Il diritto di seguito nel mercato dell’arte contemporanea

Titolo Rivista: ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO
Autori/Curatori: Silvia Stabile
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 0 P. Dimensione file: 0 KB
DOI: 10.3280/edt1-2017oa5148
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Oggi il mercato dell’arte contemporanea è sempre più globale e si assiste ad una crescente delocalizzazione delle vendite verso Paesi in cui il diritto di seguito non è previsto dalla legislazione nazionale. L’articolo affronta le origini del diritto di seguito (droit de suite) in Francia, alla fine del 1800, la sua introduzione, a livello internazionale, con la Convenzione di Berna e, infine, nei Paesi dell’Unione Europea con la Direttiva 2001/84/CE. L’articolo inoltre descrive, in sintesi, il quadro normativo relativo al diritto di seguito in Italia, distinguendo tra mercato dell’arte primario e secondario, per poi affrontare la proposta di riforma della legge sul diritto d’autore della Repubblica Popolare Cinese e i più recenti dibattiti all’interno della comunità dell’arte degli Stati Uniti d’America. In conclusione, è presentata una soluzione alternativa per gli artisti di quei Paesi che non riconoscono il diritto di seguito: la previsione contrattuale della royalty nell’accordo con l’artista per ogni rivendita delle sue opere d’arte.

Silvia Stabile, Il diritto di seguito nel mercato dell’arte contemporanea in "ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO" 1/2017, pp , DOI: 10.3280/edt1-2017oa5148