BOOKS BY PAOLO DE NARDIS

The search has found 24 titles

Costantino Cipolla

Versus Max Weber

Max Weber è probabilmente lo studioso più “grande” appartenente alla storia della sociologia. Scansata la sudditanza da un lato e l’accanimento critico dall’altro, il testo punta al cuore del pensiero weberiano, verso una frammentazione organica della sua opera, di un “grande” scienziato storicosociale, anche se a volte piuttosto “piccolo”, capace di gravi errori di merito e di deformazioni valoriali del tutto rilevanti.

cod. 1042.109

Pubblicato postumo nel 2000 e qui tradotto, La religione della società è uno degli ultimi lavori della serie che Luhmann ha dedicato ai vari sottosistemi della società moderna. Per Luhmann la religione è un sottosistema sociale autonomo, che serve a garantire che qualunque senso possa essere determinato nonostante esso rimandi sempre alla sua indeterminatezza di fondo.

cod. 1042.106

Carmelo Lombardo, Sergio Mauceri

La società catastrofica

Vita e relazioni sociali ai tempi dell’emergenza Covid-19

Il volume raccoglie e discute le interpretazioni dei principali risultati di una ricerca sociologica – a cui hanno partecipato, nella fase del lockdown, quasi quindicimila persone – su come l’emergenza Covid-19 abbia trasformato gli stili di vita, le relazioni sociali e le aspettative degli italiani. La pandemia ha reso evidente come l’origine e la produzione dei rischi, a differenza che nel passato, non sono imputabili a cause esterne, ma rimangono interne alla società stessa; e che gli stati di emergenza sono ormai la norma piuttosto che l’eccezione. Nello spazio globale sospeso, creato dalla pandemia, sia la società che la socialità escono stravolte e sollevano questioni che interrogano gli scienziati sociali.

cod. 11315.3

Roberto Cipriani, Rosanna Memoli

La sociologia eclettica di Costantino Cipolla

Il volume prende spunto dalla copiosa produzione scientifica di Costantino Cipolla per dare corso a un’opera corale e partecipata da circa 90 autori. Un itinerario entro il pensiero sociologico dai primi anni ’70 ai nostri giorni con tre generazioni a confronto, per osservare in modo attento la realtà sociale.

cod. 1042.96

Francesco Antonelli, Valeria Rosato

Il porto del disincanto.

Scritti in onore di Maria Luisa Maniscalco

Il volume vuole offrire al lettore un percorso “aperto” che prova a sviluppare alcune delle principali tematiche che Maria Luisa Maniscalco - tra le fondatrici della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi “Roma Tre”- ha affrontato e continua ad affrontare nei suoi studi.

cod. 1520.771

Il volume si confronta con le tematiche delle funzioni manifeste e latenti nelle relazioni interpersonali e nelle strutture organizzate. I continui riferimenti extra-disciplinari, dalla filosofia alla psicoanalisi, dall’antropologia alla linguistica, dall’economia alle scienze giuridiche, uniti alle indicative e talora divertenti metafore biologiche ed etologiche, rendono il libro divulgativo e “alto” allo stesso tempo.

cod. 1043.81

Guido Cimino, Giovanni Pietro Lombardo

La nascita delle "scienze umane" nell'Italia post-unitaria

La nascita delle “scienze umane” in un crogiolo intellettuale assai complesso pieno di molteplici e differenti ingredienti. Muovendo dal positivismo italiano, il discorso passa attraverso il pensiero sociologico di Labriola e tocca alcuni nuclei storici, teoretici e istituzionali delle nascenti scienze psicologiche, antropologiche e pedagogiche, soffermandosi su alcuni protagonisti di questa straordinaria stagione culturale.

cod. 1582.12

Mario Aldo Toscano, Antonella Cirillo

Sulla razionalità occidentale.

Percorsi, problemi, dialettiche

L’Occidente non ha elaborato solo sofisticate attrezzature strumentali; ha prodotto anche degni apparati assiologici. Naturalmente la sua storia manifesta empiricamente ed egualmente la convinta pratica di tali ‘conquiste’ e la loro radicale negazione. Nella razionalità occidentale c’è dunque un elemento dilemmatico costante, che spesso assume un carattere di tragedia.

cod. 1944.38

Il volume concentra l’attenzione sull’emblematicità del potere temporale dell’Islam, o colonial-totalitarismo religioso, un aspetto presente geneticamente nell’esperienza storica dell’Islam, che detta ancor oggi legge morale e giuridica a credenti e non credenti dei territori conquistati, e che forse, alla luce delle recenti rivolte, viene messo più che mai in discussione.

cod. 262.22

Biologi, sociologi, filosofi della scienza, medici e giuristi cercano alcuni punti di mediazione, ma anche di divergenza, tra le diverse letture possibili di un confronto sulle radici genetiche del comportamento, sulla struttura innata dei processi mentali, sulle facoltà comunicative e di apprendimento, così rilevanti per modellare le interazioni sociali. Neodarwinismo e Scienze sociali si confrontano nel testo nell’auspicio di produrre chiarezza intorno alla possibilità di costruire un dialogo tra diversi saperi, unanimamente ritenuto condizione essenziale del progresso scientifico.

cod. 1042.53

Il rischio clinico è ormai una locuzione di uso corrente e per gli studiosi è diventata una categoria analitica consolidata. Nello sfondo è presente il rapporto vivo e vitale tra salute e malattia nella concretezza del rapporto medico-paziente. Il volume propone strategie per superare diffidenze e corticircuiti comunicativi, per ricostruire, sulla base di un bene particolare quale la salute, il profilo di nuove e più feconde alleanze terapeutiche.

cod. 262.16

Carlo Latini, Vincenzo Vita

Il Sessantotto

Un evento, tanti eventi, una generazione

Un volume sull’attualità del ’68, in occasione del quarantesimo anniversario di quell’anno straordinario di rottura, controinformazione, agitazione politica, ma innanzitutto modernizzazione culturale. Da un’Italia arretrata e conformista si passò in breve a un paese più aperto e cosmopolita, quel paese che avrebbe avuto le leggi sul divorzio, sull’aborto, sulla soppressione dei manicomi, sulla Rai, sui canoni di affitto. E che visse una stagione nel cinema, nel teatro, nella musica e un po’ anche nella letteratura irripetibile…

cod. 262.14

Fabiola Iadanza

Consumi edonistici

La società del piacere

Il rapporto dei giovani con il tempo, scandito dalla propensione a un presente da consumare in quanto tale, senza memoria del passato. Tale rimozione del passato, nonché esorcizzazione del futuro, è il fulcro del volume, che si proietta, con la costruzione del “piacere” come categoria sociologica, in un sistema valoriale in cui il consumo ludico è fondamentale per l’integrazione in un sistema di riferimento retto da un patto sociale che pone come imperativi il raggiungimento di successo e piacere.

cod. 262.15

Paolo De Nardis, Angela Cattaneo

Taciti accordi

I giovani del Lazio nella scommessa societaria

cod. 262.12

Paolo De Nardis

L'equivoco sistema

Soggetti, istituzioni e struttura sociale nelle prospettive funzionalistiche

cod. 1535.16