"> Professionalità in movimento. Riflessioni pedagogiche sul "buon lavoro" - FrancoAngeli

Professionalità in movimento

Riflessioni pedagogiche sul "buon lavoro"

Autori e curatori
Contributi
Isabella Loiodice
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 128,   2a ristampa 2018,    1a edizione  2014   (Codice editore 431.1.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Professionalità in movimento. Riflessioni pedagogiche sul
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891711366

In breve

Un libro per pedagogisti che studiano le organizzazioni e per quanti invece vi lavorano con il comune intento di promuovere nuovi modelli di management intitolati alla cura e alla formazione. Un libro per formatori che condividono l’idea del lavoro come diritto normativo ma anche diritto formativo, come «capacitazione» che deve essere tutelata e promossa.

Presentazione del volume

La riflessione e l'azione pedagogica possono contribuire in modo sostanziale a riscrivere e riprogettare il lavoro e i luoghi di lavoro come "tempo" e "spazio" di benessere, autorealizzazione e sviluppo del singolo e dell'organizzazione intera.
A partire da tale consapevolezza il volume intende proporre il modello gardneriano del "buon lavoro" come modello di lavoro generativo in grado di coniugare la dimensione produttiva con quella esistenziale-progettuale intitolato all'eccellenza, all'etica e all'engagement e dunque altamente qualificato da un punto di vista tecnico-professionale; responsabile ed etico; coinvolgente e "impegnato". A promuoverlo una "pedagogia del buon lavoro" che non è passivamente assoggettata alle leggi del mercato e della produzione ma che accoglie la sfida difficile di interrogarsi con impegno e in alcuni casi con dissenso critico sulla qualità del lavoro e sulla sua funzione di agente di capabilities ed empowerment. Una "pedagogia del buon lavoro" che si offre come ambito disciplinare e metodologico utile ad analizzare, reinterpretare e decostruire modelli, teorie e problemi del processo lavorativo ma anche come "spazio" operativo-progettuale-trasformativo che non smette di indagare e sperimentare metodi e strategie più efficaci per elevare gli standard di qualità sia di una organizzazione che della vita del soggetto lavoratore.
Un libro per pedagogisti che studiano le organizzazioni e per quanti invece vi lavorano con il comune intento di promuovere nuovi modelli di management intitolati alla cura e alla formazione.
Un libro per formatori che condividono l'idea del lavoro come diritto normativo ma anche diritto formativo, come "capacitazione" che deve essere tutelata e promossa.

Daniela Dato è ricercatrice di Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università degli Studi di Foggia dove insegna Pedagogia del lavoro. Tra le sue pubblicazioni: Prevenire il mobbing. Per un'alleanza tra formazione e lavoro (Adda, 2004), La scuola delle emozioni (Progedit, 2004), Pedagogia del lavoro intangibile. Problemi, persone, progetti (FrancoAngeli, 2009). Ha pubblicato con A. G. Lopez e B. De Serio, Questioni di potere. Strategie di promozione dell'empowerment (FrancoAngeli, 2007), La formazione al femminile (Progedit, 2009). Ha curato il volume La sfida dell'inclusione. Competenze e formazione per la scuola dell'infanzia (Progedit, 2014)

Indice

Isabella Loiodice, Prefazione
Introduzione
Lavoro, cura, persona
(Una "verità perenne"; Il lavoro. "Miscuglio inestricabile di dolore e creazione"; Il soggetto tra tecnica e humanitas; La cura: categoria d'epoca)
Il "buon lavoro": eccellenza, etica, engagement
(Good work; Asset intangibili; Il lavoro eccellente: il focus sulle competenze; Il lavoro etico; Il work engagement; Questione di capabilities o di "allineamento")
Orientarsi al "buon lavoro"
(Cominciare dall'orientamento al lavoro; Esseri "narrativi" inconclusi; Epistemologie professionali in movimento; Alla ricerca del "capitale d'identità"; La competenza primaria; Analisi delle competenze come fattore di successo)
Strumenti di self-assessment e riflessività dialogica
(Una questione di metodo; Pratiche narrative; Bilancio di competenze e self-assessment; Circoli di qualità e razionalità dialogica)
Bibliografia.