La teoria dei colori stile & società a contrasto

Quando siamo poveri la moda è ricca. E viceversa

Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 130,      1a edizione  2021   (Codice editore 244.68)

La teoria dei colori stile & società a contrasto Quando siamo poveri la moda è ricca. E viceversa
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Questo libro si rivolge agli appassionati e ai curiosi di moda e costume, agli stakeholder, agli studenti... e anche a chi ritiene che abiti e accessori siano l’apoteosi dell’inconsistenza. Perché tutto è vanità. E niente è più utile del futile.

Utili Link

Oggi Tempi duri, l'eccesso e di moda… Vedi...
Elle L'anima dei colori… Vedi...

Presentazione del volume

"La teoria dei colori" è semplice: in epoche di benessere le tonalità sono sobrie, mentre diventano accese in tempi calamitosi.
Era così nei ricchi anni Ottanta quando, nelle redazioni dei fashion magazine di tutto il mondo, le ragazze e le signore alla moda vestivano rigorosamente di nero.
È così ai giorni nostri, dalla crisi del 2008 alla pandemia, con sfilate e collezioni innervate di fluo e color block.
Un pamphlet che definisce il rapporto tra moda e società, nelle diverse stagioni dell'ultimo secolo, tra picchi di opulenza e smarrimento.
Un filo invisibile che unisce Elsa Schiaparelli ad Alessandro Michele.
E Cristóbal Balenciaga a Rei Kawakubo.
Arricchito da dialoghi con protagonisti di altre creatività (arte, design, architettura, musica, cinema, letteratura).
Questo libro si rivolge agli appassionati e ai curiosi di moda e costume, agli stakeholder, agli studenti... E anche a chi ritiene che abiti e accessori siano l'apoteosi dell'inconsistenza. Perché tutto è vanità. E niente è più utile del futile.

Eugenio Gallavotti, giornalista professionista dagli anni Settanta, è docente a contratto di Comunicazione della moda all'università Iulm e di Giornalismo nella moda al master Walter Tobagi dell'Università degli studi di Milano. Con il boom del prêt-à-porter negli anni Ottanta, iniziò a collaborare con la rivista Moda. Così, nel 1987, Carla Sozzani e Lamberto Sechi, i primi direttori, lo cooptarono come caporedattore centrale di Elle, poi vicedirettore esecutivo e responsabile editoriale di Elle.it e delle brand extension (Very Elle Accessori, Elle Kids, Elle Spose...).

Indice

Introduzione
Schiaparelli contro Balenciaga
(Springtime for Hitler; E, invece, in tempi facili?)
La sobrietà dei ricchi anni Ottanta
Una crisi a colori
Fare le scarpe alla pandemia
(L'antitesi dell'essenzialità; Voglia di lucentezza)
Dialoghi sulla moda
(Natalia Aspesi: "Armani e Versace, i due mondi"; Francesco Morace: "I colori tengono in vita un sistema già tramontato"; Carla Sozzani: "Restituire valore alle cose fatte a mano"; Alberto Zanoletti: "Il genio dà il meglio di sé nei periodi tormentati")
Dialoghi su altre creatività
(Gianni Canova: "Il cinema dei supereroi e dei film di testa"; Paolo Di Paolo: "La narrativa è una questione di classi sociali"; Cristina Dosio Morozzi: "Il design si rifà costantemente alla tradizione"; Mario Luzzatto Fegiz: "La musica sta subendo un processo di omologazione"; Franco Raggi: "L'architettura dei grattacieli firmati"; Kris Ruhs: "L'arte di dipingere la malinconia")
Conclusioni
Bibliografia
Ringraziamenti.