Clicca qui per scaricare

«Il morbo continua a regnare». La peste in Tunisia tra il 1818 e il 1820 nelle relazioni del Console sabaudo Gaetano Palma di Borgofranco
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Giorgio Toso 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 168  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 51-76 Dimensione file:  449 KB
DOI:  10.3280/SU2021-168003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La Reggenza di Tunisi fu colpita tra il 1818 e il 1820 da una grave epidemia di peste, che causò la morte di migliaia di persone. In questo contesto, i Consoli degli Stati europei presenti nel Paese nordafricano riportarono, nelle relazioni dirette ai loro governi, notizie relative alla diffusione e all’andamento del contagio, alla mortalità e alle misure adottate dalle autorità tunisine durante l’emergenza: per quanto viziate talvolta da pregiudizi o imprecisioni, queste relazioni rappresentano una testimonianza diretta sulla peste in Tunisia e sui suoi effetti. In questa sede si presentano i riferimenti all’epidemia nelle relazioni del Console sabaudo a Tunisi, Gaetano Palma di Borgofranco, con un’attenzione particolare per l’immagine, tendenzialmente negativa, del governo e della popolazione tunisini. Attraverso l’analisi di documenti conservati presso gli Archivi di Stato di Genova e Torino emergono quindi non solo i dati pratici relativi all’epidemia ma anche le idee e gli atteggiamenti di un diplomatico europeo ottocentesco nei confronti di una società musulmana nel corso di un’emergenza sanitaria.


Keywords: Consolato del Regno di Sardegna a Tunisi Epidemia Peste Reggenza di Tunisi Relazioni consolari Salute pubblica

Giorgio Toso, in "STORIA URBANA " 168/2021, pp. 51-76, DOI:10.3280/SU2021-168003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche