Clicca qui per scaricare

Per una nuova clinica dell’asilo. Tra mondo dell’invisibile e visibilità dell’inconscio
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Antonio d’Angiò 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 110-123 Dimensione file:  214 KB
DOI:  10.3280/INT2020-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’architettura di questo contributo, essenzialmente clinico, poggia su quattro assi portanti. Il primo riguarda l’inquadramento della storia di un giovane gambiano, Lamin, nell’eterogeneo scenario culturale ed etnico-religioso di un Islam che si presenta come un prodotto sincretistico ad alta complessità e sempre più contiguo al mondo animista delle forze invisibili. Il secondo concerne il racconto del giovane Lamin che, poco più che undicenne - quando nessuno lo vede - riesce a fuggire dal suo villaggio dove non ha più diritto di dimora in quanto accusato dallo zio marabou di essere la causa della maledizione che si è abbattuta sulla famiglia. Sotto il peso di un segreto insostenibile e di vistosi sentimenti di paura e di vergogna, Lamin attraversa, il Mali, il Niger ed arriva in Libia dove viene abusato e torturato. Il terzo riguarda l’approdo di Lamin su un barcone in Sicilia all’età di 15 anni e mezzo. Dirà alle psicologhe che lo hanno in carico da ormai vari anni: "Negli ospedali italiani non sanno curare la mia malattia perché non la vedono". Il quarto è quello metapsicologico che tenta di legare il mondo dell’invisibile alla visibilità dell’inconscio.


Keywords: Islam, cosmogonia mandinka, dislocazione, visibilità, inconscio.

  1. Amati Sas S., Caloz-Tschopp M.C., Wagner V. (2016). Trois concepts pour comprendre José Bleger. Paris: l’Harmattan.
  2. Benslama F. (1999). Épreuves de l’étranger. In Ménéchal J. (sous la direction de), Le Risque de l’étranger. Soin psychique et politique. Paris: Dunod.
  3. Benslama F. (2012). La psicoanalisi alla prova dell’Islam. Milano: Il Ponte.
  4. Bortolanni G. (2018). Feticci e credenze religiose dei Bakongo. Roma: Eurilink University Press.
  5. d’Angiò A (2012). Appunti per una geografia delle metapsicologie. Archivio di Etnografia, n.s., 5: 61-100.
  6. d’Angiò A. (2015). Lo specchio e la bussola. In Métraux J.C., La migrazione come metafora. Milano: Il Ponte.
  7. d’Angiò A. (2019). Psicopatologia della Migrazione e dell’Esilio. Tra narrazione etnopsichiatrica e complessità della cura. In d’Angiò A., Visconti M. (a cura di), Persone fragili. La vita psichica dei migranti forzati tra cura ed esclusione. Napoli: Guida Editori.
  8. De Micco V. (2014). Trapiantare/tramandare. Legami e identificazioni nei transiti migratori. Interazioni, 1, 39: 32-46., DOI: 10.3280/INT2014-001004
  9. Freud S., Breuer J. (1895). Studi sull’isteria. OSF, vol. 1. Torino: Bollati Boringhieri.
  10. Grinberg L., Grinberg R. (1990). Psicoanalisi della emigrazione e dell’esilio. Milano: FrancoAngeli.
  11. Inglese S., Cardamone G. (2010). Dejà vu – Tracce di Etnopsichiatria critica. Paderno Dugnago (MI): Colibrì.
  12. Kaës R. (2005). Différence culturelle et souffrances de l’identité. Paris: Dunod.
  13. Labib al-Tahir, Sa’rawi H., Hanafi H. (2006). L’altro nella cultura araba. Messina: Mesogea.
  14. Nadeau M. (1945). Storia e antologia del surrealismo. Milano: Mondadori, 1980.
  15. Nathan T. (1996). Principi di Etnopsicoanalisi. Torino: Bollati Boringhieri, 1996.
  16. Pestre E. (2014). La vie psychique des réfugiés. Paris: Payot.
  17. Preta L. (a cura di) (2016). Cartografie dell’inconscio, un nuovo atlante per la psicoanalisi. Milano: Mimesis.
  18. Preta L. (2018). Dislocated subject. Milano: Mimesis.
  19. Resnik S. (2007). Il corporeo e l’incorporeo: l’invisibilità dei sentimenti. In Resnik S., Biografie dell’inconscio. Roma: Borla

Antonio d’Angiò, in "INTERAZIONI" 1/2020, pp. 110-123, DOI:10.3280/INT2020-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche