Clicca qui per scaricare

Affidarsi/Isolarsi. Una figura combinata del rapporto curanti/malati in epoca Covid
Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE 
Autori/Curatori: Anna Ferruta 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 34  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 39-47 Dimensione file:  246 KB
DOI:  10.3280/EDS2020-034004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I curanti, proprio nel momento in cui venivano esposti al contagio del Covid, si sono trovati isolati: loro, i curanti, gli altri, i malati. I ruoli tra sanitari e pazienti si sono divisi in modo netto, sia per il tipo di patologia (il disturbo del respiro e l’intubazione impediscono di parla-re e mascherano la mimica emotiva reciproca) sia per il distanziamento a cui tutti erano sot-toposti. È venuta così a scarseggiare quella dinamica relazionale curante/paziente, nella qua-le lo scambio di parole, di sguardi, di proteste, di sorrisi, crea quel tessuto di reciprocità che alimenta la vita psichica di entrambi. L’esperienza dei Gruppi Balint ci ha insegnato che a curare è la relazione medico-paziente nei due sensi, anche in quello riferito al medico, che nell’ascolto delle emozioni suscitate dall’incontro con il paziente attinge conoscenze e nutri-mento per sé e per l’altro. Prendersi cura è uno dei fondamenti antropologici della condizio-ne umana, riguarda tutti, non solo per riparare a un deficit, ma per la consapevolezza che senza questo alimento relazionale qualsiasi competenza si inaridisce.


Keywords: Affidarsi, isolarsi, relazione medico-paziente, regressione, prendersi cura.

  1. Balint M., Balint E. (1961). Tecniche psicoterapiche in medicina. Torino: Einaudi, 1970.
  2. Balint M. (1967). Il difetto fondamentale. In: M. Balint e E. Balint, La regressione. Milano. Raffaello Cortina Editore, 1983.
  3. Bion W.R. (1961). Esperienze nei gruppi. Roma: Armando, 1971.
  4. Ferruta A. (2010). Il seminario clinico di gruppo come esperienza analitica, accanto all’analisi e alla supervisione. In: G. Gabriellini, a cura di, Giovanni Hautmann e il pensiero gruppale. Pisa: Felici.
  5. Ferruta A. (2019). Teaching, training and continual education: methods and models. In C.L. Eizirik e G. Foresti, a cura di, Psychoanalytic Ideas and Application Series. London and New York: IPA, Routedge., DOI: 10.4324/9780429447129-16
  6. Ferruta A. (2020). Un’umanità in cambiamento. Evoluzione della cura. In: L. Preta, a cura di, Prendersi cura. Roma: Alpes (in stampa).
  7. Fonagy P., Target, M. (2001). Attaccamento e Funzione Riflessiva: Selected papers of Peter Fonagy and Mary Target. V. Lingiardi, a cura di. Milano: Raffaello Cortina.
  8. Hautmann G. (2007). Il paziente tra la dualità analitica e la molteplicità gruppale. Rivista di Psicoanalisi, 4, 1057-1064.
  9. Preta L., a cura di (2020). Prendersi cura. Roma: Alpes (in stampa).
  10. Winnicott D.W. (1954). Gli aspetti metapsicologici e clinici della regressione nell’ambito della situazione analitica. In: Dalla pediatria alla psicoanalisi(1958). Firenze: Martinelli, 1975.
  11. Winnicott D.W. (1974). La paura del crollo. In: Esperienze psicoanalitiche (1989). Milano: Raffaello Cortina Editore, 1995.
  12. Winnicott D.W. (1970). Vivere creativamente. In: Dal luogo delle origini. Milano: Raffaello Cortina, 1986.

Anna Ferruta, in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 34/2020, pp. 39-47, DOI:10.3280/EDS2020-034004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche