Clicca qui per scaricare

Un’insolita interazione col mondo animale. Note in margine a una storia clinica
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Cesare Secchi 
Anno di pubblicazione:  2022 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 95-109 Dimensione file:  196 KB
DOI:  10.3280/INT2022-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nell’ambito della lunga analisi di una paziente con una storia psicotica alle spalle, l’autore prende in esame un fenomeno molto peculiare riportato in seduta: la paziente sembra instaurare col mondo animale vivaci interazioni piuttosto diverse dal tradizionale rapporto col pet. Si tratta di contatti con numerosi animali, in prevalenza uccelli, che restano nel loro ambiente e che la paziente incontra al confine tra il loro mondo e il proprio; inoltre, gli scambi, ripetuti e a volte protratti per mesi, si realizzano tramite comunicazioni preverbali e inter-corporee; l’esperienza è vissuta dall’analizzanda con una speciale intensità, come un momento importante e misterioso da attraversare. L’autore avanza l’ipotesi che, oltre all’acquisizione di una ricca area transizionale, giochi una parte fondamentale la spinta a conoscere, già implicata nella precedente dinamica psicopatologica, ma qui cambiata di segno.


Keywords: rapporto con gli animali, area transizionale, istinto epistemofilico, onniscienza, invidia, angoscia persecutoria.

  1. Alper L.S. (1993). Chapter 19, The Pet-Child Bond. Progress in Self-Psychology, 9: 257-270., DOI: 10.4324/9780203778951
  2. Bolognini S. (2011). Animaux symboliques, animaux interpsychiques. Revue Française de Psychanalyse, 75, 1: 103-120.
  3. Bourdellon G., Ithier B. (2011). Argument: Animal. Revue Française de Psychanalyse, 75, 1: 5-12.
  4. Gavriele-Gold J.R. (2011). The Human-Canine Bond: New Learnings and Changing Rationality from a Psychoanalytic Perspective. The Psychoanalytic Review, 98, 1: 91-105.
  5. Lorenz K. (1949). L’anello di re Salomone. Milano: Adelphi, 1989.
  6. Marcus P. (2007). “I’m Just Wild about Harry!”. A Psychoanalyst Reflects in His Relationship with His Dog. The Psychoanalytic Review, 94, 4:639-656.
  7. Parat C. (1993). L’affect partagé. Revue Française de Psychosomatique, 2013, 44, 2: 167-182.
  8. Ponder J.A. (2019). Patients’ Use of Dogs as Objects of Identification, Projection and Displacement. Psychoanalytic Psychology, 36, 1: 29-35.
  9. Rappaport E. (1968). Zoophily and Zoerasty. Psychoanalytic Quarterly, 37: 565-587., DOI: 10.1080/21674086.1968.11926475
  10. Roth B. (2005). Pets and Psychoanalysis: a Clinical Contribution. The Psychoanalytic Review, 92, 3: 453-467.
  11. Sable P. (2016) The Pet Connection: An Attachment Perspective. Attachment: New Directions in Psychotherapy and Relational Psychoanalysis, 10, 3: 199-210., DOI: 10.1007/S10615-012-0405-2
  12. Sacks A. (2008). The Therapeutic Use of Pets in Private Practice. British Journal of Psychotherapy, 24, 4: 501-521.
  13. Testoni I., De Cataldo L. (2017). Un lutto speciale. Delegittimazioni culturali e rappresentazioni della morte nella perdita di un animale domestico. Psicoterapia e Scienze Umane, 51, 3: 413-428., DOI: 10.3280/PU2017-003004
  14. Winnicott D.W. (1971). Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Cesare Secchi, in "INTERAZIONI" 1/2022, pp. 95-109, DOI:10.3280/INT2022-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche