Clicca qui per scaricare

Il Covid19.Tra la zona grigia e lo spazio intermedio
Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE 
Autori/Curatori:  Silvano Tagliagambe 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 33 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 28-36 Dimensione file:  208 KB
DOI:  10.3280/EDS2020-033006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La "zona grigia" è un termine coniato da Primo Levi nella sua raccolta di saggi I sommersi e i salvati, l’ultimo libro che ha completato prima della sua morte. Nel secondo capitolo, il più lungo del libro, Levi riconosce la necessità umana di dividere il campo sociale in "noi" e "loro", due gruppi chiaramente distinti e identificabili, ma sottolinea che questa coppia opposizionale del pensiero è inadeguata di fronte alla complessità della vita nei campi. La rete di relazioni umane all’interno dei Lagers non era semplice e non poteva essere ridotta ai due estremi di vittime e persecutori. Lo "spazio intermedio" è un termine coniato dal filosofo, teologo e matematico russo, in un’epoca di culto della razionalità, per indicare che ci sono altri percorsi più alti verso la verità e che quando l’intelletto rifiuta le emozioni e i sentimenti non può riuscire a conoscere la verità. È lo spazio dell’invisibile che il progetto rende visibile, cioè un mondo intermedio tra soggettivo e oggettivo. È un’unità binomica, unità nella diversi-tà, che è inseparabile dalla presenza dello skacok, la zona intermedia, cioè dove si dovrebbe realizzare la concettualizzazione del mistero dell’invisibile. Il riferimento a questa "zona" rappresenta una delle questioni più problematiche, in quanto difficile da definire con gli strumenti razionali a nostra disposizione. Tuttavia, abbiamo a che fare con un’entità essenziale per l’interazione tra le due dimensioni, apparentemente inconciliabili, dell’esistenza dell’uomo, il visibile e l’invisibile. Il Covid19 è un test per la società, i governi, le comunità e gli individui. È tempo di solidarietà e cooperazione per combattere il virus e mitigare gli effetti, spesso involontari, di misure volte a fermare la diffusione di questa pandemia globale. Il presente articolo utilizza i concetti di "zona grigia" e di "spazio intermedio" come chiavi per analizzare l’impatto improvviso e sostanziale di Covid19 sulla cultura e sulla società.


Keywords: Zona grigia, spazio intermedi, tra, skačok, Covid19.

  1. Varchetta G. (2019). Un andare pensando. Primo Levi e la “zona grigia”. Prefazione di M. Belpoliti, Postfazione di E. Bruck. Milano-Udine: Mimesis.
  2. Canguilhem G. (1943). Essai sur quelques problèmes concernant le normal et le pathologique. Riedizione sotto il titolo: Le normal et le pathologique, augmenté de Nouvelles réflexions concernant le normal et le pathologique. Paris: Presses Universitaires de France, 1966. Tr. it.: Il normale e il patologico. Introduzione a cura di M. Porro, Postfazione a cura di M. Foucault. Torino: Einaudi, 1998.
  3. Cerasa C. (2020). La bellezza pura di quelli che restano. Il Foglio, 14 marzo 2020.
  4. Edinger E. (1960). The ego-self paradox. F. Analytical Psychology, 5:1, 1960. ID., Ego and Archetype. New York; Penguin, 1972.
  5. Florenskij P.A. (1922). Lo strumentario. In ID. Valentini N. e Gorelov A., a cura di, Il simbolo e la forma. Scritti di filosofia della scienza. Torino: Bollati Boringhieri, 2007.
  6. Florenskij P.A. (1999). Il timore di Dio. In: Valentini N. e Žak L., a cura e con Introduzione di, Il cuore cherubico. Scritti teologici e mistici. Tr. it. di R. Zugan. Casale Monferrato: Piemme.
  7. Florenskij P.A. (2010). Lezioni sulla concezione cristiana del mondo. In: Valentini N., a cura di, Bellezza e Liturgia. Milano: Oscar Mondadori.
  8. Jung C.G. (2010). Il libro rosso (Liber novus). A cura e con introduzione di Sonu Shamdasani. Torino: Bollati Boringhieri.
  9. Leonardo da Vinci (1490). Frammenti sull’architettura. Paris: MSS, Institut de France, 50r. In Bruschi A., a cura di, Scritti rinascimentali di architettura. Milano: Edizioni il Polifilo, 1978.
  10. Levi P. (1959). Arbeit macht frei. In: Opere II. Torino: Einaudi, 1990.
  11. Neumann E. (1959). The significance of the genetic aspect for analytical psychology. F. Analytical Psychology, 4:2, 1959.

Silvano Tagliagambe, in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 33/2020, pp. 28-36, DOI:10.3280/EDS2020-033006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche