Clicca qui per scaricare

Sviluppare la presenza online
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Ruella Frank 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  6 P. 27-32 Dimensione file:  142 KB
DOI:  10.3280/GEST2021-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Durante i primi giorni della quarantena dovuta al Coronavirus, gli studenti che supervisio-no mi hanno riportato una perdita del loro senso della presenza, cioè della capacità di "sentire i loro pazienti", nel passaggio repentino della loro pratica psicoterapeutica dall’incontro in pre-senza a quello online. Questo articolo esplora le basi del sentirsi, attraverso il movimento, ne-cessarie per sviluppare la presenza, in base a come questa emerge o viene ostacolata sia nella diade bambino-genitore che nella diade paziente-terapeuta (Frank, 2001; Frank & LaBarre, 2011; Frank, 2016). Basandosi sul pensiero dei fenomenologi Edmund Husserl (1913; 1989) e Maxine Sheets-Johnstone (1999; 2019), i quali teorizzano in merito all’importanza delle basi cinestetiche della ricettività, descrivo come i terapeuti possono riscoprire un senso di meravi-glia, prerequisito per sviluppare un senso della presenza relativamente a se stessi e ai loro pazienti. Nel fare ciò, chiarisco quali sono gli ostacoli che impediscono di percepire l’altro. Alcu-ni elementi esperienziali mostrano come potenziare l’esperienza della presenza. .


Keywords: Presenza, cinetico, cinestetico, qualità del movimento, senso di meraviglia

  1. Benjamin W. (1935). The Work of Art in the Age of Mechanical Reproduction. London, UK: Prism Key Press.
  2. Bloom D. (2016). The Relational Function of Self: Self Function on the Most Human Plane. In: Robine J.-M. (ed.), Self: A polyphony of contemporary gestalt therapists. St Romain laVirvèe, France: L’Exprimerie, pp. 65-84 (trad. it.: La funzione relazionale del sé. Il funzionamento del sé sul piano più umano. In: Robine J.-M. (a cura di), Sé. Una polifonia di psicoterapeuti della Gestalt contemporanea. Milano: FrancoAngeli, 2018, pp. 56-77).
  3. Fogel A. (1993). Developing Through Relationships. Chicago, IL: The University of Chicago Press.
  4. Frank, R. (2001). Body of Awareness: A somatic and Developmental Approach to Psychotherapy. Cambridge, MA: GestaltPress (trad. it.: Il corpo consapevole. Un approccio somatico ed evolutivo alla psicoterapia. Milano: FrancoAngeli, 2005).
  5. Frank R. (2016). Self in motion. In: Robine J.-M. (ed.), Self: A polyphony of Contemporary Gestalt Therapists. St Romain la Virvèe, France: L’Exprimerie, pp. 317-386.
  6. Frank R., LaBarre R. (2011). The First Year and the Rest of Your life: Movement, Development and Psychotherapeutic Change. New York, NY: Routledge.
  7. Husserl E. (1913; 1980). Ideas Pertaining to a Pure Phenomenology and to a Phenomenological Philosopy, Second Book (Ideas II). Dordrecht, the Netherlands: Kluwer Academic.
  8. Perls F.S., Hefferline R., Goodman, P. (1951; 1972). Gestalt Therapy: Excitement and Growth in the Human Personality. London, UK: Souvenir Press Ltd. (trad. it., La terapia della Gestalt: eccitazione e accrescimento nella personalità umana. Roma: Astrolabio, 1997).
  9. Sheets-Johnstone M. (1999). The Primacy of Movement. Philadelphia, Pennsylvania: John Benjamins.
  10. Sheets-Johnstone M. (2019). The Lived Body, The Humanistic Psychologist, 48, 1: 28-53.
  11. Spagnuolo Lobb M. (2016). Self as Contact, Contact as Self. A Contribution to Ground Experience in Gestalt Therapy Theory of Self. In: Robine J.M. (ed.), Self. A Polyphony of Contemporary Gestalt Therapists. St. Romain la Virvée: L’Exprimerie, pp. 261-289 (trad. it.: Il sé come contatto, il contatto come sé. Un contributo all’esperienza dello sfondo secondo la teoria del sé della psicoterapia della Gestalt. In: Robine J.-M. (a cura di), Sé. Una polifonia di psicoterapeuti della Gestalt contemporanei. Milano: FrancoAngeli, 2018, pp. 263-296.
  12. Stern D.N., Bruschweiler-Stern N., Harrison A., Lyons-Ruth K., Morgan A., Nahum J., Sander L., Tronick E. (2003). On the Other Side of the Moon, In: Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N. (eds.), Creative License: The Art of Gestalt Therapy. New York, NY: Springer, pp. 21-35 (trad. it.: L’altra faccia della luna: l’importanza della conoscenza implicita per la psicoterapia della Gestalt. In: Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N. (a cura di), Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli, 45-64.

Ruella Frank, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2021, pp. 27-32, DOI:10.3280/GEST2021-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche