"Io non ho paura"

Roberto Trinchero

"Io non ho paura"

2. Capire e affrontare il bullismo

Un volume che offre a insegnanti ed educatori strumenti per capire e affrontare i fenomeni di bullismo, nella scuola e fuori. Attraverso l’analisi di alcuni casi emblematici, narrati da insegnanti di scuola primaria e secondaria di primo grado che hanno affrontato il problema, il testo aiuta a comprendere quali interventi di prevenzione e contrasto possono essere efficaci.

Edizione a stampa

24,00

Pagine: 212

ISBN: 9788856805512

Edizione: 2a ristampa 2013, 1a edizione 2009

Codice editore: 435.16

Disponibilità: Discreta

Chi sono i bulli? Chi sono le loro vittime? Perché un ragazzo dovrebbe sentire il bisogno di prevaricare sistematicamente gli altri? Cosa succede tra i ragazzi quando gli adulti "non guardano"? La "società dei ragazzi" è una società di eguali? Se non lo è, come vengono definite le gerarchie?
Il presente testo intende fornire ad insegnanti ed educatori strumenti per capire ed affrontare i fenomeni di bullismo, nella scuola e fuori, partendo dall'analisi delle dinamiche che definiscono lo status dei bambini e dei ragazzi all'interno dei gruppi di cui fanno parte e ne regolano i rapporti interpersonali. Il bullismo può sorgere come conseguenza di tali dinamiche, soprattutto quando sui ragazzi gravano pressioni dettate dal loro ambiente famigliare, amicale o scolastico, e quando il mondo degli adulti veicola loro messaggi, impliciti o espliciti, che sottendono determinati sistemi valoriali.
È imparando a leggere questi segnali precoci, già a partire dalla scuola primaria, che l'insegnante e il genitore possono prevenire lo sviluppo di atteggiamenti bullistici ed aiutare le vittime ad acquisire fiducia nelle relazioni con i propri pari, superando le paure che troppo spesso accompagnano la loro esperienza scolastica.
Il testo guida il lettore all'analisi di alcuni casi emblematici, narrati da insegnanti di scuola primaria e secondaria di primo grado che hanno affrontato il problema, allo scopo di aiutarlo a comprendere quali interventi di prevenzione e contrasto possono essere efficaci in relazione alle specifiche situazioni e contesti di di riferimento.

Roberto Trinchero insegna Pedagogia sperimentale e Metodologia della ricerca educativa presso la Facoltà di Scienze della formazione dell'Università degli Studi di Torino e la SSIS dello stesso Ateneo. Tra le sue recenti pubblicazioni: Manuale di ricerca educativa, Milano, FrancoAngeli, 2002; I metodi della ricerca educativa, Roma, Laterza, 2004; (con A. Parola) Vedere, guardare, osservare la TV. Proposte di ricerca-azione sulla qualità dei programmi televisivi per i minori, Milano, FrancoAngeli, 2006.



Gianfranco Rotondi, Prefazione
Introduzione
Capire e affrontare il bullismo
(Cos'è il "bullismo"?; Bullismo e gerarchia nella "società dei ragazzi"; Gerarchie maschili e femminili; Riconoscere i bulli, vittime, gregari, spettatori; Contesti che favoriscono il bullismo; Intervenire contro il bullismo)
Il bullismo visto dagli insegnanti
(Storie di ragazzi che hanno paura; Bulli e vittime: le caratteristiche emerse dall'indagine)
Contro la paura: principi e proposte di intervento
(Essere consapevoli che "bullo non è chi allaga la scuola"; Cogliere le gerarchie, osservare il gruppo; Stabilire un rapporto di fiducia, ascoltare i ragazzi senza farsi guidare da pregiudizi; Superare la logica delle gerarchie, creare il gruppo; Indirizzare la voglia di emergere in direzioni positive; Essere consapevoli dei messaggi, espliciti e impliciti, che provengono dal mondo degli adulti; Mettere in discussione i (dis)valori dei ragazzi; Insegnare a non avere paura dell'altro; Insegnare i propri diritti e doveri; A ciascuno il suo mestiere)
Adriana Battaglia, Postfazione
Pier Franco Dagasso, Appendice. Bullismo e responsabilità giuridiche
Bibliografia.



Contributi: Adriana Battaglia, Pier Franco Dagasso, Gianfranco Rotondi

Collana: Educare alla salute: strumenti, ricerche e percorsi

Argomenti: Strumenti per insegnanti - Strumenti per educatori - Bullismo

Livello: Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari - Guide di autoformazione e autoaiuto

Potrebbero interessarti anche