La libertà dell’immaginazione, il valore della letteratura, la donna. Azar Nafisi, Leggere Lolita a Teheran

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Cristina Bonucci
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 5 P. 145-149 Dimensione file: 123 KB
DOI: 10.3280/INT2020-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Leggere Lolita a Teheran è un romanzo autobiografico. L’autrice, Azar Nafisi, professo-ressa di letteratura anglo-americana a Teheran, ogni giovedì mattina riunisce, per due anni (1979-1981), le sue allieve, sette giovani donne, solo donne, nel soggiorno di casa sua, per leggere romanzieri proibiti: Nabokov, James, Austen, Fitzgerald. Gli incontri sono clandestini perché, sotto il regime dell’Ayatollah Komeini, quei libri sono considerati lo specchio della blasfema cultura occidentale.

Cristina Bonucci, La libertà dell’immaginazione, il valore della letteratura, la donna. Azar Nafisi, Leggere Lolita a Teheran in "INTERAZIONI" 1/2020, pp 145-149, DOI: 10.3280/INT2020-001011