Clicca qui per scaricare

I volti del trauma: tra il personale e il sociale. Il "piacere" di trasmettere il maltrattamento
Titolo Rivista: PSICOANALISI 
Autori/Curatori: Irma Brenman Pick 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 87-100 Dimensione file:  170 KB
DOI:  10.3280/PSI2021-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La psicoanalisi, fin dalle sue origini, si è sempre occupata del trauma e letteratura psicoana-litica sul tema è molto vasta. Viene sottolineata l’importanza dell’esperienza simbolica - a livello sia personale che sociale - dell’essere "messi" fuori, impotentemente dipendenti e 2abbandonati", elaborata a partire dal lavoro di Otto Rank sul trauma della nascita. L’analisi di questi vissuti mette in rilievo come il personale e il sociale siano strettamente collegati e intrecciati: così come l’ostracismo sociale può avere profondi effetti personali, allo stesso modo le esperienze di essere esclusi, quando sono proiettate, possono determinare un profondo effetto sociale. La "trasmissione del maltrattamento", nella sua dimensione inconscia, può essere pensata facendo uso del concetto di identificazione proiettiva. Inevitabilmente, que-sto processo comporta una serie di problemi controtransferali per l’analista. Attraversol’analisi di due casi clinici, seguiti in supervisione, viene sottolineato l’aspetto centrale legato alla proie-zione della colpa. Chi commette un abuso può proiettare parte dei propri sentimenti di colpa nella vittima. Nei due casi riportati, possiamo vedere come l’aver vissuto l’esperienza di essere stati "privati dell’amore", trasforma uno dei i due pazienti in un "padre privo di amore" e l’altro in "paziente privo di amore". Sembra che entrambi abbiano perso la loro capacità sperimentare l’amore e la perdita, e i loro analisti si sentono a loro volta "privi di amore": combattono per affrontare i loro stessi sentimenti di rabbia e di impotenza, cercando di riconnettersi con la pro-pria capacità di provare "amore" e compassione per il paziente. .


Keywords: trauma, identificazione proiettiva, controtransfert, proiezione della colpa, sadi-smo, impotenza

  1. Becker J (2015). Du kannst schlafen, was du willst. Die Kunst der Selbstypnose. München/Berlin: Piper.
  2. Bronstein C. (2014). «I am not crying. I am rubbing my eyes»: Annie and the hollow object. Journal of Child Psychotherapy, 40, 2: 135-149
  3. Ferenczi S. (1933). Confusion of Tongues Between Adults and the Child. In: Final Contributions to the Problems and Methods of Psycho-Analysis. London: Karnac, 1955.
  4. Friedman P. (1990), Aspekte einer Kinyentrationslager-Pszchologie. Pszche – Z Psychoanal.,44, 2: 164-172
  5. Freud A. (1937). The Ego and the Mechanisms of Defence. London: Karnac Book
  6. Grubrich-Simitis I. (2007). Trauma oder Trieb – Trieb und Trauma: Wiederbetrachtet. Psyche – Z Psychoanal., 61, 7: 637-656. 
  7. Grubrich-Simitis I. (1981). Extreme Traumatization as Cumulative Trauma – Psychoanalytic Investigations of the Effects of Concentration Camp Experiences on Survivors and their Children. Psychoanal. St. Child, 36: 415-450. 
  8. Grubrich-Simitis I. (1984). Vom Konkretismus zur Metaphorik: Gedanken zur psychoanalytischen Arbeit mit Nachkommen der Holocaust-Generation – anläßlich einer Neuerscheinung. Psyche – Z Psychoanal., 38, 1: 1-28. 
  9. Grubrich-Simitis I. (1979). Extremtraumatisierung als kumulatives Trauma: Psychoanalytische Studien über seelische Nachwirkungen der Konzentrationslagerhaft bei Überlebenden und ihren Kindern. Psyche – Z Psychoanal., 33, 11: 991-1023. 
  10. Grubrich-Simitis, I. (1988). Trauma or Drive – drive and Trauma – A Reading of Sigmund Freud’s Phylogenetic Fantasy of 1915. Psychoanal. St. Child, 43:3-32.
  11. Grubrich-Simitis I. (2008). Realitätsprüfung an Stelle von Deutung. Eine Phase in der psychoanalytischen Arbeit mit Nachkommen von Holocaust-Überlebenden. Psyche – Z Psychoanal., 62, 11: 1091-1121.
  12. Grubrich-Simitis, I. (2010). Reality Testing in Place of Interpretation: A Phase in Psychoanalytic Work with Descendants of Holocaust Survivors. Psychoanal Q., 79, 1: 37-69. 
  13. Moss D. (2018). The insane look of the Bewildered Half-Broken animal. In: At war with the obvious. Disruptive Thinking in psychoanalysis. London: Routledge.
  14. Rank O. (1924). The Trauma of Birth in its Importance for Psychoanalytic Therapy. Psychoanal. Rev., 11, 3: 241-245.
  15. Williams K.D., Jarvis B. Cyberball (2006). A program for use in research on interpersonal ostracism and acceptance. Behav Res Methods 38: 174-180.

Irma Brenman Pick, in "PSICOANALISI" 2/2021, pp. 87-100, DOI:10.3280/PSI2021-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche