Clicca qui per scaricare

Pensare il male
Titolo Rivista: PSICOANALISI 
Autori/Curatori: Annalisa Ferretti 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 5-18 Dimensione file:  201 KB
DOI:  10.3280/PSI2020-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autrice riassume secondo una visione personale i modi con i quali il pensiero psicoanali-tico ha concettualizzato nel tempo il male, inteso come "ciò che fa male" nella mente: il modello idrostatico del blocco e della sua risoluzione, quello del conflitto correlato all’idea di polarità e di equilibrio, e il modello di pensiero e antipensiero di Bion. Il lavoro indica delle possibili connessioni con i diversi momenti storici e il mutare dei paradigmi scientifici ed etici dal posi-tivismo di fine Ottocento all’esperienza delle due guerre mondiali e delle tragedie dei totalitari-smi, rilevando possibili connessioni con il cambiamento dei nostri modi di pensare a "ciò che fa male" nella mente.


Keywords: Fare e subire il male, modelli psicoanalitici, modello idrostatico, modello del conflitto, modello meno K di Bion o antipensiero

  1. Freud S. (1911). Precisazioni sui due principi dell’accadere psichico. In: Opere, vol. 6. Torino: Boringhieri.
  2. Freud S. (1920). Al di là del principio del piacere. In: Opere, vol. 9. Torino: Boringhieri.
  3. Freud S. (1922). L’Io e l’Es. In: Opere, vol. 9. Torino: Boringhieri.
  4. Freud S. (1925). Inibizione, sintomo e angoscia. In: Opere, vol. 10. Torino: Boringhieri.
  5. Girard R. (1980). La Violenza e il sacro. Milano: Adelphi.
  6. Girard R. (1987). Il capro espiatorio. Milano: Adelphi.
  7. Girad R. (1996). Delle cose nascoste fin dalla fondazione del mondo. Milano: Adelphi.
  8. Arendt H. (1964). La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme. Milano: Feltrinelli.
  9. Argentieri S., Sapori A. (1988). Freud a Hollywood. Torino: Nuova Eri.
  10. Argentieri S. (2008). L’ambiguità. Milano: Einaudi.
  11. Auden W.H. (1997). 1939 September 1. In: Un altro tempo. Milano: Adelphi.
  12. Benslama F. (2017). Un furioso desiderio di sacrificio. Il supermusulmano. Milano: Raffaello Cortina.
  13. Burkert W. (1981). Homo necans. Antropologia del sacrificio cruento nella Grecia Antica. Torino: Boringhieri.
  14. Catullo (1973). Canti. trad.it. di Quasimodo S. Milano: Mondadori.
  15. Ciancio C. (2002). Sofferenza. In: Portinaro P.P. (a cura di). I concetti del male. Torino: Einaudi.
  16. Feldman M. (2008). Envy and the negative therapeutic reaction. In: Roth P., Lemma A. (eds.). Envy and gratitude revisited. London: Karnac.
  17. Harari Y.N. (2017). Sapiens. Da animali a dei. Breve storia dell’umanità. Milano: Bompiani.
  18. Jullien F. (2005). L’ombra del male. Il negativo e la ricerca di senso nella filosofia europea e nel pensiero cinese. Vicenza: Angelo Colla.
  19. Klein M. (1935). Contributo alla psicogenesi degli stati maniaco-depressivi. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Boringhieri, 1978.
  20. Klein M. (1940). Il lutto e la sua connessione agli stati maniaco-depressivi. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Boringhieri, 1978.
  21. Klein M. (1946). Note su alcuni meccanismi schizoidi. In: Scritti, 1921-1958. Torino: Boringhieri, 1978.
  22. Klein M. (1957). Invidia e gratitudine. Firenze: Giunti-Martinelli, 1969.
  23. Levi P. (1986). I sommersi e i salvati. Milano: Einaudi.
  24. O’Shaughnessy E. (1995). La teoria del pensiero di Bion e le nuove tecniche di analisi infantile. In: Spillius E. (a cura di). Melanie Klein e il suo impatto sulla psicoanalisi di oggi. Roma: Astrolabio.
  25. Portinaro P.P. (2002) (a cura di). I concetti del male. Milano: Einaudi.
  26. Steiner J. (2008). The repetition compulsion, envy, and the death instinct. In: Roth P., Lemma A. (eds.). Envy and gratitude revisited. London: Karnac, pp. 131-151.
  27. West R. (1955). Serra con ciclamini. Il processo di Norimberga e la rinascita economica della Germania. Milano: Skira.

Annalisa Ferretti, in "PSICOANALISI" 1/2020, pp. 5-18, DOI:10.3280/PSI2020-001001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche