Clicca qui per scaricare

Educatori come designer degli spazi perFormativi. Asili nido come ‘fabbriche’ di cittadinanza e innovazione sociale
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Maria D’Ambrosio, Giovanni Laino 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 39-57 Dimensione file:  371 KB
DOI:  10.3280/WE2020-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio apre uno spazio di riflessione sul tema della povertà educativa attraverso una pro-posta teorica e metodologica che investe le politiche e i servizi per l’infanzia di un ruolo stra-tegico nel ridisegno di un ecosistema territoriale in grado di qualificare in chiave pedagogica gli spazi e le attività rivolte ai minori e alla genitorialità. Una qualità pedagogica che passa per i professionisti dell’educazione, quindi per la loro formazione e per la loro postura da ricercatori in situazione, e anche per una pianificazione urbanistica strategica in grado di coniugarsi con una ‘visione’ di città che contenga l’idea di spazio urbano e di relativa comu-nità educante, attenta alla complessità delle dinamiche che producono diseguaglianze, mar-ginalità e le molte forme di povertà. In questo senso, e recuperando una responsabilità istitu-zionale connessa alla responsabilità di ciascun professionista, il saggio fa emergere anche quanto pensato e sperimentato nell’attuazione del progetto IRIS (Interventi per Riqualificare e Innovare la Scuola) riferito agli asili nido e ai servizi per l’infanzia del Comune di Napoli. Politiche socio-educative e politiche urbane vengono lette come strumenti per connettere e articolare in chiave pedagogica, emancipativa, trasformativa, le azioni strutturali e integrate in grado di rispondere ai bisogni dell’infanzia e al ruolo dei professionisti dell’educazione, perché proprio a partire da questi professionisti si possa nutrire e potenziare la loro capacità/necessità di partecipazione alla vita e alla costruzione-rigenerazione dei legami sociali/territoriali, in chiave di contrasto alla povertà educativa. Si tratta cioè di recuperare per le professioni socio-educative e per i decisori istituzionali e i pianificatori delle politiche e dei servizi educativi, quella ‘sensibilità’ e quella operosità, e quindi quella Vita Activa, rintraccia-ta dalla Arendt (1958) come specifica della condizione umana. Una condizione, quella sensi-bile e activa, quindi altamente interattiva e partecipativa, che ciascuno è chiamato a recupe-rare e a nutrire, proprio attraverso una qualità del gesto e della pratica educante che va ben oltre gli ‘spazi’ destinati all’educazione. "L’educazione non è un’isola", sosteneva Jerome Bruner (1996), e in questo senso le politiche e i servizi educativi si devono riconnettere a una più estesa e complessa cultura dell’educazione che emerge proprio dalle dinamiche urbane, sociali, culturali, e trova nello spazio extra-quotidiano dell’educativo una possibilità concreta di innovazione e di nuova traiettoria. La qualità (pedagogica) dei servizi educativi in un qua-dro istituzionale di Welfare, è dunque quella possibilità della policy di tradursi in agency e di generare innovazione sociale ovvero variazioni sul piano della povertà educativa e dei feno-meni con cui si manifesta. La qualità (pedagogica) ha necessità di prendere corpo e di farsi spazio rigenerandosi in nuove pratiche che lavorino proprio sul nesso tra corpi e spazi, e sulla loro reciproca capacità di interazione. Lo scritto è dunque attraversato da un evidente sguardo epigenetico che tiene insieme rifles-sione epistemologica e sua istanza metodologica e qualifica le pratiche educative come ‘pale-stre’ di cittadinanza e di coesione sociale in chiave trasformativa e rigenerativa, sia sul piano individuale che su quello politico e delle politiche, così da far emergere la metodologia ‘em-bodied’ (Bongard-Pfeifer, 2007) come approccio bio-politico al governo ‘sensibile’ del ‘vivente’: perché l’educazione e la politica possono insieme ridisegnare un nuovo ecosistema per il process generativo della creatura vivente/living creature (Dewey, 1934).


Keywords: SpazioFormante; innovazione sociale; pratiche embodied.

  1. D’Abramo F. (2018). L’epigenetica. Roma: Ediesse.
  2. D’Ambrosio M. (2019a). Per una pedagogia del sentire. Il fuoco e la saggezza di maestro e allievo. METIS, 1., DOI: 10.30557/MT00056
  3. D’Ambrosio M. (2019b). L’essenziale del Piccolo principe. Dispositivi normativi e pluralità di mondi. In: Casucci F., a cura di, Il volto umano del diritto. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.
  4. D’Ambrosio M. (2019c). Eroica e poetica pedagogica. Studi sulla Formazione, 22(2).
  5. D’Ambrosio M. (2019d). Teatro Scuola Vedere Fare. Spazi pratiche estetiche per una poetica pedagogica. Napoli: Liguori.
  6. D’Ambrosio M. (2017). Per un Umanesimo digitale. Apprendimento e formazione al tempo del web 3.0. Scienze e Ricerche, 47.
  7. D’Ambrosio M. (2017a) Dove la cognizione prende corpo: la cinetica e la plasticità degli ambienti sensibili. In: Sibilio M., a cura di, Vicarianza e Didattica. Corpo, cognizione, insegnamento. Brescia: La Scuola.
  8. D’Ambrosio M. (2017b). L’arte come spazio necessario: dove prende corpo il Sublime. Kayak, 4.
  9. D’Ambrosio M. (2016). Cinetica e cognizione. Teatro come spazio dove l’educazione ‘prende corpo’. In: D’Ambrosio M., a cura di. Teatro come metodologia trasformativa. La scena educativa fatta ad arte. Tra ricerca e formazione. Napoli: Liguori.
  10. D’Ambrosio M., a cura di (2016a). Teatro come metodologia trasformativa. Cartografie Pedagogiche. Napoli: Liguori.
  11. D’Ambrosio M. (2016b). La stratificazione multisensoriale della macchina letteraria. Una metodologia intercodice. In: Corbi E., a cura di, La literacy in lettura. Prospettive pedagogiche e didattiche. Lecce: Pensa MultiMedia.
  12. D’Ambrosio M. (2015). Teatro come pratica pedagogica. Ricerca-azione per il teatro-scuola. Lecce: Pensa Multimedia.
  13. D’Ambrosio M. (2014). Electric Pedagogy. Hybrid Environment as Cognitive Educational Space. In: Limone P. e Baldassarre M., a cura di, ICT in Higher Education and Lifelong Learning. SIREM, 2013 Conference Proceedings. Bari: Progedit.
  14. D’Ambrosio M., a cura di (2006). Media Corpi Saperi. Per un’estetica della formazione. Milano: FrancoAngeli.
  15. D’Ambrosio M. e Diamare S. (2019). La metodologia embodied per le disabilità sensoriali. Research Trend in Humanities. Education & Philosophy., DOI: 10.6093/2284-0184/6012
  16. D’Ambrosio M. e Aisu H. (2016). Verso lo spazioFormante: intercodice multiagente autonomo. Progettare ambienti di apprendimento generativi. Metis, 2(12).
  17. De Sanctis O. (2010). Teorie delle emozioni. Napoli: Suor Orsola Benincasa Press.
  18. Dewey J. (1934). Art as experience. New York: Minton, Balch & Company (trad. it.: Arte come esperienza. Palermo: Aesthetica, 2009).
  19. Dewey J. (1925). Experience and nature. (trad. it: Esperienza, natura e arte. Milano: Mimesis, 2014).
  20. Diamare S. (2015). I salotti del Benessere. Napoli: Ariello.
  21. Diamare S., a cura di (2014). Valutazione dell’efficacia di corsi di formazione sulla Comunicazione non verbale con tecniche di Danza Movimento Terapia per la promozione del benessere e della resilienza di operatori sanitari. Sistema Salute, 58(4): 477- 487.
  22. Foucault M. (1988). Technologies of the Self. London: Tavistock Publications (trad. it.: Tecnologie del sé. Torino: Bollati Boringhieri).
  23. Frauenfelder E. (2018). Perché una relazione tra pedagogia e biologia? Research Trend in Humanities. Education & Philosophy., DOI: 10.6093/2284-0184/5428
  24. Frauenfelder E. (2011). Una dinamica dialogica per la nascita delle Scienze Bio-educative. Studi sulla Formazione, 1. Firenze: Firenze University Press.
  25. Frauenfelder E. (1994). Pedagogia e Biologia. Una possibile ‘alleanza’. Napoli: Liguori.
  26. Gigliotti R. (2018). Imparare dallo spazio. Il museo di arte contemporanea come luogo di apprendimento. Milano: Guerini e Associati.
  27. Goethe J.W. (1790). Saggio sulla metamorfosi delle piante. Milano: Pirotta & co., 1842.
  28. Kean S. (2012). The Violinist’s Thumb. New York Little, Brown and Company (trad. it.: Il pollice del violinista. Milano: Adelphi, 2016).
  29. Laino G., a cura di (2020). Politiche urbane per le periferie. Bologna: il Mulino.
  30. Laino G. (2015). Immigrazione fra concentrazione e segregazione occupazionale, scolastica e abitativa a Napoli. Archivio di Studi Urbani e Regionali, 114: 119-140., DOI: 10.3280/ASUR2015-114006
  31. Amato F. (2009). Tra Spazio Società e Territorio. Bollettino della Società Geografica Italiana, serie 13(2).
  32. Arendt H. (1971-1978). The life of the mind. London: Secker & Warburg (trad. it.: La vita della mente. Bologna: il Mulino, 2009).
  33. Arendt H. (1958). The Human Condition. University Press: Chicago (trad. it.: Vita Activa. La condizione umana. Milano: Bompiani, 1997).
  34. Arnheim R. (1974). Art and visual perception: a psychology of the creative eye. Berkeley: University of California press (trad. it.: Il pensiero visivo. La percezione visiva come attività conoscitiva. Torino: Einaudi, 1997).
  35. Bardulla E. e Felini D., a cura di (2016). La pedagogia come scienza e come poesia. In dialogo con Sergio De Giacinto. Roma: Editoriale Anicia.
  36. Berthoz A. (1997). Le sens du mouvement/Alain Berthoz. Paris: Odile Jacob (trad. it.: Il senso del movimento. Milano: McGraw-Hill, 1998).
  37. Bisig D. and Pfeifer R. 2008, Understanding by Design. The synthetic approach to intelligence. In: Geiser R., Explorations in Architecture: Teaching, Design, Research. Berlin: Birkhäuser.
  38. Braidotti R. (2017). Per un’apolitica affermativa. Milano-Udine: Mimesis.
  39. Bruner J. (1996). The Culture of Education. Cambridge: Harvard University Press (trad. it.: La cultura dell’educazione. Nuovi orizzonti per la scuola. Milano: Feltrinelli, 2015).
  40. Bruner J. (1990). Acts of Meaning. Cambridge: Harvard University Press (trad. it.: La ricerca del significato. Torino: Bollati Boringhieri, 2000).
  41. Bruner J. (1986). Actual minds, possible words. Cambridge: Harvard University Press (trad. it.: La mente a più dimensioni. Roma-Bari: Laterza, 2005).
  42. Cappa F., a cura di (2007). Intenzionalità e progetto. Tra filosofia e pedagogia. Milano: FrancoAngeli.
  43. Carmagnola F. (2015). Dispositivo. Da Foucault al gadget. Milano: Mimesis.
  44. Carpenzano O., D’Ambrosio M. e Latour L. (2016). e-Learning. Electric Extended Embodied. Pisa: ETS.
  45. Cederna G., a cura di (2018). Atlante dell’infanzia a rischio. Le periferie dei bambini. Rapporto annuale di Save the Children e Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani. Catanzaro.
  46. Cerasa A. (2017). Expert Brain. Come la passione del lavoro modella il nostro cervello. Milano: FrancoAngeli.
  47. Ceruti M. (2019). Evoluzione senza fondamenti. Roma: Meltemi.
  48. Ceruti M. (2000). La danza che crea. Evoluzione e cognizione nell’epistemologia genetica. Milano: Feltrinelli.
  49. Maturana H.R. e Varela F.J. (1984). El árbol del conocimiento (trad. it.: L’albero della conoscenza. Milano: Garzanti, 1999).
  50. Maturana H. e Varela F.J. (1972). De máquinas y seres vivos. Santiago, Chile: Editorial Universitaria. (trad. it.: Autopoiesi e cognizione. La realizzazione del vivente. Venezia: Marsilio, 1985).
  51. Merleau-Ponty M. (1964). Le visible et l’invisible, suivi de Notes de travail (trad. it.: Il visibile e l’invisibile. Milano: Bompiani, 2007).
  52. Monod J. (1970). Le Hasard et la nécessité (trad. it.: Il caso e la necessità. Milano: Mondadori, 1971).
  53. Orefice P. (2009). Pedagogia scientifica. Un approccio complesso al cambiamento formativo. Roma: Editori Riuniti.
  54. Pacchi C. e Ranci C. (2017). White flight a Milano: la segregazione sociale ed etnica nelle scuole dell’obbligo. Milano: FrancoAngeli.
  55. Penrose R. (1989). The emperor’s new mind: Concerning computers, minds, and the laws of physics. Oxford: Oxford University Press (trad. it.: La mente nuova dell’imperatore. La mente, i computer e le leggi della fisica. Milano: BUR Scienza, 2000).
  56. Pfeifer R. and Bongard J. (2007). How the body shapes the way we think. A new view of intelligence. Cambridge: MIT Press.
  57. Santoianni F. (2010). Modelli e strumenti di insegnamento. Approcci per migliorare l’esperienza didattica. Roma: Carocci.
  58. Serres M. (2009) Tempo di crisi. Torino: Bollati Boringhieri.
  59. Siegel D.J. (1999). The developing mind: Toward a neurobiology of interpersonal experience. New York: Guilford Press. (trad. it.: La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale. Milano: Raffaello Cortina, 2013).
  60. Thompson, D’Arcy W., (1961). On growth and form. Cambridge: University press (trad. it.: Crescita e forma. La geometria della natura. Milano: Bollati Boringhieri, 1969-2010).
  61. Weiland B. e Attia S. (2015). Progettare scuole. Tra pedagogia e architettura. Milano: Guerini e Associati.
  62. Wenger E. (1998). Comunità di pratica. Apprendimento, significato e identità. Milano: Raffaello Cortina.
  63. Coccia E. (2011). La vita sensibile. Bologna: il Mulino.

Maria D’Ambrosio, Giovanni Laino, in "WELFARE E ERGONOMIA" 1/2020, pp. 39-57, DOI:10.3280/WE2020-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche