Clicca qui per scaricare

Ponte corporeo: un rapido metodo di regressione ipnotica per guarire il bambino interiore
Titolo Rivista: IPNOSI 
Autori/Curatori: Arnoldo Tellez 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 5-25 Dimensione file:  238 KB
DOI:  10.3280/IPN2020-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La regressione ipnotica si riferisce all’utilizzo dell’ipnosi per facilitare la risperi-mentazione di una fase precedente della vita ed esistono ora prove sufficienti del beneficio clinico di questo fenomeno. È possibile, infatti, creare un "ponte" con l’esperienza passata, per valutarla con la maturità della prospettiva e delle risorse del presente, ristrutturando l’esperienza in modo più adattivo e ottenere un guada-gno terapeutico. Il ponte corporeo è una tecnica di regressione ipnotica che consi-ste nell’individuare un sintomo somatico, come il dolore allo stomaco o il mal di testa, oppure un’emozione come la tristezza, avvertita attraverso un peso sul petto o un nodo alla gola, dando suggestioni affinché tali sensazioni emergano comple-tamente, ponendo particolare attenzione ai ricordi associati. Quando una sensa-zione o dolore è di origine psicologica, l’intensità può aumentare e diminuire rapi-damente e cambiare posizione. Nel momento in cui il paziente è focalizzato sul sintomo/sensazione, il ponte corporeo lo guida verso la causa, forse generatasi nell’infanzia o in adolescenza. Quest’articolo presenta una forma di modifica e di adattamento di questa tecnica per la guarigione del bambino interiore, attraverso la ristrutturazione terapeutica di eventi passati. Inoltre, si descrivono e analizzano due casi clinici in cui si utilizza il ponte corporeo come tecnica ipnotica di regres-sione all’infanzia, mostrando la sua efficacia nel trovare il bambino interno di-sfunzionale. Applicando la tecnica del ponte corporeo e le strategie della terapia degli stati dell’Io è possibile favorire un miglioramento della qualità della vita dei pazienti con eventi traumatici nel passato.


Keywords: Ipnosi, abuso sessuale, infanzia, bambino interiore, ponte corporeo

  1. Acri F., Loriedo C., (2009). Il setting in psicoterapia. Lo scenario dell’incontro terapeutico nei differenti modelli clinici di intervento. Milano: Franco Angeli.
  2. Brown M., Thacker L., Cohen S. (2013). Association between adverse childhood experiences and diagnosis of cancer. PloS one, 8(6): e65524.
  3. Erickson M.H., Rossi E.L. (2012). The February man: Evolving consciousness and identity in hypnotherapy. London: Routledge.
  4. Freud S. (2014) Introduzione alla psicoanalisi. Roma: Newton Compton.
  5. Hammond D. (1990). Hypnotic Suggestions and Metaphors. New York: Norton.
  6. Hunter C. (2009). The Five Phases of Regression Therapy. Australian Journal of Clinical Hypnotherapy and Hypnosis, 30: 1, 14-25.
  7. Loftus E. (1997). Creating false memories. Scientific American, 277(3): 70-75.
  8. Meyerson J. (2010). Memory Focused Interventions (MFI) as Therapeutic Strategy in Hypnotic Hypnotherapy. American Clinical Hypnosis, 52 (3): 189-204., DOI: 10.1080/00029157.2010.10401719
  9. Rich-Edwards J., Spiegelman D., Hibert E., Jun H., Todd T., Kawachi I., Wright R. (2010). Abuse in childhood and adolescence as a predictor of type 2 diabetes in adult women. American Journal of Preventive Medicine, 39(6): 529-536.
  10. Rossi E., Cheek D. (1988). Mind-Body Therapy: Methods of Ideodinamic Healing in Hypnosis. New York: Norton.
  11. Waldinger R., Schulz M., Barsky A., Ahern D. (2006). Mapping the road from childhood trauma to adult somatization: the role of attachment. Psychosomatic medicine, 68(1): 129-135.
  12. Tellez A. (2007). Hipnosis Clínica: Un Enfoque Ericksoniano. México: Trillas.
  13. Tellez A., Ortiz X. (2018). La memoria y sus trastornos. México: Ediciones UANL.
  14. Watkins J., Watkins H. (1997). Ego states: Theory and therapy. New York: Norton.

Arnoldo Tellez, in "IPNOSI" 1/2020, pp. 5-25, DOI:10.3280/IPN2020-001001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche