La formazione degli insegnanti in era Covid. Descrizione e analisi di una esperienza laboratoriale sui temi della pedagogia e della didattica inclusiva
Titolo Rivista: EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY 
Autori/Curatori: Fabio Bocci, Ines Guerini 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 271-286 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ess1-2021oa11990
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

La Pandemia Covid-19, com’è ormai ampiamente noto, ha costretto a un ripensamento degli spazi sociali della relazione anche educativa e formativa, facendo emergere tutta una serie di criticità e di questioni già presenti in era pre-pandemica ma che i confinamenti obbligati e i limiti imposti dal distanziamento hanno amplificato. In tal senso, anche in ambito universitario si è dovuto operare una riconfigurazione non solo degli spazi (presenza vs distanza) ma del paradigma della formazione stessa. Questo ha rappresentato e sta rappresentando una opportunità per chi ha raccolto positivamente tale sfida, aprendosi a esperienze che - pur nella loro tendenza a ri-adattare il vecchio nel nuovo - hanno comunque introdotto alcuni elementi innovativi e la sperimentazione di campi d’azione poco o non del tutto esplorati. È quanto accaduto anche agli autori del presente contributo nel quale si descrivono alcune esperienze laboratoriali condotte nell’ambito della formazione iniziale degli insegnanti del ciclo primario. Lo sfondo è dato dall’ambito di riferimento: quello della pedagogia e della didattica inclusiva, che hanno rappresentato non solo il contenuto disciplinare da veicolare ma l’orizzonte di senso per le scelte metodologico-didattiche adottate e per la scelta dello stesso oggetto di studio proposto ai partecipanti.


Keywords: disability; inclusive education; teacher training; remote workshop experiences; pandemic Copyright © FrancoAngeli This work is released under Creative Commons Attribution - Non-Commercial - No Derivatives License. For terms and conditions of usage please see: http://creativecommons.org

  1. Bocci F. (2014). Rappresentazioni cinematografiche della disabilità e Pedagogia Spe-ciale. Dalle classificazioni ai Disability Studies. In M. Corsi, a cura di: La ricerca pedagogica in Italia. Tra innovazione e internazionalizzazione. Lecce: Pensa Multimedia.
  2. Bocci (2020a). Altri corpi nei “Film di mezzanotte”. Visioni e analisi delle rappresen-tazioni della disabilità e della diversità. In F. Bocci & A.M. Straniero: Altri corpi. Visioni e rappresentazioni della (e incursioni sulla) disabilità e diversità. Roma: Roma Tre-Press.
  3. Bocci F. (2020b). L’abilismo e i corpi intralciati nella rappresentazione mediale. In F. Gomez Paloma a cura di: Embodiment & School. Lecce: PensaMultimedia, pp. 126-133.
  4. Bocci F., Bonavolontà G. (2020a). Un’altra società è possibile? Ovvero: Il Circo della Farfalla, metafora del valore della diversità o dei corpi produttivi?. In F. Bocci & A.M. Straniero: Altri corpi. Visioni e rappresentazioni della (e incursioni sulla) disabilità e diversità. Roma: Roma Tre-Press.
  5. Bocci F. & Bonavolontà G. (2020b). Tecnologia e diversità nelle rappresentazioni mediali. Un’analisi di due prodotti seriali per la televisione. Ricerche Pedagogiche, LIV(214): 53-68.
  6. Bocci F., Bonavolontà G. & Domenici V. (2021). Non solo intrattenimento. Una ricer-ca esplorativa sull’utilizzo dell’audiovisivo nella didattica universitaria durante il lockdown. In V. Carbone, G. Carrus F. Pompeo & E. Zizioli, a cura di: La Ricerca dipartimentale ai tempi del Covid-19. Roma: Roma Tre Press.
  7. Bocci F. & Domenici V. (2013). La rappresentazione complessa della disabilità nel cinema contemporaneo. Analisi de Le Scaphandre et le Papillon di Julian Shna-bel. Ricerche Pedagogiche, 187: 17-24.
  8. Bocci F. & Domenici V. (2019). La diversità nelle narrazioni seriali contemporanee. Un’analisi critica dei processi di incorporazione e immunizzazione. Italian Jour-nal of Special Education for Inclusion, VII(2): 416-429.
  9. Bocci F., Gueli C. & Guerini I. (2020). I corpi disabili nelle campagne pubblicitarie. Esiti di un’indagine esplorativa. In F. Bocci & A.M. Straniero. Altri corpi. Visioni e rappresentazioni della (e incursioni sulla) disabilità e diversità. Roma: Roma Tre-Press.
  10. Brown S. (2009). Play: how it shapes the brain, opens the imagination, and invigor-ates the soul. New York, NY: Avery Pub Group.
  11. Caillois R. (2000). I giochi e gli uomini: la maschera e la vertigine. Milano: Bompiani.
  12. Caldin R. (2005). Identità e cittadinanza nella disabilità: l’approccio pedagogico. Salute e società, IV(1): 47-69.
  13. Gardou C. (2006). Diversità, vulnerabilità e handicap. Per una nuova cultura della disabilità. Trento: Erickson.
  14. Vadalà G. (2013). La rappresentazione della disabilità tra conformismo e agire politico. In R. Medeghini, S. D’Alessio, A.D. Marra, G. Vadalà, E. Valtellina (a cura di). Disability Studies. Emancipazione, inclusione scolastica e sociale, cittadinanza, Trento: Erickson.
  15. Vygotskij L.S. (1972). Immaginazione e creatività nell’età infantile. Roma: Editori Riuniti.

Fabio Bocci, Ines Guerini, in "EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY" 1/2021, pp. 271-286, DOI:10.3280/ess1-2021oa11990

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche