Per una nuova clinica dell’asilo. Tra mondo dell’invisibile e visibilità dell’inconscio

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Antonio d’Angiò
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 14 P. 110-123 Dimensione file: 214 KB
DOI: 10.3280/INT2020-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’architettura di questo contributo, essenzialmente clinico, poggia su quattro assi portanti. Il primo riguarda l’inquadramento della storia di un giovane gambiano, Lamin, nell’eterogeneo scenario culturale ed etnico-religioso di un Islam che si presenta come un prodotto sincretistico ad alta complessità e sempre più contiguo al mondo animista delle forze invisibili. Il secondo concerne il racconto del giovane Lamin che, poco più che undicenne - quando nessuno lo vede - riesce a fuggire dal suo villaggio dove non ha più diritto di dimora in quanto accusato dallo zio marabou di essere la causa della maledizione che si è abbattuta sulla famiglia. Sotto il peso di un segreto insostenibile e di vistosi sentimenti di paura e di vergogna, Lamin attraversa, il Mali, il Niger ed arriva in Libia dove viene abusato e torturato. Il terzo riguarda l’approdo di Lamin su un barcone in Sicilia all’età di 15 anni e mezzo. Dirà alle psicologhe che lo hanno in carico da ormai vari anni: "Negli ospedali italiani non sanno curare la mia malattia perché non la vedono". Il quarto è quello metapsicologico che tenta di legare il mondo dell’invisibile alla visibilità dell’inconscio.

  1. Amati Sas S., Caloz-Tschopp M.C., Wagner V. (2016). Trois concepts pour comprendre José Bleger. Paris: l’Harmattan.
  2. Benslama F. (1999). Épreuves de l’étranger. In Ménéchal J. (sous la direction de), Le Risque de l’étranger. Soin psychique et politique. Paris: Dunod.
  3. Benslama F. (2012). La psicoanalisi alla prova dell’Islam. Milano: Il Ponte.
  4. Bortolanni G. (2018). Feticci e credenze religiose dei Bakongo. Roma: Eurilink University Press.
  5. d’Angiò A (2012). Appunti per una geografia delle metapsicologie. Archivio di Etnografia, n.s., 5: 61-100.
  6. d’Angiò A. (2015). Lo specchio e la bussola. In Métraux J.C., La migrazione come metafora. Milano: Il Ponte.
  7. d’Angiò A. (2019). Psicopatologia della Migrazione e dell’Esilio. Tra narrazione etnopsichiatrica e complessità della cura. In d’Angiò A., Visconti M. (a cura di), Persone fragili. La vita psichica dei migranti forzati tra cura ed esclusione. Napoli: Guida Editori.
  8. De Micco V. (2014). Trapiantare/tramandare. Legami e identificazioni nei transiti migratori. Interazioni, 1, 39: 32-46. DOI: 10.3280/INT2014-001004
  9. Freud S., Breuer J. (1895). Studi sull’isteria. OSF, vol. 1. Torino: Bollati Boringhieri.
  10. Grinberg L., Grinberg R. (1990). Psicoanalisi della emigrazione e dell’esilio. Milano: FrancoAngeli.
  11. Inglese S., Cardamone G. (2010). Dejà vu – Tracce di Etnopsichiatria critica. Paderno Dugnago (MI): Colibrì.
  12. Kaës R. (2005). Différence culturelle et souffrances de l’identité. Paris: Dunod.
  13. Labib al-Tahir, Sa’rawi H., Hanafi H. (2006). L’altro nella cultura araba. Messina: Mesogea.
  14. Nadeau M. (1945). Storia e antologia del surrealismo. Milano: Mondadori, 1980.
  15. Nathan T. (1996). Principi di Etnopsicoanalisi. Torino: Bollati Boringhieri, 1996.
  16. Pestre E. (2014). La vie psychique des réfugiés. Paris: Payot.
  17. Preta L. (a cura di) (2016). Cartografie dell’inconscio, un nuovo atlante per la psicoanalisi. Milano: Mimesis.
  18. Preta L. (2018). Dislocated subject. Milano: Mimesis.
  19. Resnik S. (2007). Il corporeo e l’incorporeo: l’invisibilità dei sentimenti. In Resnik S., Biografie dell’inconscio. Roma: Borla

Antonio d’Angiò, Per una nuova clinica dell’asilo. Tra mondo dell’invisibile e visibilità dell’inconscio in "INTERAZIONI" 1/2020, pp 110-123, DOI: 10.3280/INT2020-001008