Clicca qui per scaricare

Generare legami. Inclusione sociale ed educativa in una periferia del Mezzogiorno
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Emanuela Chiodo 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 29-38 Dimensione file:  285 KB
DOI:  10.3280/WE2020-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La povertà di bambini e adolescenti in famiglie deprivate del Mezzogiorno è sia la più invisi-bile, perché spesso occultata dalla più generale condizione di svantaggio del nucleo di appar-tenenza, sia la più estrema, per l’intensità con cui essa si lega a radicate disuguaglianze nella sfera dell’istruzione, della cultura e, in generale, nelle loro chances di vita al presente e nel futuro. In particolare, la povertà educativa è quella che meglio rappresenta lo svantaggio cumulativo che si genera a partire da condizioni di deprivazione materiale ed economica e trova nell’esclusione dall’accesso ad una formazione e a competenze adeguate, ma anche a spazi e ambienti di vita degni, a opportunità ludiche, culturali e di socializzazione più ampia le sue espressioni più evidenti. Napoli e le sue periferie più disagiate costituiscono un caso paradigmatico di tale scenario sia per la povertà multi-generazionale da cui sono interessate sia per l’elevata incidenza del-la popolazione minorile proprio nei quartieri più difficili. Ed è proprio nel contesto urbano e sociale della periferia est della città che l’articolo si cala per definire i contorni di quella «comunità educante» volta al contrasto della vulnerabilità sociale e dei rischi di esclusione per i tanti bambini e adolescenti in condizione di svantaggio economico e sociale. Alla luce della direttrice teorica sui legami sociali come fonte di protezione e riconoscimento (Paugam, 2008) e sulla base di un approccio di ricerca micro-sociologico basato su studi di caso, l’articolo descrive la qualità delle relazioni di social support (Meo, 1999) create, promosse, rafforzate da alcuni enti di terzo settore (associazioni e cooperative sociali) provando a sotto-linearne il valore embedded nel contrasto della povertà educativa. Già a partire dal recupero di spazi vuoti o abbandonati in cui le attività socio-educative promosse si radicano e realiz-zano le loro attività, i centri socioeducativi considerati nella ricerca appaiono in grado di ri-pristinare relazioni e significati plurimi. A partire dalle rappresentazioni raccolte tramite la voce e le parole degli attori intervistati la comunità educante prende forma nei vincoli e nelle risorse, nei limiti e nelle opportunità evidenziate da enti di terzo settore (associazioni e coo-perative sociali) che realizzano advocacy, affiancamento scolastico dei minori, accompagna-mento sociale per le loro famiglie. In particolare, nel testo si evidenzia come, non solo rico-noscendo la «responsabilità educativa» come principio cardine ma anche "agendo" tale principio come orientamento nella prassi concreta di intervento, organizzazioni diverse che abitano e animano la periferia est sono in grado di rendere permeabili tra loro sfere di inclu-sione diverse (culturale, educativa, sociale). Intervenendo nel contrasto della povertà minorile ed educativa tramite azioni di bridging con la famiglia, la scuola, i servizi sociali, le esperien-ze di affiancamento socio-educativo descritte interrogano e allo stesso tempo costruiscono il senso di quella «comunità educante e generativa», capace di «agire in comune» adottando «un modo di fare le cose inclusivo, integrativo e abilitante» (Magatti e Giaccardi, 2014).


Keywords: Povertà educativa; inclusione sociale; Mezzogiorno; periferia; Infanzia e adole-scenza; lavoro sociale.

  1. Amaturo E., a cura di (2004). Profili di povertà e politiche sociali a Napoli. Napoli: Liguori.
  2. Ambrosini M. (2005). Scelte solidali: l’impegno per gli altri in tempi di soggettivismo. Bologna: il Mulino.
  3. Arendt H. (2009). Le origini del totalitarismo. Torino: Einaudi.
  4. Castel R. (2004). L'insicurezza sociale. Torino: Einaudi.
  5. Cersosimo D. e Nisticò R. (2013). Un Paese disuguale: il divario civile in Italia. Stato e Mercato, 98., DOI: 10.1425/74215
  6. Discepolo B. (2013). Napoli: tra implosione e rigenerazione. Rivista economica del Mezzogiorno, 1-2.
  7. Esping-Andersen G. (2005). I bambini nel welfare state. Un approccio all’investimento sociale. La rivista delle politiche sociali, 2.
  8. Giaccardi C. (2007). Vivere nei quartieri sensibili. In: Magatti M., a cura di, La città abbandonata. Bologna: il Mulino, pp. 213-282.
  9. Laino G. (2010). Napoli. Esclusione sociale e miserie urbane. In: Sgritta G.B., a cura di, Dentro la Crisi. Povertà e processi di impoverimento in tre aree metropolitane. Milano: FrancoAngeli.
  10. Laino G. (2007). Abitare le differenze. In: Balducci A. e Fedeli V., a cura di, I territori della città in trasformazione. Tattiche e percorsi di ricerca. Milano: FrancoAngeli.
  11. Magatti M., a cura di (2007). La città abbandonata. Bologna: il Mulino.
  12. Magatti M. e Giaccardi C. (2014). Generativi di tutto il mondo unitevi! Milano: Feltrinelli.
  13. Mazzoli G. (2012). Per una nuova alleanza tra sociale e politico. Animazione sociale, 259.
  14. Meo A. (1999). Relazioni, reti e social support. Rassegna italiana di sociologia, 1., DOI: 10.1423/2511
  15. Morlicchio E. e Morniroli A. (2013). Poveri a chi? Napoli (Italia). Torino: Edizioni Gruppo Abele.
  16. Nussbaum M. (2014). Creare capacità. Bologna: il Mulino.
  17. Paugam S. (2013a). Le forme elementari della povertà. Bologna: il Mulino.
  18. Paugam S. (2013b). La disqualification sociale: essai sur la nouvelle pauvreté. Paris: PUF.
  19. Paugam S. (2008). Le lien social. Paris: PUF.
  20. Save the Children, a cura di (2019). Il tempo dei bambini. Atlante dell’infanzia a rischio. Roma.
  21. Save the Children, a cura di (2016). Bambini senza. L’atlante dell’infanzia a rischio. Roma.
  22. Sen A. (2000). La diseguaglianza. Bologna: il Mulino.
  23. Sgritta G.B., a cura di (2010). Dentro la crisi. Povertà e processi di impoverimento in tre aree metropolitane. Milano: FrancoAngeli.
  24. Viesti G. (2003). Abolire il Mezzogiorno. Roma-Bari: Laterza.

Emanuela Chiodo, in "WELFARE E ERGONOMIA" 1/2020, pp. 29-38, DOI:10.3280/WE2020-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche