Lo straniero e l’altro: l’inquietante intimità

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Virginia De Micco
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 25-41 Dimensione file: 201 KB
DOI: 10.3280/INT2021-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’esperienza psichica dell’estraneità viene messa a confronto con quella dell’alterità, ne vengono esaminate le differenti sorgenti e direttrici intrapsichiche e relazionali. In particolare viene esaminato cosa accade nell’incontro con "lo straniero" nell’esperienza migratoria - che oscilla tra alterità radicale e doppio deformato - in cui si rende evidente quella "funzione specchio" della migrazione di cui parlava Abdelmalek Sayad. Migranti e nativi rispecchiano gli uni negli altri le proprie "parti straniere", parti inappropriabili e non soggettivabili. Tali complesse dinamiche vengono poi analizzate, anche attraverso una tranche clinico-esperenziale, alla luce dell’esperienza psichica ed antropologica legata alla pandemia da coro-navirus, la quale comporta un brusco e angoscioso mutamento della percezione del confine tra ciò che è familiare/fidato e ciò che è estraneo/pericoloso con i suoi intensi effetti perturbanti.

  1. Aulagnier P. (1975). La violenza dell’interpretazione. Roma: Borla, 1994.
  2. Bollas C. (1987). L’ombra dell’oggetto. Roma: Borla, 2014.
  3. Botella C., Botella S. (2004). La raffigurabilità psichica. Roma: Borla.
  4. Camus A. (1942). Lo straniero. Milano: Bompiani, 2015.
  5. Davids F. (2011). Internal racism: a psichoanalytic approach to race and difference. London: Palgrave.
  6. De Micco V. (2014). Trapiantare/Tramandare. Legami e identificazioni nei transiti migratori. Interazioni, 1: 32-46. DOI: 10.3280/INT2014-001004
  7. De Micco (2021). Sul confine. Antropologia e clinica del migrare e dell’abitare. In Califano M.L., Serino R. (a cura di), In limine. Napoli: Clean.
  8. De Mijolla-Mellor S. (1998). Pensare la psicosi. Una lettura dell’opera di Piera Aulagnier. Roma: Borla, 2001.
  9. De M’Uzan M. (2005). Le jumeau paraphrénique. In De M’Uzan M., Aux confins de l’identité. Paris: Gallimard.
  10. Fédida P. (2012). Il sito dell’estraneo. In Fédida P., Aprire la parola. Scritti 1968-2002. Roma: Borla.
  11. Freud S. (1915). Pulsioni e loro destini. OSF, vol. 8. Torino: Bollati Boringhieri.
  12. Freud S. (1919). Il Perturbante. OSF, vol. 9. Torino: Bollati Boringhieri.
  13. Freud S. (1923). L’Io e l’Es. OSF, vol. 9. Torino: Bollati Boringhieri.
  14. Freud S. (1925). La negazione. OSF, vol. 10. Torino: Bollati Boringhieri.
  15. Gaddini E. (1953-1985). Formazione del padre e scena primaria. In Gaddini E., Scritti 1953-1985. Milano: Cortina, 1989.
  16. Galiani R. (2019). Attualità psicopatologica del perturbante. Phenomena Journal ‒ Giornale Internazionale di Psicopatologia, Neuroscienze e Psicoterapia, 1, 1: 17-24.
  17. Goethe J.W. (1809). Le affinità elettive. Milano: Garzanti.
  18. Green A. (2002). Idee per una psicoanalisi contemporanea. Milano: Cortina, 2004.
  19. Kristeva J. (1990). Stranieri a se stessi. Milano: Feltrinelli.
  20. Lacan J. (1974). Lo stadio dello specchio come formatore della funzione dell’Io. In Lacan J., Scritti vol. 1. Torino: Einaudi.
  21. Lévi-Strauss C. (1996). L’idenità. Palermo: Sellerio.
  22. Mauss M. (1991). Tecniche del corpo. In Mauss M., Teoria generale della magia e altri saggi. Torino: Piccola Biblioteca Einaudi.
  23. Nathan T. (1986). La follia degli altri. Saggi di etnopsichiatria. Firenze: Ponte alle grazie, 1990.
  24. Preta L. (a cura di) (2018). Dislocated subject. Milano-Udine: Mimesis.
  25. Raison J.P. (1978). Migrazione. In Enciclopedia, vol. 9. Torino: Einaudi.
  26. Rank O. (1914). Il doppio. Il significato del sosia nella letteratura e nel folklore. Milano: Sugarco, 1994.
  27. Roussillon R. (2017). Il volto dello straniero e la matrice del negativo in Albert Camus. In Rosso C. (a cura di), Identità polifonica al tempo della migrazione. Roma: Alpes.
  28. Sayad A. (1999). La doppia assenza. Milano: Cortina, 2002.
  29. Scarfone D. (2009). Solo ciò che è umano può esserci straniero. In Fédida P., Umano/disumano. Roma: Borla.
  30. Winnicott D.W. (1967). La funzione di specchio della madre e della famiglia nello sviluppo infantile. In Winnicott D.W., Gioco e realtà. Roma: Armando, 1971.
  31. Zilkha N. (2017). Il mistero delle origini. “Ma tu da dove vieni?” Vergogna e odio nelle identificazioni crociate. In Rosso C. (a cura di), Identità polifonica al tempo della migrazione. Roma: Alpes.

Virginia De Micco, Lo straniero e l’altro: l’inquietante intimità in "INTERAZIONI" 1/2021, pp 25-41, DOI: 10.3280/INT2021-001003