Clicca qui per scaricare

Riflessioni sulla difficile esperienza di supporto psicologico a migranti richiedenti asilo
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Stefania Baraldo, Emma Luciani, Alida Martignon, Amalia Mineo, Mariadele Santarone, Anna Tabanelli, Stefano Trinchero 
Anno di pubblicazione:  2022 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 110-126 Dimensione file:  191 KB
DOI:  10.3280/INT2022-001012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Gli autori riflettono sulle difficoltà di comprensione - tentativi di omologazione e fraintendimenti - e sui complessi meccanismi psichici che si verificano negli operatori dei centri di accoglienza per migranti e negli stessi psicoterapeuti deputati a fornire supporto psicologico. Si soffermano sulle manifestazioni di sofferenza post-traumatica di coloro che vivono il dramma dello sradicamento, del pericolo di vita, di forme di schiavitù, di assenza di progettualità e di brusca caduta dentro un mondo di cui non capiscono le regole. Un mondo che dicendo di ac-coglierli li controlla, li segrega, e all’improvviso li dimette dai centri di accoglienza supponendo in loro una capacità di adattamento, integrazione e resilienza. Le esperienze traumatiche spesso e per molto tempo non trovano parole né adeguate rappresentazioni simboliche, per cui "parlano" attraverso somatizzazioni, lamentele fisiche, richiami a modelli della cultura d’origine, con effetto di sconcerto e di impotenza in coloro che sono chiamati all’ascolto e alla comprensione. Le differenze culturali pongono, secondo gli autori, non soltanto problemi di corretta interpretazione dei disagi e dei sintomi riferiti, ma anche domande sull’adeguatezza del setting e delle chiavi interpretative in uso nella nostra cultura. Nell’articolo si fa riferimento ad alcuni approcci transculturali e alla necessità, per gli psicoterapeuti, di uno spazio condiviso di confronto su vissuti controtransferali, spesso pesanti come macigni che, se non compresi ed elaborati, possono indurre ad atteggiamenti di rinuncia e di evitamento.


Keywords: trauma migratorio, fraintendimenti culturali, setting transculturali.

  1. Abbal T. (2006). Dinamiche familiari e insuccesso scolastico dei figli delle famiglie migranti. In Dal Verme S., Facchetti B. (a cura di), Quaderni di formazione alla clinica transculturale. Milano: Crinali cooperativa sociale onlus.
  2. De Micco V. (1999). Psicoanalisi e cultura: le tracce di un impensato (introduzione all’edizione italiana, curata da Virginia De Micco). In Assoun P.L. (1993), Freud e le Scienze sociali. Psicoanalisi e teoria della cultura. Roma: Borla.
  3. De Micco V. (2016). La pelle che abito, il nome che porto: fratture culturali e legami transgenerazionali nei bambini migranti. Rivista di Psicoanalisi, 62, 1: 231-240.
  4. De Micco V. (2017). Migrare: sopravvivere al disumano. Rivista di Psicoanalisi, 63, 3: 663-672.
  5. Devereux G. (1972). Etnopsicoanalisi complementarista. Milano: FrancoAngeli, 2013.
  6. Idris I. (2017). Accogliere chi viene da lontano. In Atti del convegno Cooperativa Crinali. Milano: Crinali cooperativa sociale onlus.
  7. Montagner P. (2019). Un luogo per vivere? Rivista Psiche, 6, 1: 249-266., DOI: 10.7388/93697
  8. Moro M.R., De La Noe Q., Mouchenik Y. (2009). Manuale di psichiatria transculturale. Dalla clinica alla società. Milano: FrancoAngeli.
  9. Nathan T. (1996). Principi di etnopsicoanalisi. Torino: Bollati Boringhieri.
  10. Tabanelli A., et al. (2009). Radici e trasformazioni. In Francesconi M., Scotto di Fasano D. (a cura di), Apprendere dal bambino. Riflessioni a partire dall’Infant Observation. Roma: Borla.
  11. Tabanelli A., Scotto di Fasano D. (2014). Nascere lontano: geografie della maternità. Interazioni, 39, 1: 90-102., DOI: 10.3280/INT2014-001008

Stefania Baraldo, Emma Luciani, Alida Martignon, Amalia Mineo, Mariadele Santarone, Anna Tabanelli, Stefano Trinchero, in "INTERAZIONI" 1/2022, pp. 110-126, DOI:10.3280/INT2022-001012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche