Clicca qui per scaricare

Cosa cambia il destino di una psicosi? Riflessioni sulla virtualità sana di Jorge Garcia Badaracco
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Federico Russo, Filippo Maria Moscati 
Anno di pubblicazione:  2022 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 58-67 Dimensione file:  155 KB
DOI:  10.3280/INT2022-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Secondo Jorge Garcia Badaracco, lo sguardo con cui si osserva un paziente influenza no-tevolmente l’esito del trattamento. Per poter aiutare la persona a scoprire la sua "virtualità sana", è necessario che la osservi per primo chi è deputato alla cura. Partendo da questo presup-posto, gli autori riflettono su quali siano i fattori (intriseci ed estrinseci) che influenzano lo sguardo, e di come sia importante incidere innanzitutto sul modo in cui i curanti osservano i pazienti e le loro famiglie. La paura è un elemento centrale nel contribuire all’erezione di difese. Ed è la normalità che può spaventare una persona affetta da psicosi, così come i suoi familiari e i suoi curanti, impedendogli di vedere la "virtualità sana". Accedere ad essa implica tollerare un profondo dolore; farlo all’interno di un gruppo di Psicoanalisi Multifamiliare aiuta pazienti, familiari e operatori a sentirsi meno spaventati e meno sofferenti.


Keywords: Psicoanalisi Multifamiliare, gruppi terapeutici, psicosi, virtualità sana, resistenza al cambiamento.

  1. Badaracco J.G. (2007). La virtualità sana nella psicosi. Interazioni, 28, 2: 16-24., DOI: 10.3280/INT2007-002003
  2. Bion W. (1957). Criteri differenziali tra personalità psicotica e non psicotica. In Bion W., Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico. Roma: Armando Editore.
  3. Cooper A.M. (1988). The Narcissistic-masochistic character. In Glick R.A., Meyers D.I. (Eds), Masochism: current pscychoanalytic perspective. El Dorado Hills, CA: Analytic Press.
  4. De Masi F. (2018). Svelare l’enigma della psicosi. Fondamenti per una terapia analitica. Milano: Mimesis.
  5. Galimberti U. (2006). Tra calma e burrasca, le metafore della vita. Archivio La Repubblica.it, 4 agosto 2006.
  6. Gallese V. (2006). La consonanza intenzionale: una prospettiva neurofisiologica sull’intersoggettività e sulle sue alterazioni nell’autismo infantile. Milano: Dedalus.
  7. Han B. (2021). La società senza dolore. Torino: Giulio Einaudi Editore.
  8. Narracci A., Ceppi F. (2021). Non sapendo di chi è quello che sto provando. In Narracci A. (a cura di), Da oggetto di intervento a soggetto della propria trasformazione. Milano: Bruno Mondatori.
  9. Narracci A. (2015). Tre ipotesi. In Narracci A. (a cura di), Psicoanalisi multifamiliare come esperanto. Torino: Antigone Edizioni.
  10. Zapparoli G.C. (2002). La follia e l’intermediario. Milano: Dialogos Edizioni.

Federico Russo, Filippo Maria Moscati, in "INTERAZIONI" 1/2022, pp. 58-67, DOI:10.3280/INT2022-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche