1969). L’io diviso. Studio di psichiatria esistenziale. Torino: Einaudi (ed. or.: The Divided Self. An Existential Study in Sanity and Madness. Hermondsworth, UK: Penguin, 1959).
  12. Laing R.D. (2002). L’io e gli altri. Psicopatologia dei processi interattivi. Milano: BUR (ed. or.: The Self and the Others. London, UK: Tavistock Publications 1959).
  13. Melucci A. (1987). Libertà che cambia. Una ecologia del quotidiano Milano: Unicopli.
  14. Melucci A. (1991). Il gioco dell’io. Il cambiamento di sé in una società globale. Milano: Feltrinelli.
  15. Melucci A. (1992). La debolezza del guaritore. Milano: Alianews 1-2.
  16. Stern D.N. (1987). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Boringhieri (ed. or. The Interpersonal World of the Infant. New York: Basic Books, 1985).
  17. Treccani (2014). Dizionario della lingua italiana. Firenze: Giunti.

Anna Fabbrini, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2019, pp. 57-71, DOI:10.3280/GEST2019-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche