La relazione clinica mediata dallo schermo nella psicoterapia di gruppo online
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Ivan Ambrosiano, Vanda Druetta, Anna Pisterzi, Salvatore Gullo 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 91-105 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/gruoa2-2020oa12583
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

La psicoterapia di gruppo online è una esperienza molto recente in Italia, dove non era mai stata praticata prima delle restrizioni imposte dalla emergenza sanitaria. In quella occasione i terapeuti di gruppo hanno effettuato il passaggio dal setting in presenza a quello online apprendendo dalla esperienza diretta come gestire la relazione clinica mediata dallo schermo, in particolare rispetto alla amministrazione del setting, alle dinamiche del gruppo e allo stile di conduzione. Questi e altri fenomeni sono stati indagati attraverso un questionario compilato da 26 terapeuti di gruppo dopo tre mesi di pratica, che ha permesso di evidenziare impressioni, vissuti, difficoltà e opportunità legate a questa nuova esperienza.


Keywords: ; Psicoterapia di gruppo online; Setting; Dinamiche di gruppo; Stile di conduzione; Corpo; Ricerca empirica

  1. Ambrosiano I. (2020a). “Lavorare online con i gruppi”. Webinar. Video disponibile nell’area riservata del sito: https://www.enpap.it/webinar-lavorare-online-con-gruppi/.
  2. Ambrosiano I. (2020b). “Nuove reti per la psicoterapia di gruppo”. Webinar. Video disponibile nell’area riservata del sito: https://www.ordinepsicologiveneto.it/ita/ content/corso-fad-la-clinica-post-lockdown.
  3. Binswanger L. (1973). Essere nel mondo. Roma: Astrolabio Ubaldini, 1978.
  4. Brusadelli E., Ferrari L., Benetti M., Bruzzese S., Tonelli G.M. e Gullo S. (2020). Online Supportive Group as Social Intervention to Face Covid Lockdown. A Qualitative Study on Psychotherapist, Trainees, Students and Community People. Research in Psychotherapy, Psychopathology, Process and Outcome, 23: 209-212. , DOI: 10.4081/ripppo.2020.501.
  5. Carr N. (2010). Internet ci rende stupidi? Come la rete sta cambiando il nostro cervello. Milano: Raffaello Cortina, 2011.
  6. D’Amico G. e Dimaggio G. (2020). La terapia online ai tempi della quarantena: intervista a Giancarlo Dimaggio. Testo disponibile al sito: https://www.psicologiafenomenologica.it/articolo/la-terapia-online-ai-tempi-della-quarantena-intervista-a-giancarlo-dimaggio/.
  7. Druetta V. (2020). “Il passaggio all’online: La psicoterapia attraverso lo schermo al tempo del Covid-19”, 23 maggio. Webinar. Video disponibile nell’area riservata in Multimedia IPAP: http://www.ipap-jung.eu/?page_id=1658 e testo disponibile nell’area riservata sul sito: https://www.ordinepsicologi.piemonte.it/servizi/covid-19-utilities.
  8. Essig T. (2015). The Gains and Losses of Screen Relations: a Clinical Approach to Simulation Entrapment and Simulation Avoidance in a Case of Excessive In-ternet Pornography Use. Contemporary Psychoanalysis, 51, 4: 680-703. , DOI: 10.1080/00107530.2015.1023669.
  9. Floridi L. (2014). La quarta rivoluzione, come l’infosfera sta trasformando il mondo. Milano: Raffaello Cortina, 2017.
  10. Fonseca J. (2004). Lo psicodramma contemporaneo. Milano: FrancoAngeli, 2012.
  11. Foulkes S.H. (1975). La psicoterapia gruppoanalitica. Roma: Astrolabio, 1976.
  12. Girelli R., Vasta F. e Ambrosiano I. (2020). Prime considerazioni sul passaggio dal cerchio gruppale allo schermo condiviso: note sparse al tempo del lockdown. Gruppi, XX, 1: 89-105. , DOI: 10.3280/gruoa1-2020oa10485.
  13. Kingod N., Cleal B., Wahlberg A. e Husted G.R. (2017). Online Peer-to-Peer Com-munities in the Daily Lives of People with Chronic Illness: A Qualitative Sys-tematic Review. Qualitative Health Research, 27, 1: 89-99. , DOI: 10.1177/1049732316680203.
  14. Longo M. e Furin A. (2019). Esplorando il sottile confine tra reale e virtuale. Gruppi, XIX, 1: 17-29. , DOI: 10.3280/GRU2019-001003.
  15. Maretti M. e Russo V. (2019). Comunità innovative di pratiche online come strumento di attivazione di salute: il caso Diastasi Italia. Salute e Società, 3: 161-176. , DOI: 10.3280/SES2019-003014.
  16. Moreno J. (1975). Psicodrama. Sao Paulo: Daimon CER, 2006.
  17. Rochlen A.B., Zack J.S. e Speyer C. (2004). Online Therapy: Review of Relevant Definitions, Debates, and Current Empirical Support. J. of Clinical Psychology, 60, 3: 269-283. , DOI: 10.1002/jclp.10263.
  18. Russell G.I. (2015). Psicoanalisi attraverso lo schermo. I limiti delle terapie online. Roma: Astrolabio, 2017.
  19. Vasta F.N., Gullo S. e Girelli R., a cura di (2019). Psicoterapia psicodinamica di gruppo e ricerca empirica. Una guida per il clinico. Roma: Alpes.
  20. Wallace P. (2015). La psicologia di internet. Milano: Raffaello Cortina, 2017.
  21. Weinberg H. (2020). Online Group Psychotherapy: Challenges and Possibilities During COVID-19. A Practice Review. Group Dynamics: Theory, Research, and Practice, 24, 3: 201-211. , DOI: 10.1037/gdn0000140.
  22. Weinberg H. e Rolnick A. (2020). Theory and Practice of Online Therapy: Internet-delivered Interventions for Individuals, Groups, Families, and Organiza-tions. New York: Routledge.
  23. Zanarini M.C., Conkey L.C., Temes C.M. e Fitzmaurice G.M. (2018). Randomized Controlled Trial of Web-Based Psychoeducation for Women with Borderline Personality Disorder. J. of Clin. Psychiatry, 79, 3: 16m11153. , DOI: 10.4088/JCP.16m11153.

Ivan Ambrosiano, Vanda Druetta, Anna Pisterzi, Salvatore Gullo, in "GRUPPI" 2/2020, pp. 91-105, DOI:10.3280/gruoa2-2020oa12583

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche