Clicca qui per scaricare

Essere principe e condottiero. Osservazioni sulla guerra e la politica nell’Italia rinascimentale
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori:  Pierre Savy 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 168 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 319-343 Dimensione file:  98 KB
DOI:  10.3280/SS2020-168005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I numerosi casi di condottieri principi e principi condottieri nell’Italia del Rinascimento mostrano come all’epoca la concentrazione in un solo individuo del comando in guerra e del comando dello Stato fosse percepita come legittima. Questa situazione è stata fatta oggetto di interpretazioni famose, in particolare da parte di Machiavelli, e fondatrici di un quadro interpretativo consolidato. Questo lavoro ha l’obiettivo di precisare la cronologia e la geografia del fenomeno, ma anche di dar conto della grande diversità di casi sia in termini di progetti politici (non tutti i condottieri erano ossessionati dall’"instatarsi", ossia dall’approdo all’esercizio di un potere signorile stabile), sia in termini di modalità dell’accesso al principato e/o dell’attività militare da condottieri. La riflessione punta infine sulle relazioni tra "guerra" e "Stato": la cultura politica rinascimentale accettava la mobilità geografica e sociale dei governanti e consentiva a soggetti politici non statali e addirittura non territoriali di svolgere attività che sarebbero diventate monopolio degli Stati.


Keywords: Condottieri, guerra, Machiavelli, principi, signoria, Stato del Rinascimento. Being prince and "condottiero".

Pierre Savy, in "SOCIETÀ E STORIA " 168/2020, pp. 319-343, DOI:10.3280/SS2020-168005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche