Il sole nella nebbia. Un gruppo di psicodramma con donne vittime di violenza
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Michela Fiore, Vivienne Meli  
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 77-90 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/gruoa2-2020oa12582
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Le autrici propongono una breve dissertazione sull’utilizzo dello psicodramma a sostegno delle donne vittime di violenza. Il gruppo di psicodramma è stato un viaggio avventuroso, di donne con le donne, attraverso ruoli inesplorati, rappresentazioni conflittuali e immagini evocative dense di emozioni. Il lavoro, che ha avuto come punto di partenza l’esplorazione del ruolo genitoriale, ha permesso di percorrere sentieri intrecciati di storie individuali e di futuri possibili anche dopo relazioni traumatiche. Il gioco psicodrammatico ha stimolato movimento e spontaneità e lo spazio scenico ha rappresentato un luogo sicuro in cui le donne hanno potuto intessere nuove trame narrative relative alle esperienze personali.


Keywords: ; Gruppo; Psicodramma; Violenza; Donne; Trauma

  1. Bellia V. (2001). Dove danzavano gli sciamani, il setting nei gruppi di danzamovimentoterapia. Milano: FrancoAngeli.
  2. Cuomo E. (2018). Tutta colpa di Ismene. Interrogativi e questioni simbolico-politiche sulla tratta delle donne nella società contemporanea. Milano: Mimesis.
  3. De Leonardis P. (2003). Lo scarto del cavallo. Milano: FrancoAngeli.
  4. Falbo A. (2013). Un’analisi sulla violenza di genere secondo la psicologia analitica junghiana. Anamorphosis, 11. Testo disponibile al sito: https://sites.google.com/site/studiodipsicologiadrssafalbo/home/un-analisi-sulla-violenza-di-genere-secondo-la-psicologia-analitica-junghiana.
  5. Gasca G. (2003). Psicodramma analitico. Punto d’incontro di metodologie. Milano: FrancoAngeli.
  6. Gasca G. e Gasseau M. (1991). Lo psicodramma junghiano. Torino: Bollati Boringhieri.
  7. ISTAT (2014). Violenza sulle donne. Testo disponibile al sito: https://www.istat.it/it/violenza-sulle-donne/il-fenomeno/violenza-dentro-e-fuori-la-famiglia/numero-delle-vittime-e-forme-di-violenza consultato il 28 novembre 2020.
  8. Jung C.G. (1969). Tipi psicologici. Opere vol. 6. Torino: Bollati Boringhieri.
  9. Lo Verso G. (2002). Il gruppo nel modello della gruppoanalisi soggettuale. In: Di Maria F. e Lo Verso G., a cura di, Gruppi. Metodi e strumenti. Milano: Raffaello Cortina.
  10. Neri C. (2017). Gruppi. Milano: Raffaello Cortina.
  11. Malagoli Togliatti M. e Mazzoni S. (2009). Verso un modello multifattoriale per la comprensione dei legami violenti. Maltrattamento e abuso all’infanzia, 11, 1: 17-41. , DOI: 10.3280/MAL2009-001002.
  12. Pessina M.M. (2017). Il complesso di Ismene. In: Falbo A., a cura di, Il complesso di Ismene. Io mi salvo da sola. Milano: Vivarium Edizioni.
  13. Pulcini E. (2009). La cura del mondo. Paura e responsabilità nell’età globale. Torino: Bollati Boringhieri.
  14. Ustica G.R. (2002). Il gruppo omogeneo di psicoterapia analitica. In: Di Maria F. e Lo Verso G., a cura di, Gruppi. Metodi e strumenti. Milano: Raffaello Cortina.
  15. Yalom I. (2005). The Theory and Practice of Group Psychoterapy. New York: Basic Books/The Perseus Books Group (trad. it: Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo. Torino: Bollati Boringhieri, 2005).

Michela Fiore, Vivienne Meli , in "GRUPPI" 2/2020, pp. 77-90, DOI:10.3280/gruoa2-2020oa12582

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche