La neuropsicologia italiana contemporanea e il contributo del gruppo di Milano
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA 
Autori/Curatori: Giuseppe Vallar 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 79-102 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/rip1-2021oa11602
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

L’articolo si apre con una definizione di “neuropsicologia” e riassume le fasi iniziali dello sviluppo della neuropsicologia italiana contemporanea, con particolare riferimento all’approccio metodologico e alle prime attività del “Gruppo di Milano”, formatosi, nei primi anni ’60 del ‘900, attorno al neurologo Ennio DeRenzi, nella Clinica delle Malattie Nervose e Mentali dell’Università di Milano.La nascita di questo Gruppo, con lo sviluppo sistematico di ricerche su vari ed importanti temi (l’afasia e la sua riabilitazione, i deficit del riconoscimento degli oggetti, dell’intelligenza e del pensiero astratto, l’aprassia, la negligenza spaziale unilaterale) diede alla neuropsicologia italiana una visibilità internazionale mai raggiunta in precedenza. Prima dello sviluppo del Gruppo di Milano, in Italia gli studi neuropsicologici, per lo più di singoli pazienti con deficit appariscenti, pur presenti e con risultati talora di rilievo, erano rimasti episodi isolati, nel solco dei contributi maggiori degli autori Francesi, Tedeschi e dell’Impero Austro-Ungarico e Britannici, senza uno sviluppo organico di programmi di ricerca da parte di gruppi organizzati. Infine, sono ricordati i rapporti di Marcello Cesa-Bianchi con componenti il Gruppo di Milano e con l’autore di questo articolo.


Keywords: neuropsicologia, gruppo di Milano, afasia, aprassia, amnesia, negligenza spaziale unilaterale

Giuseppe Vallar, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA" 1/2021, pp. 79-102, DOI:10.3280/rip1-2021oa11602

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche