Discorsi sulla povertà

Operatori sociali e volontari a Torino

Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2003   (Codice editore 570.6)

Discorsi sulla povertà. Operatori sociali e volontari a Torino
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846445315

Presentazione del volume

La ricerca presentata in queste pagine è frutto del lavoro collettivo di due gruppi, parte l'uno del Dipartimento di Scienze Sociali e l'altro delle Acli torinesi. La povertà di cui si occupa questo studio non è quella di cui alcuni individui e le loro famiglie - drammaticamente - fanno esperienza. Qui l'attenzione cade sulle rappresentazioni sociali della povertà condivise dalle persone che, per la professione che svolgono o per la vocazione da cui sono abitate, quotidianamente hanno a che fare con la povertà degli altri.

Queste persone: operatori sociali, volontari, cittadini indignati raccolti in un comitato civico, comunicano tra loro e, soprattutto, orientano comportamenti e strategie di azione muovendo da un'immagine più o meno articolata della povertà, dei fattori che la determinano e di quelli che ne consentono il contrasto. L'interesse per questo tema ha origine da una convinzione che ha radici profonde: gli individui progettano i propri corsi d'azione e li coordinano con quelli di altri in base alla definizione della situazione, in base al modo in cui rappresentano a sé e agli altri il contesto del loro agire.

Lo studio di queste rappresentazioni ha rilievo sia per la comprensione, sia per la spiegazione dell'agire sociale. A ciò si lega strettamente l'ipotesi che qualsiasi analisi culturale dia il meglio di sé quando venga situata entro specifici contesti locali. Contestualizzare le rappresentazioni della povertà a Torino significa inserirle nell'ambito di un insieme di relazioni e di comportamenti sociali, il cui equilibrio è stato profondamente scosso dalla crisi del fordismo. La ricerca di cui presentiamo qui i principali risultati si basa sulla realizzazione di cinque focus group, organizzati e condotti in cinque diverse aree urbane, tre quartieri popolari di Torino e due cittadine della cintura.

Mario Cardano, Antonella Meo, Manuela Olagnero condividono interessi di studio e ricerca sulle trasformazioni sociali e culturali della Torino post-fordista.

Vincenzo Buttafuoco e Valeria Zaffalon fanno parte del Gruppo di ricerca Acli di Torino, da tempo impegnato nello studio e nell'intervento sui fenomeni di povertà urbana.

Indice


Una ricerca, due registri
Riflessioni a margine di una ricerca
Il disegno della ricerca
(La teoria delle rappresentazioni sociali; La ricerca)
Rischi e contesti
(L'importanza dei contesti nell'analisi della povertà urbana; Il duplice rischio; Milieu, integrazione sociale, sostegno pubblico; Dinamiche della povertà e livelli di osservazione)
Processi di impoverimento: le narrazioni (La caduta; L'epilogo: sommersi o salvati; Perché sono diventati poveri?)
Immagini della povertà
(Non solo un problema di risorse; Immagini locali; Figure di poveri)
Retoriche del welfare
(Consonanza e dissonanza di voci sul welfare; Valutazioni e auto-valutazioni delle politiche)
Ripensare la povertà per agire
( Focus group : una proposta di sintesi; La restituzione: ritorno sul campo; Prove di ricerca-azione partecipata).