Metamorficamente. Miti e psicoanalisi

Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE
Autori/Curatori: Adalinda Gasparini
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 35 Lingua: English
Numero pagine: 18 P. 92-109 Dimensione file: 350 KB
DOI: 10.3280/EDS2021-035008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Seguendo l’ipotesi che la psicoanalisi sia una potente e preziosa mitologia contemporanea l’A. ripercorre le lotte fra generazioni dell’antica cosmogonia greca, che possono illuminare aspetti sottesi della vicenda edipica. I miti hanno una molteplicità di versioni, che sono tutte vere e tutte false, e la loro polisemia fa sì che, come nei sogni e nell’inconscio, allestiscano uno spazio nel quale può tran-sitare la follia. Nell’infanzia dell’A. il padre era sempre pronto ad ascoltarla e aveva una risposta per tutte le sue domande, tranne che sulla malattia del nonno, che periodicamente doveva essere ricoverato per crisi di psicosi maniaco depressiva. La psicoanalisi come il mito non esclude la follia, e riconosce per prima l’umanità profonda e perturbante di sofferenze che sono state sistematicamente rimosse dal senso comune e dalle istituzioni psichiatriche. Se mantiene come Freud lo sguardo sui sintomi nevrotici e sui deliri psicotici la psicoanalisi non può diventare un sistema compiuto e univoco, ma questo che sembra uno svan-taggio è invece la potenza della psicoanalisi, che è e resta una scienza delle do-mande, non delle risposte: sono le domande che aprono lo spazio metamorfico. Le analogie con la geometria non euclidea e la fisica quantistica sono importanti, ma è solo con le risorse originali della sua storia, della sua teoria e della sua clinica che la psicoanalisi potrà riconoscersi ed essere riconosciuta come scienza.

  1. Basile G.B. (2013). Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de’ peccerille. C. Stromboli, a cura di, 2 tomi. Roma: Salerno Editrice. Tomo II. Vedi anche, online -- http://www.alaaddin.it/_TESORO_FIABE/FD_Campania_Li_sette_palommielle.html; ultimo accesso 25/04/2021.
  2. Colli G. (1996). La sapienza greca. Eraclito. In: G. Colli, 3 voll., vol. III. Milano: Adelphi.
  3. Esiodo. Teogonia. -- http://www.alaaddin.it/greche/index.html. Trad. nostra; ultimo accesso, 02/04/2021.
  4. Freud S. (1907). Gradiva. Un racconto di Wilhelm Jensen e uno studio analitico di Sigmund Freud con un commento di C.L. Musatti. Torino: Boringhieri, 1961.
  5. Freud S. (1913). Il motivo della scelta degli scrigni. In: OSF VII. Torino: Bollati Boringhieri. 1975; pp. 203-218.
  6. Freud S. (1917). Una difficoltà della psicoanalisi. In: OSF VIII. Torino: Bollati Boringhieri, 1976; pp. 653-664.
  7. Freud S. (1920). Al di là del principio di piacere. In: OSF IX. Torino: Bollati Boringhieri, 1977; pp. 185-249.
  8. Freud S. (1937). Costruzioni in analisi. Trad. it di A. Sciacchitano, -- http://www.sciacchitano.it/Psicanalisti/Freud/costruzioni%20critiche.pdf; ultimo accesso 29/04/21.
  9. Freud S. (1938). Sommario di psicoanalisi. S. David e E. Servadio, a cura di. Prefazione di Emilio Servadio. Firenze: Editrice Universitaria, 1957.
  10. Omero. Odissea. Versione di Rosa Calzecchi Onesti. Torino: Einaudi, 1963.
  11. Platone, Simposio, a cura di Giorgio Colli. Milano: Adelphi 1996 (prima ed. 1979)
  12. Thom R. (1991). Predire n’est pas expliquer. René Thom à la question par Emile Noel. Paris: Edition Eshel.

Adalinda Gasparini, Metamorficamente. Miti e psicoanalisi in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 35/2021, pp 92-109, DOI: 10.3280/EDS2021-035008