Clicca qui per scaricare

Il conflitto di lealtà
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Claudio Cassardo 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 53-68 Dimensione file:  179 KB
DOI:  10.3280/RPR2019-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore intende mettere in rilievo gli elementi che influenzano l’assunzione del paziente da parte del clinico, in merito alla sua autobiografia familiare, in merito alla sua autobiografia formativa e professionale, e in merito ai vincoli istituzionali a cui è legato per ragioni di scuola o di credo teorico. L’obiettivo è mostrare come questi dati possano generare un’attitudine non autentica verso la cura, e il rischio di agire per ottenere l’assunzione di un consenso piuttosto che l’assunzione effettiva del paziente inteso come persona dotata di una unicità rispetto alla quale confrontare il tipo di setting formale e mentale da creare e condividere. Si possono individuare almeno quattro livelli di conflitto di lealtà: un livello sentimentale, in base al quale il clinico può sentire di tradire la sua appartenenza in termini di formazione e di maestri; un livello estetico in base al quale il clinico può trovarsi in una identificazione di tipo estetico, formale, imitativo nei confronti dei maestri; un livello teorico, in base al quale il clinico può trovarsi, senza avvertirlo, a non aprire le sue vedute in quanto sottoposto ad una censura nei confronti della sua pensabilità; un livello sociale, o culturale, in base al quale il clinico può trovarsi, in parte riconoscendolo e in parte no, a frequentare mode concettuali in auge all’interno della sua comunità intellettuale di appartenenza.


Keywords: Conflitto, lealtà, assunzione, autenticità, sé, censura

  1. Bion W.R. (1948). Experiences in Groups. London: Human Relations, Vols. I-IV (trad. it.: Esperienze nei gruppi. Roma: Armando, 1971)
  2. Bion W.R. (1970). Attention and Interpretation. London: Tavistock (trad. it.: Attenzione e interpretazione. Roma: Armando, 1973).
  3. Bion W.R. (1992). Cogitations. London: Karnak (trad. it.: Cogitations-Pensieri. Roma: Armando, 2010).
  4. Borgogno F., Maggioni G., a cura di (2016). Una mente a più voci. Sulla vita e sull’opera di Dina Vallino. Milano: Mimesis.
  5. Cooper S. (2016).The Analyst’s Experience of the Depressive Position. London; Routledge (trad. it.: L’esperienza della posizione depressiva dell’analista. Milano: Raffaello Cortina, 2018).
  6. Gaburri E., Ambrosiano L. (2003). Ululare con i lupi. Conformismo e rêverie. Torino: Bollati Boringhieri.
  7. Green A. (1973). La psychose blanche. Paris: Edition de Minuit (trad. it.: La psicosi bianca. Roma: Borla, 1992).
  8. Greenberg J.R, Mitchell.S.A. (1983). Object Relations in Psychoanalytic Theory. Cambridge: Harvard University Press (trad. it.: Le relazioni oggettuali nella teoria psicoanalitica. Milano: Raffaello Cortina, 1986).
  9. Ferro A. (1996). Nella stanza d’analisi. Milano: Raffaello Cortina.
  10. Flaubert G. (1859). L’education Sentimentale. Paris: Levy.
  11. Meltzer D. (1981). Psicopatologia dell’adolescente. Quaderni di Psicoterapia Infantile. Roma: Borla.
  12. Meltzer D. (1989). Amore e timore della bellezza. Roma: Borla.
  13. Minolli M. (2009). Psicoanalisi della relazione. Milano: FrancoAngeli.
  14. Ogden T.H. (2016).Vite non vissute. Esperienze in psicoanalisi. Milano: Raffaello Cortina.
  15. Poe E.A. (1845). The Purloined Letter. Philadelphia: Carey and Hart (trad. it: La lettera rubata e altri racconti. Milano: Rizzoli, 2009).
  16. Kaës R. (2009). Les alliances inconscientes. Paris: Dunod (trad. it.: Le alleanze inconsce. Roma: Borla, 2009).
  17. Racker H. (1968). Transference and Countertransference. London: Hogarth Press.
  18. Vallino D. (2012). Raccontami una storia. Milano: Mimesis.

Claudio Cassardo, in "RICERCA PSICOANALITICA" 3/2019, pp. 53-68, DOI:10.3280/RPR2019-003005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche