Clicca qui per scaricare

Modelli virtuosi di collaborazione pubblico-privato: la presa in carico della radioterapia di una AUSL da parte di un IRCCS oncologico privato
Titolo Rivista: MECOSAN 
Autori/Curatori: Davide Gallegati, Lucia Bertoni, Antonino Romeo, Nicola Gentili, Laura Solinas, Ilaria Massa, Mattia Altini 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 111 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 113-123 Dimensione file:  394 KB
DOI:  10.3280/MESA2019-111006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I sistemi sanitari regionali sono finanziati in gran parte con criterio pro capite, corretto dai costi e ricavi derivanti dalla mobilità dei residenti, spesso verso regioni o strutture più performanti. Laddove i servizi sono meno performanti, ovvero non vengono effettuati investimenti cruciali, si genera una duplicazione di costi per la Regione o per la AUSL di residenza: ai costi (in gran parte fissi) delle strutture pubbliche obsolete o poco performanti si aggiunge il costo dell’acquisto da terzi (mobilità passiva verso altri territori o verso il privato), senza parlare del disagio e dei costi sopportati dai pazienti per il trasferimento. Può così innescarsi un circuito vizioso, per il quale le opportunità di investimento vengono ulteriormente ridotte e - nonostante un finanziamento omogeneo pro capite - il gap tra territori rischia di allargarsi (vedi Nord-Sud Italia). L’articolo mostra una possibile soluzione al problema, descrivendo la presa in carico da parte di un IRCCS pubblico-privato di un servizio AUSL di radioterapia in stato di obsolescenza tecnologica. Tale intervento esita in un risultato win-win sia per l’AUSL sia per l’IRCCS, ma soprattutto per i cittadini, che vedono incrementare sensibilmente il livello di assistenza erogato alla popolazione a parità o riduzione dei costi pro capite, ossia il "valore sanitario di popolazione" inteso come livello dei servizi per euro pro capite speso.


Keywords: Collaborazione pubblico- privato, contenimento dei costi in sanità, valore per la popolazione, metodo per la misurazione della performance.

  1. Bazzoli G., Stein J., Alexander J.A., Conrad D.A., Sofaer S., Shortell S.M. (1997). Public-Private Collaboration in Health and Human Service Delivery: Evidence from Community Partnerships. Milbank Quarterly, 75(4): 533-561.
  2. Borras J.M., Lievens Y., Barton M., Corral J., Ferlay J., Bray F. & Grau C. (2016). How many new cancer patients in Europe will require radiotherapy by 2025? An ESTRO-HERO analysis. Radiotherapy and Oncology, 119(1): 5-11.
  3. Borras J.M., Lievens Y., Dunscombe P., Coffey M., Malicki J., Corral J., ... & van Eycken L. (2015). The optimal utilization proportion of external beam radiotherapy in European countries: an ESTROHERO analysis. Radiotherapy and Oncology, 116(1): 38-44.
  4. Brinkerhoff D.W. & Brinkerhoff J.M. (2011). Public–private partnerships: Perspectives on purposes, publicness, and good governance. Public administration and development, 31(1): 2-14.
  5. Gray J.M. (2013). The shift to personalised and population medicine. The Lancet, 382(9888): 200-201.
  6. Gray M. (2017). Value based healthcare. British Medical Journal, 356: 437.
  7. Hodge G.A., Greve C. & Biygautane M. (2018). Do PPP’s work? What and How Have We Been Learning So Far?. Public Management Review, 20(8): 1105-1121.
  8. Neri S. (2011, November). Public-private partnerships in a decentralised NHS: the case of Italy. In: Healthcare systems: change and outcomes. Ideas, institutions, actors and reforms.
  9. OECD (2008). Public–Private Partnerships: In Pursuit of Risk Sharing and Value for Money, Public Governance and Territorial Development Directorate Public Governance Committee. Paris: OECD Publishing.

Davide Gallegati, Lucia Bertoni, Antonino Romeo, Nicola Gentili, Laura Solinas, Ilaria Massa, Mattia Altini, in "MECOSAN" 111/2019, pp. 113-123, DOI:10.3280/MESA2019-111006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche