Legami familiari e violenza, il lavoro del gruppo nella pensabilità

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Anna Iannotta
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 6 P. 175-179 Dimensione file: 127 KB
DOI: 10.3280/GRU2019-002017
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Dalla lettura di testo di Gabriele Profita, si prende spunto per interrogarsi sul la-voro che si può svolgere in un gruppo per quei soggetti che nella loro vita si trovano a dover affrontare un legame aggressivo. Quanto il percorso terapeutico può per-mettere al soggetto di vedersi in una prospettiva di riconoscimento, e ripercorrere le identificazioni cristallizzate della propria storia in un’ottica di evoluzione. Il lavoro di gruppo può aiutare una diversa rappresentazione di sé.

  1. Aulagnier P. (1975). La violenza dell’interpretazione. Roma: Borla, 2005.
  2. Gaudé S. (1998). Sulla Rappresentazione. Roma: Apes Italia, 2015.
  3. Lacan J. (1991). Libro XVII. Il rovescio della psicoanalisi. Torino: Einaudi.
  4. Profita G. (2014). Malinteso e conflitto: il sottile confine tra negoziare e agire Gruppi, XV, 1: 55-67. DOI: 10.3280/GRU2014-001006
  5. Winnicott D.W. (1967). Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Anna Iannotta, Legami familiari e violenza, il lavoro del gruppo nella pensabilità in "GRUPPI" 2/2019, pp 175-179, DOI: 10.3280/GRU2019-002017