Clicca qui per scaricare

Promuovere l’invecchiamento attivo attraverso il modello life skills education. Un progetto di ricerca-intervento per potenziare il pensiero critico ed il decision making.
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori:  Manuela Zambianchi 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 651-672 Dimensione file:  340 KB
DOI:  10.3280/RIP2020-002009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’invecchiamento positivo è definito dal modello sistemico di Rowe & Khan (1997) come la presenza di elevate risorse a livello fisico e cognitivo, le quali consentono di mantenere una partecipazione attiva alla società. Il modello Life Skills Education, proposto dall’OMS (1994) come insieme di competenze tra-sversali utili allo sviluppo positivo dei giovani, è stato qui ipotizzato poter contri-buire anche in età anziana alla salute bio-psico-sociale, con adattamenti nei contenuti e nella metodologia di approccio, per il quale è stato adottato il modello della ricercaazione partecipata di ispirazione lewiniana (Lewin, 1946; Kagan, 2012). Un progetto di ricerca-azione partecipata che ha avuto come riferimento teorico-metodologico i programmi Life Skills Education in età anziana (Zam-bianchi, 2015) centrato su due Life Skills, il pensiero critico ed il decision making si è svolto a Bagnacavallo (RA) con il supporto delle Istituzioni politiche e sanitarie territoriali. Hanno partecipato 16 iscritti (età media = 71.13 a. 13 femmine e 3 maschi) che hanno compilato in ingresso ed in uscita il questionario sulle rappresentazioni sociali della salute, due item sulle credenze della dieta mediterranea e dell’attività fisica per la salute ed il questionario sugli stili decisionali. Dopo il per-corso formativo, i modelli Manova a misure ripetute hanno mostrato modificazioni positive sulle credenze sui comportamenti salutari, sulla rappresentazione della salute e sullo stile decisionale di pianificazione razionale.


Keywords: Invecchiamento positivo, Life Skills, pensiero critico, decision making.

  1. Prochaska, J.Q., & DiClemente, C.C. (1982). Transtheoretical therapy: Toward a more integrative model of change. Psychotherapy: Theory, Research and Practice, 19, 276-288.
  2. Rotter, J.B. (1966). Generalized expectancies for internal versus external control of reinforcement. Psychological Monographs, General and Applied, 80, 1.
  3. Simon, H. (1991). Bounded Rationality and Organizational Learning. Organization Science, 2, 125-134.
  4. Rowe, J.W., & Kahn, R.L. (1987). Human aging, Usual and Successful. Science, 237, 143-149.
  5. Rowe, J.W., & Kahn, R.L. (1997). Successful aging. The Gerontologist, 37, 433-4
  6. Rutter, M., & Rutter, M. (1995). L’arco della vita. Continuità e crisi nello sviluppo. Firenze, Giunti.
  7. Ajzen, I. (1991).The Theory of Planned Behavior. Organizational Behaviour and Human Decisions Processes, 50, 179-211., DOI: 10.1016/0749-5978(91)90020-T
  8. Baltes, P.B. (1987). Theoretical propositions of life-span developmental psychology: on the dynamics between growth and decline. Developmental Psychology, 23, 611-626. DOI :10.1037/0012-1649.23.5.611.
  9. Birren, J.E., & Schroots, J.F. (1996), History, concept, and theory in the psychology of aging. In J.E. Birren & K.W. Schaie (Eds.). Handbook of psychology of aging. S. Diego, Academic Press., DOI: 10.1016/B978-012101264-9/50024-0
  10. Brunswik, E. (1955). Representative Design and Probability Theory in a Functional Psychology. Psychological Review, 62 (3), 193-217.
  11. Del Missier, F., Mantyla, T., & Nilsson, L-G. (2016). Aging, Memory and Decision Making. In: T.M. Hess, C.E Loeckenoff., & J-H Strough (Eds). Aging and decision making: Empirical and applied perspectives. Elsevier Academic Press, 127-148.
  12. Elder, G.H.jr. (1994). Time, Human Agency and Social Change: perspective on the Life Course. Social Psychology Quarterly, 1, 4-15., DOI: 10.2307/2786971
  13. Flawell, J.H. (1979). Metacognition and Cognitive Monitoring. A new area of Cognitive-Development Inquiry. American Psychologist, 34, (10), 906-911., DOI: 10.1037/0003-066X.34.10.906
  14. Gigerenzer, G. (2000). Adaptive Thinking: Rationality in the Real World. Oxford, UK, Oxford University Press.
  15. Grillo, V., & Gagliardi, M.P. (2013). Verso una dimensione inclusiva degli alunni diversamente abili nella scuola: presentazione di un percorso formativo orientato al modello Skills for Life. Psicologia della Salute, 3, 93-114.
  16. Iannello, P. (2007). Stili cognitivi e decisionali. Il ruolo dell’attività lavorativa. Imparare, 4, 39-62.
  17. Janis, I. (1992). Scelte cruciali. Firenze: Giunti.
  18. Kahana, E., Kahana, B., & Lee, J.U. (2014). Proactive approaches to successful aging: one clear path through the forest. Gerontology, 60, 466-474., DOI: 10.1159/00036022
  19. Kagan, C. (2012). La ricerca-azione partecipata e la psicologia di comunità. In B. Zani (Ed). Psicologia di Comunità: Prospettive, idee, metodi. Roma, Carocci.
  20. Kruse, A. (2002). Gesund altern. Stand der Prävention und Entwicklung ergänzender Präventionsstrategien. Available at www.bmgesundheit.de/downloads-themen/sonstiges/gesundaltern.pdf.
  21. Lewin, K. (1946). Action Research and Minority Problems. Journal of Social Issues, 2, 34-46.
  22. Lockenoff, C. (2018). Aging and Decision Making: A conceptual framework for future research. A mini-review. Gerontology, 64, 140-148., DOI: 10.1159/000485247
  23. Lusso, S. (2000), La domotica: progettazione intelligente degli ambienti domestici. Cagliari, C.U.E.C.
  24. OMS, (1994). Life skills education per bambini e adolescenti nelle scuole. Divisione mentale, Ginevra.
  25. Palincsar, A.S., & Brown, D.A. (1990). Metacognizione e disabilità di apprendimento. In D. Ianes (a cura di). Ritardo mentale e apprendimenti complessi. Trento, Erickson. 109-133.
  26. Palmonari, A., Cavazza, N., & Rubini, M. (2012). Psicologia Sociale. Bologna, il Mulino.
  27. Scott, S.G., & Bruce, R.A. (1995). Decision-making style: the development of a new measure. Educational and Psychological Measurement, 55, 818-831., DOI: 10.1177/0013164495055005017
  28. Sheldon, S., McAndrews, M.P., & Moscovitch, M. (2011). Episodic Memory processes mediated by the medial temporal lobes contribute to open ended problem solving. Neuropsychologia, 49, 2439-2447.
  29. Tversky, A., & Kahneman, D. (1974). Judgment under Uncertainty: Heuristics and Biases. Science, 18 (4157), 1124-31.
  30. Zambianchi, M., & Ricci Bitti, P.E. (2010). Rappresentazioni sociali della salute e dell’invecchiamento in un gruppo di anziani. Psicologia della Salute, 2, 95-109., DOI: 10.3280/PDS2010-002007
  31. Zambianchi, M. (2015). Le competenze temporali per promuovere un invecchiamento positivo. Un progetto di ricerca-azione partecipata. Counseling, 3.

Manuela Zambianchi, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 2/2020, pp. 651-672, DOI:10.3280/RIP2020-002009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche