Halloween

La festa delle zucche vuote

Autori e curatori
Contributi
Luigi Berzano, Domenico Branca, Sebastiano Mannia, Fabio Mugnaini, Antonello Ricci
Argomenti
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 150,      1a edizione  2020   (Codice editore 62.80)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Halloween La festa delle zucche vuote
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835109426

In breve

Il volume si inserisce nella polemica su Halloween, la cui inarrestabile diffusione in Italia ha allarmato persino la Chiesa, che ha dichiarato la propria avversione nei suoi confronti. Ma questa ricorrenza, che non è una minaccia alla nostra integrità culturale quanto piuttosto un elemento di arricchimento, è tuttora una commemorazione dei defunti e deve essere interpretata in termini di continuità con il tradizionale culto dei morti.

Presentazione del volume

Quando si tratta di Halloween è subito polemica. Nell'immaginario collettivo rappresenta la festa americana per eccellenza, simbolo di una società dedita a un consumismo sfrenato. Gli Stati Uniti, attraverso il cinema, la televisione, i libri e i racconti horror con Halloween come sfondo e come spunto delle loro trame, l'hanno esportata in tutto il mondo, contagiando anche quella parte dell'Europa che le era rimasta estranea. La pratica del "dolcetto o scherzetto" costituisce forse l'aspetto più simpatico e divertente di tutta la festa e da qualche anno lo si osserva anche da noi; coinvolge sia i bambini mascherati, che suonano casa per casa, sia gli adulti che nelle loro abitazioni si preparano ad accoglierli con i dolci. Da tempo l'inarrestabile diffusione di Halloween in Italia ha allarmato la Chiesa, che ha dichiarato la propria avversione nei suoi confronti. Ma questa ricorrenza, che non è una minaccia alla nostra integrità culturale quanto piuttosto un elemento di arricchimento, è tuttora una commemorazione dei defunti e deve essere interpretata in termini di continuità con il tradizionale culto dei morti.

Laura Bonato è docente di Antropologia culturale e di Antropologia dei beni culturali presso il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne dell'Università di Torino. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Aree Marginali. Sostenibilità e saper fare nelle Alpi (a cura di, Milano 2017); Antropologia della festa. Vecchie logiche per nuove performance (Milano 2017); Fantastiche montagne. Esseri e luoghi dell'immaginario nelle terre alte (a cura di, Milano 2019).

Lia Zola è docente di Antropologia culturale e di Antropologia culturale e processi formativi presso il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne dell'Università di Torino. Tra le sue ultime pubblicazioni: Paesaggi, spazi e luoghi sacri nello sciamanesimo siberiano (Torino 2015); Ambientare. Idee, saperi, pratiche (a cura di, Milano 2017); Fantastiche montagne. Esseri e luoghi dell'immaginario nelle terre alte (a cura di, Milano 2019); Natura animata (a cura di, Milano 2020).

Indice

Laura Bonato, Lia Zola, Presentazione
Laura Bonato, Una festa "di ritorno": contatti, contaminazioni, travisamenti
Luigi Berzano
, Halloween. Persistenza e trasformazioni
Antonello Ricci, Il mito di Halloween
Fabio Mugnaini, Hallowitaly: aggiornamento della tradizione italiana. Dal culto dei morti alla celebrazione carnevalesca della morte
Sebastiano Mannia, Su mortu mortu
vs Halloween. Questue infantili in Sardegna
Domenico Branca,
Halloween in Sardegna e Irlanda
Lia Zola, Di zucche, spiriti e trapassi. Halloween nella Siberia orientale
Gli autori.





Pubblicità