Clicca qui per scaricare

Come si sarebbe sviluppata la psicoterapia della Gestalt sulla base concettuale della psicologia della Gestalt? La vita e le opere di Georges Wollants (1941-2018)
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Gerhard Stemberger 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 103-116 Dimensione file:  232 KB
DOI:  10.3280/GEST2019-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo racconta la vita e il lavoro di Georges Wollants (1941-2018), terapeuta del-la Gestalt belga. Wollants occupa una posizione particolare nella comunità gestaltica interna-zionale, poiché definisce la psicoterapia della Gestalt in modo diverso dal solito: lo sfondo in-tellettuale di Wollants era infatti radicato nella psicologia fenomenologica della Dutch Utrecht School e della Belgian Leeuwen School, strettamente connesse con la teoria della psicologia della Gestalt della Scuola di Berlino. Ciò è particolarmente evidente nella sua opera Gestalt Therapy - Therapy of the Situation, in cui, già nell’introduzione, si domanda come la psicote-rapia della Gestalt si sarebbe evoluta se, fin dall’inizio, le intuizioni, i principi e le applicazioni della Scuola di Berlino fossero stati integrati nella pratica e nella formulazione dei concetti di base presenti in Gestalt Therapy. In questo libro il suo intento era dimostrare che una psicoterapia della Gestalt basata sulla teoria della Scuola di Berlino (costruita sul lavoro di Wertheimer, Köhler, Koffka, Lewin e Metzger) è possibile, e evidenziare cosa questo avrebbe significato nella teoria e nella pratica della psicoterapia della Gestalt.


Keywords: Terapia della situazione, psicologia della Gestalt, scuola di Berlino, fenomeno-logia, ambiente.

Gerhard Stemberger, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2019, pp. 103-116, DOI:10.3280/GEST2019-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche