Clicca qui per scaricare

Tracce
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE 
Autori/Curatori: Pier Francesco Galli, Alberto Merini 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 447-470 Dimensione file:  157 KB
DOI:  10.3280/PU2020-003008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Dopo una nota redazionale, viene ripubblicato l’articolo di Bolko & Merini "Il setting" (origina-riamente uscito nel n. 2/1988 di Psicoterapia e Scienze Umane) allo scopo di riflettere su questo concetto della teoria della tecnica psicoterapeutica in un momento in cui, a causa della pandemia di COVID-19, si è diffusa la terapia on-line e da più parti si è discusso di questo "nuovo" setting. Dopo aver definito il setting come lo scenario, il luogo e il tempo in cui si svolge la terapia, ven-gono ripercorse le teorie proposte da diversi autori a partire da Freud; in particolare, vengono discusse le posizioni di Balint, Bergeret, Bion, Bleger, Eissler, Galli, Greenacre, Greenson, Hei-mann, Macalpine, Meltzer, Stone, Menninger, Modell, Rycroft, Thomä & Kächele, Winnicott, etc. Viene sottolineato come il setting, da elemento inerte e ininfluente sul processo, a partire dagli anni 1950 cambia significato divenendo un agente terapeutico, essenziale soprattutto nella patologia grave.


Keywords: Setting psicoanalitico; Cornice della psicoterapia; Regole di base della psicoanalisi; Teoria della tecnica psicoanalitica; Storia dei concetti psicoanalitici

  1. Grinberg L. (1981). Psicoanàlisis. Aspectos teòricos y clinicos. Buenos Aires: Paidòs (trad. it.: Psicoanalisi. Aspetti teorici e clinici. Torino: Loescher, 1983).
  2. Alby J.M. & Widlöcher D. (1978). Psychanalise freudienne et processus de changemente. Encyclopedie Medico-Chirurgicale, 37810 F 20.
  3. Balint M. (1959). Thrills and Regressions. London: Hogarth (trad. it. in: Balint M. & Balint E., La regressione. Milano: Raffaello Cortina, 1983).
  4. Balint M. (1968). The Basic Fault. Therapeutic Aspects of Regression. London: Tavistock (trad. it. in: Balint M. & Balint E., La regressione. Milano: Raffaello Cortina, 1983).
  5. Barbieri M. (1985). La teoria semantica dell’evoluzione. Torino: Boringhieri.
  6. Bergeret J. (1985). L’entêtement de la clinique. Fixation sur la technique ou interrogation de la théorie? Revue Française de Psychanalyse, 49, 3: 525-550.
  7. Bion W.R. (1962). Learning from Experience. London: Heinemann (trad. it.: Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1972).
  8. Bleger J.I. (1960). Psicoanálisis del encuadre psicoanalítico. In: Simbiosis y ambigüedad: estudio psicoanalítico. Buenos Aires: Paidós, 1967, pp. 237-250 (trad. it.: Simbiosi e ambiguità: studio psicoanalitico. Loreto [AN]: Lauretana, 1992; Roma: Armando, 2010). Anche in: Revista de Psicoanálisis, 1967, 24, 2: 241-258 -- (Edizione su Internet in PDF: www.fepal.org/images/2002REVISTA/espanol/bleger.pdf).
  9. Bolko M. & Merini A. (1986). Difficoltà a discutere di tecnica. Esiste una tecnica classica? Psicoterapia e Scienze Umane, XX, 3: 241-253.
  10. Bolko M. & Merini A. (1988). Il setting. Psicoterapia e Scienze Umane, XXII, 2: 3-21. Internet: https://docplayer.it/12820909-Marianna-bolko-alberto-merini.html. Altre versioni in: Del Corno F. & Lang M., a cura di, Psicologia clinica. Vol. 2: Trattamenti in setting individuale. Milano: FrancoAngeli, 1989, cap. 2, pp. 53-67.; Merini A., Nave senza cocchiere in gran tempesta: uno psichiatra nella pratica quotidiana. Bologna: CLUEB, 2004, cap. 5, pp. 73-96; Psicoterapia e Scienze Umane, 2020, 54, 3: 447-470., DOI: 10.3280/PU2020-003009
  11. Bolko M. & Merini A. (1991). Sogno e telepatia. Continuità e discontinuità della ricerca psicoanalitica. In: Bosinelli M. & Cicogna P.C., a cura di, Sogni: figli di un cervello ozioso. Torino: Bollati Boringhieri, 1991, cap. 10, pp. 129-148. Anche in: Psicoterapia e Scienze Umane, 2018, 52, 1: 99-114., DOI: 10.3280/PU2018-001011
  12. Codignola E. (1977). Il vero e il falso. Saggio sulla struttura logica dell’interpretazione psicoanalitica. Torino: Boringhieri (trad. inglese dei capitoli 1, 4 e 5, con una introduzione di Paolo Migone e un riassunto degli altri capitoli, in: Langs R., editor, The Yearbook of Psychoanalysis and Psychotherapy, vol. 2. New York: Gardner Press, 1987, pp. 326-377; trad. tedesca, con una prefazione di Paul Parin: Das Wahre und das Falsche. Essay über die logische Struktur der psychoanalytischen Deutung. Frankfurt a.M.: S. Fischer, 1986).
  13. Cremerius J. (1983). “Die Sprache der Zärtlichkeit und der Leidenschaft”. Reflexionen zu Sándor Ferenczis Wiesbadener Vortrag von 1932. Psyche, XXXVII, 11: 988-1015 (trad. it.: Il linguaggio della tenerezza e il linguaggio della passione. Riflessioni sul contributo di Sandor Ferenczi del 1932 a Wiesbaden. Psicoterapia e scienze umane, 1984, XVIII, 3: 34-62; 2006, XL, 3: 427-452).
  14. Di Chiara G. (1977). Setting analitico. Psiche, 8: 47-60.
  15. Eco U. (1994). Sei passeggiate nei boschi narrativi. Milano: Bompiani.
  16. Eissler K.R. (1953). The effect of the structure of the ego on psychoanalytic technique. Journal of the American Psychoanalytic Association, 1, 1: 104-143 (trad. it.: Effetto della struttura dell’Io sulla tecnica psicoanalitica. Psicoterapia e Scienze Umane, 1981, XV, 2: 50-79; anche in: Genovese, 1988, pp. 3-35. -- Edizione su Internet: www.psychomedia.it/pm/modther/probpsiter/eiss53-1.htm).
  17. Eliade M. (1957). Mythes, reves et mystères. Paris: Gallimard (trad. it.: Miti, sogni e misteri. Milano: Rusconi, 1976).
  18. Fenichel O. (1941). Problems of Psychoanalytic Technique. Albany, NY: The Psychoanalytic Quarterly Inc. (trad. it.: Problemi di tecnica psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1974).
  19. Ferraro F. & Genovese C. (1986). Setting. Rivista di Psicoanalisi, 32, 1: 95-109.
  20. Freud S. (1911-14). Zur Technik der Psychoanalyse. In: Sammlung kleiner Schriften zur Neurosenlehre. Leipzig: Heller, 1918, vol. 4, capitoli XXI-XXVI, pp. 378-469. Anche in: Zur Technik der Psychoanalyse und zur Metapsychologie. Wien: Internationaler Psychoanalytischer Verlag, 1924, pp. 45-135 (trad. it. dei sei articoli sulla tecnica [Freud, 1911, 1912a, 1912b, 1913a, 1913b, 1914]: Tecnica della psicoanalisi: 1911-14. Torino: Boringhieri, 1976; una precedente traduzione è in: Tecnica e pratica della psicoanalisi. Roma: Newton Compton, 1971, pp. 151-244).
  21. Freud S. (1911). Tecnica della psicoanalisi: L’impiego della interpretazione dei sogni nella psicoanalisi. Opere, 6: 517-522. Torino: Boringhieri, 1974.
  22. Freud S. (1912a). Tecnica della psicoanalisi: Dinamica della traslazione. Opere, 6: 523-531. Torino: Boringhieri, 1974.
  23. Freud S. (1912b). Tecnica della psicoanalisi: Consigli al medico nel trattamento psicoanalitico. Opere, 6: 532-541. Torino: Boringhieri, 1974.
  24. Freud S. (1913a). Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi: 1. Inizio del trattamento. Opere, 7: 333-352. Torino: Boringhieri, 1975.
  25. Freud S. (1913b [1914]). Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi: 2. Ricordare, ripetere e rielaborare. Opere, 7: 353-361. Torino: Boringhieri, 1975.
  26. Freud S. (1914 [1915]). Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi: 3. Osservazioni sull’amore di traslazione. Opere, 7: 362-374. Torino: Boringhieri, 1975.
  27. Freud S. (1915-17 [1916-17]). Introduzione alla psicoanalisi. Opere, 8: 191-611. Torino: Boringhieri, 1976.
  28. Friedman L. (2919). Freud’s Papers on Technique and Contemporary Clinical Practice. New York: Routledge, 2019 (trad. it. delle pp. 1-11 [Introduzione]: Gli articoli di Freud sulla tecnica: resoconto di una scoperta. Psicoterapia e Scienze Umane, 2019, 53, 4: 577-592.
  29. Gaburri F. & Gaburri G. (1976). Realtà psichica e setting psicoanalitico. Rivista di Psicoanalisi, 22, 2: 191-205.
  30. Gaddini R. (1974). Prefazione. In: Winnicott, 1971.
  31. Galli P.F. (1985). Le ragioni della clinica. In: Trentini G.C. & Vigna C., a cura di (con la collaborazione di Massimo Bellotto e Lucio Cortella), La qualità dell’uomo. Psicologi e filosofi a confronto (Atti del Convegno tenuto a Venezia il 24-26 maggio 1985). Milano: FrancoAngeli, 1988, pp. 143-149. Una versione modificata è apparsa in: Psicoterapia e Scienze Umane, 1988, XXII, 3: 3-8 (trad. inglese: The rationale of the clinical process. Trauma and Memory, 2017, 5, 2: 55-59.
  32. Galli P.F. & Rigon G. (1988). Dall’interpretazione al setting: i fattori terapeutici in psicoanalisi (Relazione alla IX Giornata Scientifica della Fondazione Centro Praxis di Caserta). Neurologia Psichiatria Scienze Umane (NPS), 1989, IX, 2 (supplemento): 56-66.
  33. Genovese C., a cura di (1988). Setting e processo psicoanalitico. Milano: Raffaello Cortina.
  34. Glover E. (1955). The Technique of Psychoanalysis. New York: International Universities Press (trad. it.: La tecnica della psicoanalisi. Roma: Astrolabio, 1971).
  35. Greenacre Ph. (1954). The role of transference. Journal of the American Psychoanalytic Association, 2, 4: 671-684.
  36. Greenberg J.R. & Mitchell S.A. (1983). Object Relations in Psychoanalytic Theory. Cambridge, MA: Harvard University Press (trad. it.: Le relazioni oggettuali nella teoria psicoanalitica. Bologna: Il Mulino, 1986).
  37. Greenson R.R. (1967). The Technique and Practice of Psychoanalysis, vol. 1. New York: International Universities Press (trad. it.: Tecnica e pratica psicoanalitica. Milano: Feltrinelli, 1974).
  38. Grinberg L., Sor D., Tabak de Bianchedi E. (1972). Nueva introducción a las ideas de Bion. Grupos, conoscimiento, psicosis, transformaciones, practica psicoanalitica. Buenos Aires: Nuéva Vision (trad. it: Introduzione al pensiero di Bion. Roma: Armando, 1975; Nuova edizione: Milano: Raffaello Cortina, 1993).
  39. Haak N. (1957). Comments on the analytical situation. International Journal of Psychoanalysis, 38, 2: 183-185.
  40. Hautmann G. (1974). Fantasma, interpretazione e setting. Rivista di Psicoanalisi, 20, 1: 166-189.
  41. Hautmann G. (1979). La peculiarità della situazione analitica e la psicoterapia. Rivista di Psicoanalisi, 25, 3: 400-409.
  42. Hautmann G. (1985). Problemi teorici e metodologici del setting in neuropsichiatria infantile. In: Hautmann G. et al., Il setting. Roma: Borla, 1985.
  43. Heimann P. (1950). On countertransference. International Journal of Psychoanalysis, 31, 1: 81-84. Anche in: Langs R., editor, Classics in Psychoanalytic Technique. New York: Aronson, 1981, pp. 139-142 (trad. it.: Sul controtransfert. In: Albarella C. & Donadio M., a cura di, Il controtransfert. Napoli: Liguori, 1986, pp. 81-86).
  44. Jones E. (1953-57). The Life and Work of Sigmund Freud (3 volumes). New York: Basic Books, 1953 (vol. I), 1955 (vol. II), 1957 (vol. III) (trad. it.: Vita e opere di Freud. Milano: Il Saggiatore, 1962).
  45. Lagache D. (1952). Le problème du transfert. Revue Française de Psychanalyse, 16, 1/2: 5-115.
  46. Lagache D. (1953). Some aspects of transference. International Journal of Psychoanalysis, 34, 1: 1-10.
  47. Lang M. (1981). Il contratto nell’istituzione. In: Ravasini C., a cura di, Le frontiere della psicoanalisi. Milano: FrancoAngeli, 1981.
  48. Langs R. (1986). Diventare uno psicoanalista comunicativo. Psicoterapia e Scienze Umane, XX, 3: 273-277. -- Edizione su Internet: www.priory.com/ital/riviste/psicouman/usa.htm#langs.
  49. Langs R. & Stone L. (1980). Modifications in technique. In: Langs R. & Stone L., The Therapeutic Experience and Its Setting: A Clinical Dialogue. New York: Aronson, 1980 (trad. it.: Dialogo fra Robert Langs e Leo Stone: modificazioni nella tecnica. Il Progetto Psicoterapico, 1981, 2/3: 215-253).
  50. Laplanche J. & Pontalis J.-B. (1967). Vocabulaire de la psychanalyse. Paris: PUF (trad. it.: Enciclopedia della psicoanalisi. Bari: Laterza, 1968).
  51. Le Goff J. (1977). Tempo della Chiesa e tempo del mercante e altri saggi sul lavoro e la cultura nel Medioevo. Torino: Einaudi.
  52. Macalpine I. (1950). The development of transference. Psychoanalytic Quarterly, 19, 4: 501-539 (trad. it.: Lo sviluppo della traslazione. In Genovese C., a cura di, Setting e processo psicoanalitico. Milano: Raffaello Cortina, 1988, pp. 74-104. -- Internet: http://website.lacan-con-freud.it/ar/Macalpine_Lo_sviluppo_della_traslazione.pdf).
  53. Maffei C. & Fina N. (1994). Introduzione. In: Modell, 1990.
  54. Malan D.H. (1980). The nature of science and the validity of psychotherapy. In: Davanloo H., editor, Short-Term Dynamic Psychotherapy. New York: Aronson, 1980, cap. 18, pp. 13-23 (trad. it.: La natura della scienza e la validità della psicoterapia. In: Davanloo H., a cura di, La psicoterapia dinamica a breve termine. Roma: Armando, 1987).
  55. Meltzer D. (1967). The Psychoanalytic Process. London: Heineman (trad. it.: Il processo psicoanalitico. Roma: Armando, 1971).
  56. Menninger K. (1958). Theory of Psychoanalytic Technique. New York: Basic Books (trad. it.: Teoria della tecnica psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1973).
  57. Merini A. (1981). Il bisbiglio e l’ascolto. Clinica, 3, 2: 183-196.
  58. Merini A. (1992). Setting psicoanalitico e trattamento istituzionale del paziente schizofrenico. In: Piccinini C., Giubilini F. & Pellegrini P., a cura di, Le nuove strutture psichiatriche, problemi del setting (Atti del Convegno, Parma, 20-21 aprile 1990). Parma: Novastampa, 1992, pp. 23-31.
  59. Migone P. (2003). La psicoterapia con Internet. Psicoterapia e Scienze Umane, XXXVII, 4: 57-73. -- Internet: www.psychomedia.it/pm/modther/probpsiter/pst-rete.htm (trad. spagnola: La psicoterapia con Internet. Clínica e Investigación Relacional, 2009, 3, 1: 135-149. -- Internet: www.psicoterapiarelacional.es/Portals/0/eJournalCeIR/V3N1_2009/13_PMigone_Psicoterapia-con-Internet_CeIR_V3N1.pdf).
  60. Migone P. (2005). Terapeuti “brevi” o terapeuti “bravi”? Una critica al concetto di terapia breve. Psicoterapia e Scienze Umane, XXXIX, 3: 347-370.
  61. Modell A.H. (1988). The centrality of the psychoanalytic setting and the changing aims of treatment: A perspective from a theory of object relations. Psychoanalytic Quarterly, 57, 4: 577-582., DOI: 10.1080/21674086.1988.11927222
  62. Modell A.H. (1990). Other Times, Other Realities: Toward a Theory of Psychoanalytic Treatment. Cambridge, MA: Harvard University Press (trad. it.: Per una teoria del trattamento psicoanalitico. Milano: Raffaello Cortina, 1994).
  63. Nerval G. de (1854). Sylvie. In: Les Filles du feu. Paris. Giraud, 1854 (trad. it.: Sylvie. Ricordi del Valois. Venezia: Fantoni, 1945; Torino: Einaudi, 1999).
  64. Ragazzini G. (1967). Dizionario inglese italiano, italiano inglese. Bologna: Zanichelli.
  65. Remondi G. (1979). Introduzione. In: Gaddini R., Il processo maturativo. Studi sul pensiero di Winnicott. Padova: CLEUP, 1979.
  66. Rossi R. (1978). Psicoterapia nel territorio: modificazione o stravolgimento del setting? In: Voltolin A., Maregnani A. & Guido M., a cura di, Psicoanalisi e classi sociali. Roma: Editori Riuniti, 1978.
  67. Rycroft C. (1968). A Critical Dictionary of Psychoanalysis. London: Nelson (trad. it.: Dizionario critico di psicoanalisi. Roma: Astrolabio, 1970).
  68. Rycroft C. (1985). Psychoanalysis and Beyond. London: Chatto & Windus.
  69. Sandler J., Dare C. & Holder A. (1973). The Patient and the Analyst. London: Allen & Unwin (trad. it.: Il paziente e l’analista. Torino: Boringhieri, 1974).
  70. Schafer R. (1983). The Analytic Attitude. New York: Basic Books (trad. it.: L’atteggiamento analitico. Milano: Feltrinelli, 1984).
  71. Smirnoff V. (1966). La psychanalyse de l’enfant. Paris: PUF (trad. it.: La psicoanalisi infantile. Roma: Armando, 1968).
  72. Spitz R. (1956). Transference: The analytical setting and its prototype. International Journal of Psychoanalysis, 37, 4/5: 380-385.
  73. Stone L. (1961). The Psychoanalytic Situation: An Examination of Its Development and Essential Nature. New York: International Universities Press (trad. it.: La situazione psicoanalitica. Uno studio del suo sviluppo e della sua caratteristica essenziale. Padova: Piccin, 1986).
  74. Strachey J. (1934). The nature of the therapeutic action in psychoanalysis. International Journal of Psychoanalysis, 15: 127-159 (ristampa: International Journal of Psychoanalysis, 1969, 50, 3: 275-292) (trad. it.: La natura dell’azione terapeutica della psicoanalisi. Rivista di Psicoanalisi, 1974, 20, 1: 92-126).
  75. Thomä H. & Kächele H. (1985). Lehrbuch der psychoanalytischen Therapie. 1: Grundlagen. Berlin: Springer (trad. it.: Trattato di terapia psicoanalitica. 1: Fondamenti teorici. Torino: Bollati Boringhieri, 1990. Trad. inglese: Psychoanalytic Practice. Vol. 1: Principles. Berlin: Springer, 1987).
  76. Winnicott D.W. (1931-56 [1958]). Collected Papers. Through Pediatrics to Psychoanalysis. New York: Basic Books, 1958 (trad. it.: Dalla pediatria alla psicoanalisi. Scritti scelti. Firenze: Martinelli, 1975).
  77. Winnicott D.W. (1954). Metapsychological and clinical aspects of regression within the psycho-analytical set-ut. International Journal of Psychoanalysis, 1955, 36, 1: 16-26 (trad. it.: Aspetti metapsicologici e clinici della regressione nell’ambito della situazione analitica. In: Winnicott, 1931-56, cap. XXII, pp. 332-350).
  78. Winnicott D.W. (1955). Clinical varieties of transference. International Journal of Psychoanalysis, 1956, 37: 386-388 (trad. it.: Le forme cliniche del transfert. In: Winnicott, 1931-56, cap. XXIII, pp. 351-356).
  79. Winnicott D.W. (1971). Playing and Reality. London: Tavistock (trad. it.: Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974).

Pier Francesco Galli, Alberto Merini, in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 3/2020, pp. 447-470, DOI:10.3280/PU2020-003008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche