Clicca qui per scaricare

La sindrome di Rokitansky: aspetti psicosessuali e intervento bio-psico-sociale
Titolo Rivista: RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA 
Autori/Curatori: Gabriele Ragozzino, Adele Fabrizi, Chiara Simonelli 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 27-41 Dimensione file:  238 KB
DOI:  10.3280/RSC2020-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il lavoro si propone di indagare, tramite l’analisi della letteratura, l’impatto che la diagnosi di sindrome di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser ha sulla vita della pa-ziente e sugli aspetti psicosessuali con l’obiettivo di convalidare la necessità di un intervento bio-psico-sociale. È emerso che la diagnosi (la mancanza della vagina e dell’utero) ha serie ripercussioni sul benessere emotivo e psicologico della donna, e questo fattore è influenzato anche dagli schemi mentali e dagli stereotipi di genere. L’identità sessuale viene messa in discussione e la vita sociale e sentimentale van-no a ridimensionarsi qualitativamente. Data l’importanza di queste dimensioni per il benessere della donna, diviene centrale la necessità di affiancare ai trattamenti medici, anche la consulenza psicosessuologica. Tuttavia, nella pratica clinica an-cora si registra una mancanza di comunicazione tra medico e paziente sulla ses-sualità, dovuta a una scarsa formazione dei medici sui problemi di coppia e della salute sessuale in relazione ai problemi della salute fisica e mentale. Di conseguenza, i medici tendono a scartare gli aspetti psicosessuali della salute, considerandoli meno importanti della diagnosi e del trattamento della malattia. Inoltre, molti me-dici mancano di agio, competenza e disponibilità a discutere aspetti intimi della vita dei pazienti. Pertanto, è necessario che anche i clinici siano adeguatamente formati sui problemi psicologici e della salute sessuale allo scopo di sviluppare una maggiore sensibilità nei confronti di queste tematiche e, soprattutto, riconoscere l’importanza del modello bio-psico-sociale e, quindi, mostrare un maggior spirito di collaborazione nel lavoro di squadra.


Keywords: Sindrome di Rokitansky, agenesia vaginale, identità sessuale, iden-tità di genere, approccio bio-psico-sociale

Gabriele Ragozzino, Adele Fabrizi, Chiara Simonelli, in "RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA" 1/2020, pp. 27-41, DOI:10.3280/RSC2020-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche