Progettare politiche per le aree marginali: il caso delle Terre Alte

Titolo Rivista: ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI
Autori/Curatori: Claudio Calvaresi, Rosanna Ridenti
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 97-98 Lingua: English
Numero pagine: 29 P. 208-236 Dimensione file: 607 KB
DOI: 10.3280/ASUR2010-097013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In questo articolo sosteniamo che, per interrogarsi su cosa significhi "abitare in periferia", conviene osservare quei contesti che più acutamente mostrano condizioni di marginalità. Soprattutto nelle aree montane, e in special modo nelle aree montane interne del nostro Paese. Nella prima parte, ci soffermeremo in particolare sui problemi tipici delle alte valli. Nella seconda, getteremo lo sguardo sul Gal e sul programma Leader plus. Infine, ci chiederemo cosa vuol dire operare in contesti marginali e quale può essere la funzione del progetto di politiche.

  • Tornare ad abitare le terre alte: nuovi progetti di territorio e forme alternative di sviluppo Federica Corrado, in TERRITORIO 74/2015 pp.128
    DOI: 10.3280/TR2015-074022
  • Le fragilità della montagna. Tra micro (innov)azioni e grandi eventi Federica Corrado, in ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE 3/2021 pp.29
    DOI: 10.3280/ES2020-003002

Claudio Calvaresi, Rosanna Ridenti, Progettare politiche per le aree marginali: il caso delle Terre Alte in "ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI" 97-98/2010, pp 208-236, DOI: 10.3280/ASUR2010-097013