Clicca qui per scaricare

L’analista oggetto di delega e la delega dell’analista: ostacoli e ponti verso l’assunzione del paziente
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Valentina Piroli 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 13-31 Dimensione file:  201 KB
DOI:  10.3280/RPR2019-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo lavoro si propone una riflessione sul significato del concetto di assunzione all’interno del processo analitico, definito come la possibilità, per l’Io-soggetto, di fare i conti con la propria configurazione storica, di appropriarsene, di andare oltre l’attuazione di sé che avviene in base alla coscienza e accedere al rapporto qualitativo con l’organizza-zione che gli è propria attraverso la coscienza della coscienza, andando oltre la delega che è tendenza di ogni Io-soggetto e che accomuna paziente ed analista in quanto entrambi Io-soggetto. Ci si interroga, anche attraverso la breve illustrazione di un caso clinico, riguardo al senso e al ruolo dell’assunzione di sé e del paziente da parte dell’analista, all’interno della relazione terapeutica, e su quale sia il modo in cui l’analista possa favorire l’assunzione di sé del paziente attraverso l’assunzione di sé, rivolgendo un’attenzione costante ai giochi di deleghe e pretese reciproche che inevitabilmente si instaurano durante il processo analitico.


Keywords: Assunzione di sé, assunzione del paziente, delega, relazione terapeutica

  1. Flores Riquelme J. (2007). Conflitto sociale e soggettività: l’implicazione dell’analista. Ricerca Psicoanalitica, 2: 155-165.
  2. Minolli M. (2009). Psicoanalisi della Relazione. Milano: FrancoAngeli.
  3. Minolli M. (2015). Essere e Divenire. La sofferenza dell’individualismo. Milano: FrancoAngeli.
  4. Minolli M. (2016). Che aspetti ad andartene? L’amore nella cultura iper-moderna. Roma: Alpes.
  5. Ripa di Meana G. (2017). Rendere onore al sintomo. Ricerca Psicoanalitica, 3: 55-65.
  6. Tricoli M.L. (2001). Dal controtransfert alla self-disclosure: alla scoperta della soggettività dell’analista. Ricerca Psicoanalitica, 3: 229-245.
  7. Tricoli M.L. (2017). Il sintomo: da indice di malattia a espressione di un soggetto unitario. Ricerca Psicoanalitica, 3: 9-20.

Valentina Piroli, in "RICERCA PSICOANALITICA" 3/2019, pp. 13-31, DOI:10.3280/RPR2019-003003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche