Uso di sostanze psicoattive e cultura del rischio.

Una ricerca tra giovani frequentatori di discoteche

Contributi
Cristina Bubici, Elvira Cicognani, Gilberto Gerra, Linda Lombi, Manuela Martoni, Gabriele Moi, Amir Zaimovic
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2006   (Codice editore 1341.2.18)

Uso di sostanze  psicoattive e cultura del rischio. Una ricerca tra giovani frequentatori di discoteche
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846476715

Presentazione del volume

La diffusione di sostanze psicoattive presso le giovani generazioni rappresenta un fenomeno assai esteso e preoccupante che impone un ripensamento delle metodologie preventive. La proposta che questo volume illustra si fonda sull'elaborazione di percorsi di empowerment che rendano protagonisti i ragazzi e le ragazze del loro processo di crescita sana, utilizzando le nuove tecnologie di comunicazione e raggiungendoli in una pluralità di contesti.
Nella prima parte del libro si affrontano tematiche relative all'adolescenza, alle condotte a rischio, ai nuovi consumi di sostanze psicoattive, all'empowerment, all'educazione socioaffettiva, all'uso di tecnologie nell'informazione e nella formazione.
Nella seconda parte è presentata una ricerca empirica tra i giovani frequentatori di discoteche, uno studio longitudinale che rileva i consumi preminenti di sostanze psicoattive, approfondendo i dati più allarmanti: il consumo smodato di alcol (in particolare superalcolici) tra i giovanissimi; la cocaina che si sta imponendo come scelta giovanile; la poliassunzione troppo spesso presente tra le modalità di consumo giovanili.
Sono infine osservati altri aspetti che possono avere ricadute negative sulla sicurezza dei giovani: il prolungamento del divertimento connesso all'abitudine di non andare a dormire dopo una serata trascorsa nei locali e la percezione del rischio connessa alla guida ad alta velocità o dopo l'assunzione di sostanze; la perdita di controllo a cui sono correlati gli incidenti stradali.

Manuela Martoni, psicologa e psicoterapeuta, è direttrice U.O. Ser.T di Lugo-Azienda Usl di Ravenna, responsabile del progetto di prevenzione "Safe style", membro del Comitato direttivo di ERIT-Italia. Si occupa di adolescenza e di educazione alla salute. Tra le ultime pubblicazioni: La valutazione delle azioni preventive, in Nizzoli U. e Pissacroia M. (a cura di), Trattato completo degli abusi e delle dipendenze, Piccin, vol. II, 2004.

Anna Putton, psicologa e psicoterapeuta, è supervisore nella Scuola di specializzazione quadriennale in Psicologia clinica di comunità e psicoterapia umanistica integrata-ASPIC (Roma). Si occupa di consulenza e formazione. È autrice di numerose pubblicazioni tra cui: con Francescato D., Star meglio insieme, Mondadori 1995; Empowerment e scuola, Carocci 1999.

Indice



Manuela Martoni, Anna Putton, Prefazione
Ringraziamenti
Parte I. Mondo giovanile, rischio e prevenzione
Linda Lombi, Le ambivalenze della società del rischio
Elvira Cicognani, La prevenzione delle condotte a rischio in adolescenza
Anna Putton, Empowerment e giovani
Gilberto Gerra, Gabriele Moi, Amir Zaimovic, Monica Bussandri, Cristina Bubici, Nuove sostanze e condizioni di rischio nell'adolescenza
Parte II. Possibili strategie di intervento
Anna Putton, Il lavoro di rete nella prevenzione
Manuela Martoni, Il progetto Safe style: per uno stile di vita attento alla sicurezza ed alla salute dei giovani
Manuela Martoni, Linda Lombi, La notte si racconta: una ricerca su stili di consumo di sostanze, guida e percezione del rischio
Appendice
Bibliografia di riferimento
Gli autori.