Clicca qui per scaricare

Il lockdown e "l’Upside Down" Potenzialità e rischi della psicoterapia on-line al tempo del coronavirus
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Beatrice di Giuseppe, Salvatore Martini 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 81-94 Dimensione file:  152 KB
DOI:  10.3280/PSOB2020-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo articolo gli autori propongono una riflessione sul repentino passaggio al setting on-line durante il periodo di quarantena dovuto al virus Covid-19. Attraverso spunti teorico-clinici e sulla scia di correnti di pensiero kleiniane e junghiane, gli autori evidenziano alcuni parallelismi tra le reazioni della collettività, collegate alla pandemia, e specifici funzionamenti, di tipo regressivo, che ricalcano i passaggi fondamentali dello sviluppo. Viene proposta una lettura dei differenti destini di alcune terapie on-line a partire da immagini, sogni e trame narrative proposte dai pazienti. In questi contenuti è possibile rintracciare la sottile connessione tra dimensione intrapsichica, interpersonale e collettiva, dove sentimenti di carenza e odio, possono essere onnipotentemente risolti da una iperproduttività, anche tecnologica, che scotomizza il sentimento di impotenza legato al limite e ne impedisce l’elaborazione.


Keywords: Covid-19; setting; identificazione proiettiva; quarantena; psicoterapia on-line; angoscia di morte; "Stranger Things"; tecnologia.

Beatrice di Giuseppe, Salvatore Martini, in "PSICOBIETTIVO" 2/2020, pp. 81-94, DOI:10.3280/PSOB2020-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche