Le implicazioni sociali del gioco d'azzardo

Il caso dell'Emilia Romagna

Autori e curatori
Contributi
Andrea Antonilli, Greta Baldani, Alessia Bertolazzi, Antonio Bonfiglioli, Edi Canestrini, Teresa Carlone, Dafne Chitos, Sara Sbaragli, Susanna Vezzadini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2014   (Codice editore 1049.23)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Le implicazioni sociali del gioco d'azzardo. Il caso dell'Emilia Romagna
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891709578

In breve

I risultati di una ricerca sulle implicazioni criminologiche e vittimologiche del gioco d’azzardo in Emilia-Romagna. La ricerca ha visto il coinvolgimento di giocatori, ex giocatori, figure apicali delle Forze dell’Ordine e operatori delle strutture di recupero di 9 province emiliano-romagnole.

Presentazione del volume

Il volume riporta i risultati di una ricerca biennale, diretta da Costantino Cipolla, riguardante le implicazioni criminologiche e vittimologiche del gioco d'azzardo in Emilia-Romagna.
La ricerca, frutto di un protocollo d'intesa tra la Regione Emilia-Romagna e l'Università di Bologna, ha visto il coinvolgimento di giocatori, ex giocatori, figure apicali delle Forze dell'Ordine e operatori delle strutture di recupero di 9 province emiliano-romagnole, concludendosi con un Report nel dicembre 2013.
Fra i principali esiti rilevati si evidenzia come l'azzardo, quale "nuova e incentivata forma di consumo", anche sul web, sia caratterizzato da un aumento assai rilevante del numero dei giocatori così come dei molteplici interessi di natura criminogena sottesi al poliedrico mondo del gambling, ciò in misura direttamente proporzionale all'allargamento dei confini di quest'ultimo.
Il volume, partendo dalla comparazione con le realtà e le politiche poste in essere in materia in altri contesti europei e d'oltreoceano, propone orientamenti per la comprensione dei più recenti trend relativi al mondo dell'azzardo, significative riflessioni sulla correlazione fra gioco d'azzardo e crimine attinenti la realtà locale ed il tessuto sociale dell'Emilia-Romagna, nonché un'analisi delle politiche territoriali volte a contrastare gli effetti dannosi dell'azzardo, con riferimento sia alle condotte patogene che alla sicurezza e alla prevenzione rispetto ad attività illegali e alle possibili infiltrazioni della criminalità organizzata e mafiosa sul territorio.

Costantino Cipolla è professore ordinario di sociologia e coordinatore del corso di Laurea Magistrale in Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza presso l'Università di Bologna e dirige le riviste internazionali Salute e Società e Sicurezza e Scienze sociali. È autore di circa 500 pubblicazioni di taglio scientifico, soprattutto in riferimento a temi quali la sociologia generale, la sociologia della salute, del gusto e della sicurezza sociale. Tra le sue opere si segnalano per i nostri tipi: L'ambivalenza dell'in-sicurezza nei processi migratori, curato con S. Vezzadini, in Sicurezza e Scienze sociali, a.1, n. 1, 2013; La sicurezza come politica, curato con A. Antonilli, 2013; Perché non possiamo non essere eclettici. Il sapere nella web society, 2013; Droghe al femminile, curato nel 2013.

Indice

Costantino Cipolla, Sara Sbaragli, Introduzione
Sara Sbaragli, Il gioco d'azzardo nel contesto europeo e statunitense
Antonio Bonfiglioli, La normativa italiana in materia di gioco d'azzardo: un commento
Andrea Antonilli,
Dafne Chitos, Gioco d'azzardo: area d'intervento delle Forze dell'Ordine
Greta Baldani,
Il ruolo delle Polizie Locali e Municipali
Alessia Bertolazzi,
Il gioco d'azzardo online: rischi per una pratica sociale a vincoli deboli
Susanna Vezzadini,
Giocatori, vittime e gioco d'azzardo
Teresa Carlone,
Gioco d'azzardo patologico: i servizi, gli interventi
Sara Sbaragli, Clinica virtuale e gambling
Edi Canestrini, Sitografia ragionata
Notizie sugli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi