L’uomo che non c’era: un’analisi delle produzioni discorsive sulla solitudine delle madri

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’
Autori/Curatori: Elisabetta Camussi
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 31-41 Dimensione file: 646 KB
DOI: 10.3280/PSC2010-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

A partire dagli esiti di una ricerca sulle rappresentazioni sociali della maternità (Camussi, 2009), il contributo indaga "la solitudine delle madri" attraverso l’analisi delle produzioni discorsive di un gruppo di donne (lavoratrici, cultura medio-alta, residenti a Milano) con un’esperienza di maternità "normale". I risultati mostrano che la solitudine è una scoperta tanto sgradevole quanto inaspettata e deriva: 1) dall’assenza dei partner, padri "nuovi" e coinvolti, spesso non altrettanto adeguati a cogliere la complessità del ruolo materno; 2) dalla mancanza di reti famigliari e sociali che forniscano alle donne condivisione e supporto, riducendo l’investimento e le attese sul partner.

Elisabetta Camussi, L’uomo che non c’era: un’analisi delle produzioni discorsive sulla solitudine delle madri in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 2/2010, pp 31-41, DOI: 10.3280/PSC2010-002004