Reti resilienti

Il Terzo settore nel nuovo Welfare territoriale

Autori e curatori
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 144,      1a edizione  2020   (Codice editore 1520.796)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Reti resilienti Il Terzo settore nel nuovo Welfare territoriale
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891783875
Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume presenta i risultati di una ricerca condotta nella città di Napoli sul ruolo assunto dal terzo settore cittadino nella definizione dei nuovi assetti del welfare locale. Il testo ricostruisce le reti del terzo settore napoletano, facendone emergere la capacità di alimentare un tessuto di relazioni informali e spontanee, che si configurano e riconfigurano sul territorio, attivando risorse di capitale sociale e coinvolgendo cittadinanza e singole organizzazioni.

Presentazione del volume

Il volume presenta i risultati di una ricerca condotta nella città di Napoli sul ruolo assunto dal terzo settore cittadino nella definizione dei nuovi assetti del welfare locale. Recuperando le categorie analitiche e metodologiche della Social Network Analysis, il volume propone un'interpretazione del principio di sussidiarietà in chiave relazionale: ricostruisce le reti del terzo settore napoletano, ne cattura le dinamiche di stratificazione e gerarchizzazione interna, in un welfare locale sempre più ancorato all'adozione di pratiche sussidiarie tra una pluralità attori. Accanto alla dimensione formale che caratterizza reti sorte intorno a specifiche problematiche sociali, emerge la capacità del terzo settore di alimentare un tessuto di relazioni informali, spontanee, fluide, che si configurano e riconfigurano sul territorio, attivando risorse di capitale sociale e coinvolgendo cittadinanza e singole organizzazioni, sia pubbliche che private. Sono state definite reti resilienti: network in cui prendono forma pratiche che mostrano l'elasticità del corpo sociale, mediata attraverso l'agire degli enti non profit, capace di rispondere a situazioni di disagio muovendo risorse organizzative, professionali, sociali e politiche. Dentro le maglie nel nuovo welfare territoriale.

Luigi Delle Cave, Ph.D., ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Sociologia e Ricerca sociale presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente collabora con il Dipartimento dove conduce attività di ricerca e seminari didattici in materia di Social Network Analysis applicata al campo delle politiche urbane e sociali, con particolare attenzione ai temi del terzo settore, welfare, qualità della vita e resilienza urbana.

Indice

Introduzione
Nota metodologica
Il ruolo del terzo settore nel welfare territoriale
Premessa
Tra Stato e terzo settore: formule di sussidiarietà
Localizzazione del welfare: processi e dinamiche
La dimensione relazionale: assetti di governance localistica
Quantificare il fenomeno: le fonti statistiche
Tra solidarietà e impresa sociale: le differenti anime del terzo settore
Premessa
La strada della professionalizzazione: il sociale si fa impresa
Traiettorie di sviluppo: il punto di vista degli esperti
La professione sociale tra competenza e motivazione
Lavoro non standard: il punto di vista dei professionisti del sociale
Le organizzazioni del terzo settore nel campo dei servizi socio-assistenziali del Comune di Napoli
Premessa
Il terzo settore nella definizione delle politiche sociali comunali
Reti territoriali: il network delle Ots napoletane
Tra centro e periferie del network
La governance di rete: attori rilevanti
Reti resilienti: formale e informale nelle pratiche di comunità
Premessa
La qualità della vita nel contesto urbano
Le dimensioni della qualità della vita nel centro storico di Napoli
Resilienza sociale: una definizione
Reti resilienti: dono, solidarietà e risorse nascoste
Conclusioni
Riferimenti bibliografici.