Cultura della responsabilità e sviluppo locale.

La società globale e le comunità responsabili del turismo e del cibo

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 144,      1a edizione  2019   (Codice editore 266.1.35)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Cultura della responsabilità e sviluppo locale. La società globale e le comunità responsabili del turismo e del cibo
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,50
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Dedicato in particolare alle comunità raccolte intorno alle culture responsabili del turismo e del cibo, il volume cerca di mettere in luce come le loro pratiche alternative rappresentino l’orizzonte responsabile della capacità collaborativa degli individui e delle comunità nella tarda-modernità.

Presentazione del volume

La globalizzazione mette in crisi tutti i tipi di comunità ma spinge, al contempo, ognuno di noi a una crescente assunzione di responsabilità verso ciò che è comune, favorendo nuove forme di legame sociale e di collaborazione spesso "localizzata".
Si tratta di una razionalità del quotidiano direttamente legata al territorio, il quale è fatto oggetto di una riappropriazione simbolica e materiale che si manifesta in forme collettive innovative e non immediatamente riconducibili ad un mero protezionismo localistico, bensì a percorsi autonomi basati su circuiti sociali virtuosi di responsabilità condivisa, atti alla rielaborazione di uno sviluppo possibile.
Il libro è dedicato, in particolare, alle comunità raccolte intorno alle culture responsabili del turismo e del cibo e cerca di mettere in luce come le loro pratiche alternative rappresentino l'orizzonte responsabile della capacità collaborativa degli individui e delle comunità nella tarda-modernità.

Stefano Spillare è dottore di ricerca in Sociologia e da diversi anni lavora con l'Università di Bologna e altri centri di ricerca italiani sui temi del consumo responsabile, della collaborazione e dell'innovazione sociale e sostenibile. È autore di contributi in volumi e riviste scientifiche, nonché coautore di L'Italia del biologico. Un fenomeno sociale, dal campo alla città (con R. Paltrinieri, 2015).

Indice

Introduzione
La cultura della responsabilità nella tarda modernità
(La globalizzazione tra razionalizzazione e responsabilità riflessiva; Etica della responsabilità e capacità auto-organizzative della società civile; Dalla comunità di sentimento alle comunità responsabili; I legami di reciprocità nella tarda modernità: dal capitale sociale alla "fiducia attiva")
Nuovo ordine "glocale" e prospettive di sviluppo emergenti
(Politiche stantie e l'esigenza di una governance placebased; Instabilità, nuove diseguaglianze e crisi del welfare state; Responsabilità Sociale Condivisa e nuovi paradigmi collaborativi)
Le comunità responsabili del turismo
(L'identità locale come opportunità di sviluppo turistico community-based; Collaborazione e capitale sociale negli studi sul turismo di comunità; Declino montano e opportunità del turismo di comunità in Italia)
Le comunità responsabili del cibo
(La figura emergente del cittadino-consumatore e le forme riflessive di consumo alimentare; Dalle pratiche individualizzate alla co-produzione: la prospettiva dell'agricoltura civile; Gruppi d'Acquisto Solidale e innovazione; Capitale sociale, fiducia e collaborazione nei Civic Food Network. Alcune evidenze da casi empirici)
Comunità responsabili e social web
(Dalla comunità "territorializzata" a quella "virtuale"... e ritorno; Quale condivisione? Sharing economy e consumo collaborativo nell'era dell'accesso; La crescente indistinzione tra produzione e consumo e la figura emergente del prosumer; Sharing economy e sviluppo turistico; Dai Civic Food Network alle Civic Food Platform)
Note conclusive
Riferimenti bibliografici.