Innovazione sociale.

Pratiche e processi per ripensare le comunità

Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 144,      1a edizione  2019   (Codice editore 266.1.36)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Innovazione sociale. Pratiche e processi per ripensare le comunità
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,50
Condizione: Ristampa in corso, consegna prevista il 03 ottobre 2020
Disponibilità: Nulla



Codice ISBN: 9788891789679

In breve

Il volume si propone come un lavoro di ricomposizione concettuale rispetto alla varietà di definizioni e approcci che descrivono le pratiche e i processi socialmente innovativi. Nel testo si possono trovare approfondimenti teorici, definizioni, approcci, prospettive, modellizzazioni dell’innovazione sociale, accompagnati da esempi specifici che intendono raccontare brevemente le storie di chi, dal nord al sud Italia, sta cercando di promuovere progetti comunitari, intercultura, condivisione, sostenibilità e spazi di resistenza creativa.

Presentazione del volume

Che cos'è l'innovazione sociale? Da quali dimensioni è composta?
In che modo si diffonde e quali sono gli ambiti in cui agisce? Il volume intende rispondere a questi e tanti altri quesiti, proponendosi come un lavoro di ricomposizione concettuale rispetto alla varietà di definizioni e approcci che descrivono le pratiche e i processi socialmente innovativi. Partendo dalla capacità creativa di individui e gruppi, l'innovazione sociale affronta le sfide emergenti attraverso un processo di apprendimento collettivo che porta al mutamento delle relazioni sociali e, spesso, promuove empowerment e dinamiche partecipative nate da istanze locali. Gli ambiti in cui interviene sono molteplici: dalla questione ambientale fino alla rigenerazione urbana, dall'inserimento lavorativo e la questione abitativa fino alla mobilità, qui declinata come turismo e come migrazione.
Nel testo si possono trovare approfondimenti teorici, definizioni, approcci, prospettive, modellizzazioni dell'innovazione sociale, accompagnati da esempi specifici che intendono raccontare brevemente le storie di chi, dal nord al sud Italia, sta cercando di promuovere progetti comunitari, intercultura, condivisione, sostenibilità e spazi di resistenza creativa.

Melissa Moralli
, Ph.D., è sociologa della cultura e lavora presso il Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia dell'Università di Bologna. È stata visiting scholar presso il Centre de Recherche sur les Innovations Sociales dell'Université du Québec à Montréal e l'Institute for Public Knowledge della New York University. Ha pubblicato diversi articoli e saggi sul tema dell'innovazione sociale, del turismo e della migrazione.

Indice

Introduzione: aprendo la black box dell'innovazione sociale
Origini e sviluppi del concetto
(Sull'importanza dell'innovazione sociale per la sociologia; Weber e le invenzioni sociali; Schumpeter e la distruzione creatrice; Gli intellettuali francesi e "les innovations sociales"; Le teorie dei movimenti sociali e l'approccio dei modi di regolazione)
Verso un'epistemologia dell'innovazione sociale
(Definizioni molteplici; Innovazione, innovazione sociale e innovazione tecnologica: trova le differenze; Una questione di approccio; Le dimensioni e le caratteristiche dell'innovazione sociale; Le api, gli alberi e il triangolo sociale; Dalla path-dependency alla path-building e il ruolo della cultura)
Dalle origini al mutamento: come nasce, si diffonde e... muore l'innovazione sociale
(Innovazione sociale individuale e collettiva; Il processo di diffusione; Innovazione e trasformazione sociale, quale legame?)
Il ruolo sociale dell'innovazione
(Innovazione sociale, reciprocità e beni comuni; L'approccio delle capabilities; Redistribuzione, riconoscimento e rappresentazione; Innovazione e capitale sociale; Innovazione sociale, empowerment e apprendimento collettivo; Partecipazione e riappropriazione dello spazio pubblico)
Innovazione sociale e mobilità: azioni e narrative creative tra turismo e migrazione
(Comunità in azione: il turismo responsabile come innovazione sociale; Nuove pratiche e immaginari migratori)
Conclusioni: l'innovazione sociale come Giano bifronte
Riferimenti bibliografici.